COS'E' LA REINCARNAZIONE
 

 GLI ANIMALI SI REINCARNANO? (11-10-21)

Quanti di noi che amiamo i "pelosetti", quando purtroppo le loro brevi vite finiscono, si saranno posti questa domanda!
 Li rivedremo in questa, o in un'altra vita? Ci aspettano? Perdere un animale da compagnia può essere un dramma per chi non ha ancora sperimentato dolori più grandi, ma è sempre uno shock che dobbiamo superare.
Allora giriamo la domanda a una famosa "channeler", Anne Givaudan autrice o coautrice di 29 libri tradotti in molti paesi, ha fatto della sua capacità di uscire dal corpo un metodo di lavoro e di inchiesta, affrontando da quel punto di vista straordinario i temi più svariati. Quando ha iniziato a scrivere, parole come “viaggio astrale”, “uscita dal corpo” e “mondi del dopo-vita”
 erano espressioni esoteriche, riservate a pochi.
Anne ha avuto il merito di divulgare questi argomenti e di descrivere universi di cui forse avevamo il presentimento senza osare crederci. Si definisce “una reporter dai mondi sottili”, oltre ad essere una terapeuta dell’anima e del corpo. Parla di queste altre dimensioni, dell’aldilà o della vita su altri pianeti come qualcosa di ovvio, perché tale è per lei, in base alla sua esperienza.

DOMANDA:

Buongiorno Anne, il nostro gatto ci ha lasciati il 30 Aprile. Il periodo tra una incarnazione e l’altra, per un essere umano, è di circa 200 anni. Un animale, e in particolare un gatto, ci mette lo stesso tempo?

RISPOSTA DI ANNE GIVAUDAN

Per gli animali é molto diverso, infatti possono ritornare sulla Terra molto velocemente, sicuramente in un tempo inferiore ai 200 anni, e possono reincarnarsi in un corpo della stessa razza, per esempio un gatto in un altro gatto, oppure cambiarla. Può anche accadere che vogliano rimanere nell’ambiente dei loro padroni fino alla loro morte, per stare loro vicino e ritrovarli poi successivamente. Esistono infatti dei piani intermedi dove, una volta abbandonato il nostro corpo fisico, ritroviamo gli animali che abbiamo amato. Essi sono dei piani che corrispondono al grado di evoluzione degli animali, che é diverso dal nostro e diverso anche da quello del mondo vegetale, sebbene ciò non significhi che nessuno di essi sia migliore o peggiore di un’altro.
 I legami affettivi riuniscono sempre gli esseri che si amano ; che siano di un regno o di un altro le  anime, se lo vogliono, si possono rincontrare tra di loro, aspettarsi, evolvere insieme e a volte reincarnarsi insieme.
Un animale può in effetti decidere di tornare a vivere sulla Terra con la stessa famiglia e in quel caso voi potrete riuscire a riconoscerlo ; magari attraverso una attrazione particolare che potete sentire verso, per esempio, un gattino appena nato, oppure grazie ad atteggiamenti che l’animale ha e che vi ricordano quelli del vostro precedente amico.

Un'altra domanda a cui risponde sempre Anne:

Per quale ragione le anime antiche hanno deciso di reincarnarsi in questo periodo di grande cambiamento?

RISPOSTA

Tante altre anime, oltre a quelle più antiche, hanno deciso di reincarnarsi in questo periodo. Le anime antiche sono quelle anime che hanno già vissuto molteplici incarnazioni; alcune di loro hanno acquisito una grande saggezza, altre meno. Alcune sono venute per “riparare” ciò che è avvenuto in altre vite. In questo periodo, quindi,

abbiamo, si, le antiche civiltà scomparse, come gli antichi Antlantidei, o i Lemuriani,che ritornano, ma insieme a loro anche tutte le persone che hanno voglia di aiutare, o di rimediare a ciò che è avvenuto alla loro epoca, durante i grandi passaggi. Questo perché la Terra è in un momento estremamente importante, un momento di mutazione, una mutazione che coinvolge anche i suoi abitanti; perciò è estremamente urgente e importante ritornare, sia per comprendere, sia per aiutare, sia per fare in modo che questo passaggio possa avvenire meglio rispetto a ciò che, per esempio, è successo ad Atlantide o in Lemuria. Questa è la ragione per cui stanno scendendo molte anime sulla Terra in questo momento, alcune delle quali hanno anche accelerato o rimandato il momento in cui reincarnarsi, in modo da poter ritornare proprio in questa epoca. Siamo infatti in un’epoca estremamente ricca, che appare anche pesante da un un certo punto di vista, ma semplicemente perché è il momento in cui abbiamo la possibilità di guarire tutte le nostre vecchie storie, tutto ciò che si è lasciato da parte e che non si è voluto guardare fino ad ora. Adesso si ha l’opportunità di passare ad altro, per entrare in una dimensione differente, ma possiamo entrare in questa dimensione solamente quando avremo guarito tutte le nostre vecchie storie.
FONTE: https://www.facebook.com/

-------------------------------------

I PERCHE' DELLA REINCARNAZIONE (07-09-21)

<DOMANDA In che modo l'anima, che non ha conseguito la perfezione durante la vita corporea, può finire di purificarsi?
Risposta: Col subire nuove esistenze.
<DOMANDA Come compie l'anima queste nuove esistenze? Forse trasformandosi, ma rimanendo sempre allo stato di Spirito?
Risposta: L'anima, purificandosi, soggiace senza dubbio a trasformazione; ma per purificarsi le occorre la prova della vita corporea.
<DOMANDA Dunque l'anima ha più esistenze corporee?
Risposta: Si: noi tutti abbiamo avuto parecchie esistenze. Coloro che dicono il contrario, vogliono mantenervi nell'ignoranza, in cui sono essi stessi.
<DOMANDA Da questo principio sembra risultare che I'anima, dopo aver abbandonato un corpo, ne prenda un altro: il che vuol dire che essa si reincarna in un nuovo corpo. Ě cosi che va inteso?
Risposta: Precisamente.
<DOMANDA Qual è lo scopo della reincarnazione?
Risposta: Espiazione e miglioramento progressivo dell'umanità; senza di che, dove sarebbe la giustizia?
<DOMANDA II numero delle esistenze corporee è limitato, o invece lo Spirito si reincarna ripetutamente?
Risposta: Ad ogni nuova esistenza lo Spirito fa un passo nella via del prosogno delle prove della vita corporea.
<DOMANDA II numero delle incarnazioni è lo stesso per tutti gli Spiriti?
Risposta: No: chi progredisce rapidamente, si risparmia nuove prove. In ogni modo queste incarmazioni successive sono sempre numerosissime, poiché il progresso è quasi infinito.
<DOMANDA Che diventa lo Spirito dopo la sua ultima incarnazione?
Risposta: Spirito beato, perché puro.
<DOMANDA Conoscono gli Spiriti il tempo in cui si reincarneranno?
Risposta: Lo presentono, come il cieco sente il fuoco, a cui si avvicina.
Sanno che devono riprendere un corpo, come voi sapete che un giorno dovete morire, ma senza conoscere quando ciò avverrà.
<DOMANDA Dunque la reincarnazione è una necessità della vita spiritica, come la morte della vita corporea?
Risposta: Proprio cosi.
<DOMANDA Potrebbe avvenire che un feto nascituro non trovi uno Spirito, che volesse incarnarsi a lui?
Risposta: Il feto, ove debba nascere vitale, è sempre predestinato ad alberghare in una un'anima; nessuna cosa si crea senza ragione.
<DOMANDA Quando avviene I'unione dell'anima dal corpo?
Risposta: Essa incomincia alla concezione, ma non è perfetta che al momento della nascita. Dall'istante della concezione, lo Spirito che abiterà quel corpo, vi è unito per un legame fluidico, che diviene sempre più forte fino al punto nel quale il bambino vede la luce. Il grido che allora sfugge al neonato annuncia che egli fa parte dei viventi e dei servi di Dio.
<DOMANDA Nell'intervallo che passa fra la concezione e la nascita, gode lo Spirito di tutte le sue facoltà?
Risposta: Più o meno secondo il tempo, poiché egli non è ancora incarnato, ma solo collegato al suo corpo. All'atto della concezione di questo, lo Spirito è colto dal turbamento che lo avverte che è venuto il tempo di cominciare una nuova esistenza, e questo turbamento va crescendo fino alla nascita, nel quale intervallo lo stato dello Spirito è pressappoco quello di un incarnato durante il sonno del corpo. A mano a mano che l'istante del nascere si avvicina, gli s'intorbidano sempre più le idee, e si cancellano le memorie del passato, del quale, nato che sia alla vita terrena, non ha più coscienza, ma che poi gli risovvengono a poco a poco alla mente, quando sia tornato nel mondo degli Spiriti.
<DOMANDA Perché lo Spirito, nell'incarnazione, perde la memoria del suo passato?
Risposta:L'uomo non può, né deve saper tutto: cosi vuole Iddio nella sua sapienza. Senza il velo che gli copre certe cose, egli rimarrebbe abbagliato come chi passa immediatamente dall'oscurità alla luce. Per la dimenticanza del passato diventa più padrone di sé. Ad ogni nuova esistenza l'uomo intende di più, e sa meglio distinguere il bene ed il male. Dove sarebbe il merito se egli ricordasse tutto il passato? Allorché lo Spirito rientra nella sua vita normale egli si volge dinanzi tutto il suo passato: vede i falli commessi, che sono stati la causa del suo soffrire, e ciò che lo avrebbe potuto salvare dal commetterli e allora comprende la giustizia della sua condizione, e indaga in quale nuova esistenza potrebbe riparare ai mali della precedente. Sceglie all'uopo prove analoghe a quelle malamente subite, o le lotte, che crede valevoli a spingerlo innanzi nel bene, chiede a Spiriti più di lui progrediti di aiutarlo in quel nuovo suo compito, poiché sa che lo Spirito che gli sarà dato per guida nella nuova esistenza, cercherà di fargli riparare gli errori commessi, dandogliene una specie d'intuizione, la quale consiste nella forza con la quale quasi istintivamente si resiste ai cattivi pensieri, ai desideri illeciti, che spesso vi assalgono, forza di resistenza che voi ordinariamente attribuite all'educazione ricevuta, mentre è l'effetto della voce della coscienza, cioè della ricordanza del passato, che vi avverte di non ricadere negli antichi falli. Ora lo Spirito, entrato nella nuova esistenza, se sopporta le prove con coraggio, le supera, si eleva, e sale nella gerarchia.
<DOMANDA Gli uomini del nostro tempo sono una creazione nuova, o i perfezionati discendenti degli esseri primitivi?
Risposta: Sono i medesimi Spiriti tornati a perfezionarsi in nuovi corpi, ma ancora lontani dalla perfezione. Cosi la razza umana presente, che con il suo moltiplicarsi invade tutta la terra, e sostituisce le razze che si estinguono, avrà a sua volta il periodo di diminuzione, e sparirà, e allora la surrogheranno altre razze ancora più perfezionate, che discenderanno dalla presente, come gli uomini inciviliti odierni discendono dagli esseri bruti e selvaggi dei tempi primitivi.
>>

FONTE: https://www.facebook.com/groups/      -     DAL POST DI Luigi Nardi

Tutti i matrimoni sono stati programmati prima della reincarnazione? (04-09-21)

La risposta è sì e no.

Gli Spiriti hanno la possibilità di programmare eventuali matrimoni prima di reincarnare, ma una volta nel corpo fisico, possiamo cambiare rotta e sposare qualcuno che non era in programma. Questo accade perché delle volte siamo guidati dall’impulso del momento oppure abbiamo sposato la persona prevista dal piano reincarnatorio però la storia d’amore non è andata a buon fine, ci separiamo e ricostruiamo il nostro percorso con un altro individuo. In questo caso il nostro percorso si modificherà nel tempo.Per comprendere meglio i cambiamenti di rotta lungo la nostra esistenza, che fanno parte del nostro libero arbitrio, proviamo a immaginare la nostra reincarnazione come un navigatore GPS: abbiamo un luogo da raggiungere e il navigatore programma il percorso. Quando sbagliamo strada, tutto quello che il navigatore fa è riprogrammare il percorso su una strada alternativa perché possiamo comunque raggiungere il nostro obiettivo.  Nel libro “Estudando a Mediunidade” (Studiando la Medianità) di Martins Peralva, nel capitolo 18 vengono presentati cinque tipi di matrimoni possibili:

ACCIDENTALI:

Succede per attrazione momentanea, di anime ancora inferiori. Sono le persone che si incontrano, si vedono, si conoscono, si avvicinano, e da lì nasce il legame accidentale, senza alcun ascendente spirituale. Utilizzano il loro libero arbitrio, poiché costruiamo sempre il nostro destino attraverso di esso. Nel nostro mondo, tali matrimoni sono ancora comuni.

DI PROVA:

Ritrovo di anime per i necessari riequilibri alla loro evoluzione. Sono i più frequenti. È per questo che ci sono tante case dove regna la disarmonia, dove regna la sfiducia, dove i conflitti morali si trasformano spesso in dolorose tragedie. Dio permette la loro unione, attraverso le leggi del mondo, affinché, vivendo insieme quotidianamente, la Legge Maggiore, di fratellanza, possa essere esercitata da loro nelle lotte comuni. La buona volontà, la tolleranza e l'umiltà sono virtù che devono imparare.

Lo Spiritismo, per la conoscenza che diffonde, è un modo efficace per molte case in prova, per riassestarsi e consolidarsi, muovendo così i primi passi verso il Bene Infinito. Lo spiritista illuminato sa che solo lui pagherà per le proprie colpe, ma sempre confidando sull'aiuto divino.

DI SACRIFICIO:

Dio permette in questo caso, la ri-unione di un'anima illuminata con un'anima inferiore, con l'obiettivo di redimere quella che si è persa lungo la strada. Mettono insieme anime che possiedono virtù con anime con sentimenti opposti. Succede quando un'anima illuminata o evoluta si propone di aiutare chi è ha ritardato nel viaggio di ascensione.

È il caso del personaggio “Livia” nel romanzo “Duemila Anni fa” (Emmanuel/Chico Xavier), che sposa Publio Lentulio e sopporta una vita di sacrifici per amore verso quest’anima ancora accecata dall’orgoglio. Livia, anima molto elevata, soffre non per scontare un karma ma per amore verso il suo compagno. L’elevatezza dello Spirito che si “sacrifica” si vede dal modo in cui affronta le prove della vita matrimoniale, con consapevolezza, rassegnazione e amore.

AFFINI:

Attraverso la legge dell'affinità si trovano i cuori amici che consolidano gli affetti. Non molto comuni sulla Terra. Sono quelli che raccolgono anime illuminate e che si amano molto. Sono Spiriti che, attraverso il matrimonio, nel dolce tepore di casa, consolidano antichi legami affettivi. Programmano il loro incontro prima di reincarnare e hanno una vita serena perché i problemi non fanno parte della loro relazione ma riguardano questioni esterne ai coniugi: figli, economia, salute, ecc.

TRASCENDENTALI:

Sono costituiti da anime che si incontrano, sul piano fisico, per le grandi realizzazioni di interesse generale. La vita di queste coppie ha uno scopo più alto: il bene dell’umanità. L'ideale del Buono e del Bello riempie le loro ore e i loro minuti, riempiendo le loro anime di felicità, sopra tutte le volgarità terrene, sopra le emozioni inferiori, l'amore puro e sacro È evidente che il matrimonio, sacro nelle sue origini, ha riunito sotto lo stesso tetto i più svariati tipi evolutivi, il che dimostra che l'unione, sulla Terra, opera talvolta come mezzo per consolidare legami di pura affinità spirituale, e, in altri casi, soprattutto come strumento di riequilibrio. A volte la casa è un santuario, un tempio, dove le anime magnificate dalla giusta comprensione esaltano la gloria suprema dell'amore sublimato. Tuttavia, la maggior parte delle case funziona come “laboratorio di purificazione e ospedale”, dove, sotto il calore di dure prove e testimonianze dolorose, gli Spiriti fragili camminano lentamente verso la Vita Superiore.

Basato sul discorso di Jorge Elarrat in “Existe uma programação no plano espiritual para que ocorra o encontro dos casais no plano físico?” https://www.youtube.com/watch?v=pvRCFrUvUhg

Jorge Elarrat : laureato in ingegneria elettronica, è conferenziere e studioso dello Spiritismo.
Dal 1980 , svolge diverse attività con la gioventù, lavorando nelle aree di studio e nell'unificazione del movimento spiritista brasiliano con la Federazione Spiritista di Rondônia (FERO).

José Martins Peralva Sobrinho: è stato uno scrittore spiritista brasiliano. https://pt.wikipedia.org/wiki/Jos%C3%A9_Martins_Peralva

LA REINCARNAZIONE SECONDO
LA CHIESA CATTOLICA
(22-05-21)

La Chiesa non accetta la reincarnazione in quanto che l'impostazione teologica è che lo spirito non preceda la vita ma nasca con la vita. Dunque non può esserci reincarnazione per lo spirito perché non c'è una vita precedente all'incarnazione. Lo spirito viene creato da Dio nel momento del concepimento. E dunque in base a questo principio la reincarnazione viene automaticamente rifiutata. Da un lato. Dall'altro lato, bisogna dire che la reincarnazione toglie potere all'istituzione della Chiesa, perché le sottrae il giudizio critico. Il giudizio sulle anime che la Chiesa ha sempre voluto dare nel corso dei secoli non sarebbe più da parte dell'uomo ma sarebbe da parte di Dio dopo o comunque dello spirito stesso dopo la morte perché lo spirito sarebbe destinato ad una nuova vita, e farebbe i conti con se stesso fra una vita e l'altra. Conti che non potrebbero più essere predeterminati dalla Chiesa che naturalmente è sovrana in questo senso nel giudicare le anime attraverso lo stesso meccanismo della confessione e dell'assoluzione. Dell'assoluzione in punto di morte; dell'assoluzione nel corso delle vicende della vita.
E' un controllo vero e proprio che le verrebbe sottratto con la reincarnazione.

Ora: la Chiesa -ma qualsiasi Chiesa, ma in specie una Chiesa che sia sufficientemente chiusa come quella della gerarchia cattolica- non può consentire che il controllo avvenga fuori del proprio apparato, sia pure se il fuori è il mondo di Dio.
Perché la divinità è comunque stata ridotta alla figura di Cristo, il quale lascia in terra il suo vicario che decide.
E allora la logica è tutta qui. E allora il vicario rappresenta Cristo e Cristo naturalmente rappresenta Dio in base al principio unitario della trinità: dunque il vicario è Dio in terra. Questa
logica elementare benché fasulla ovviamente conferisce un enorme potere, prestigio, carisma, a colui che stabilisce le regole sulle anime e sui corpi e sottrae completamente all'anima la possibilità di essere giudicata altrove. Ora non c'è dubbio che si tratti di una filosofia ridicola a questo punto completamente fiabesca e inventata dall'uomo stesso. E allora, la risposta della reincarnazione, ma anche di tante altre consuetudini di tipo biologico, non trova nessun senso. La reincarnazione viene negata in base a questa serie di principi che vi ho esposti, ma non è fondata su null'altro.

Devo dire che anche dal punto di vista dell'opposizione non c'è poi una buona fondazione del problema, in quanto che coloro che poi si sono affannati ad affermare la reincarnazione stessa avrebbero potuto fare molto di più, molto di più. Devo anche dire una cosa che la reincarnazione per voi è un fatto importante ma non deve eccessivamente legarvi. Ogni vita ha il suo segmento di spazio. E non dovete considerare le vostre esperienze legate necessariamente ad un fatto incarnativo di una vita precedente: è così, in realtà, ma dovete sfuggire alla logica di un destino: questo per quanto riguarda le esperienze.
Certo non per quanto riguarda la problematica -direi- della fraternità che lega tra una vita e l'altra dei contatti spirituali, ma rispetto all'esperienza: “io faccio questo perché in una vita precedente ho fatto il contrario”: questa legge del contrappasso non deve essere interpretata così. La reincarnazione per voi
deve funzionare come concetto di continuità e su questo non c'è alcun dubbio, ma dovete dare molto peso alle esperienze che state facendo in questo momento.
Se esse derivano anche da una vita precedente può essere interessante saperlo ma nulla aggiunge o toglie alle esperienze che state facendo in questo momento. E in questo momento le dovete fare nella pienezza della vostra coscienza, quindi bisogna stare attenti che il problema della reincarnazione non deve essere ridotto ad una semplice occasione di causa ed effetto e quindi di una predestinazione a ciclo chiuso nella ineluttabilità, perché cadreste anche in una sorta di apatia: “io non posso farci niente perché è tutto predestinato”.

E' vero che vi sono cose per così dire predestinate. E' verissimo che vi sono cose alle quali non potete sfuggire, tuttavia pur non potendo sfuggire, queste cose devono essere vissute in modo attivo e non in modo passivo. Si, non posso farci niente, ma devo allora trasformarmele dentro, devo accettarle, devo adattarmi, devo capirle. Quindi una maniera attiva e vigile per vivere anche esperienze che possono essere conoscitive o compensative di un'altra vita.
E poi è da tener presente anche l'altro elemento addirittura più importante, è che vi sono cose che non necessariamente sono legata all'altra vita. Ma che sono legate a questa vita perché le avete programmate e le avete scelte. E allora sono legate all'altra vita nel senso che le avete scelte, non necessariamente che siano la continuità.

Ecco: entrare in questa logica più dinamica e soprattutto è importante continuare a dare più valore ai significati che ai fatti.
 I fatti della terra, i fatti della vita, non sono importanti. E' importante l'atteggiamento che voi assumete nei confronti dei fatti.
 E quindi atteggiamenti di tollerabilità, di accettazione, di attività, di integrazione, di intelligenza: tutte le cose che -insomma- fanno crescere e costruire un accadimento.
Fonte: https://www.facebook.com/groups  dalle conversazioni trascritte del Maestro Andrea.
Grazie all'Amico Mario che ci ha così autorizzati a ripubblicare questa interessante canalizzazione,condividendo il nostro stesso spirito di gratuità nella diffusione della verità!

Ma... da dove provengono le informazioni fasulle della Chiesa? Vediamo cosa ci dice l'Avvocato Zammit:

DA DOVE LE RELIGIONI HANNO OTTENUTO LE INFORMAZIONI SULL'ALDILA' ?
Nel suo libro, The Psychic Stream, lo storico Arthur Findlay sostiene in modo convincente che tutte le religioni hanno formato le loro idee sull'Aldilà esattamente nello stesso modo in cui lo facciamo noi oggi: attraverso esperienze di pre-morte, esperienze extracorporee, contatti post-morte, esperienze transpersonali e attraverso la medianità.
 La Bibbia è piena di racconti di sensitivi, medium mentali e fisici spesso chiamati "profeti".
Oggi abbiamo il vantaggio di poter raccogliere molti più resoconti di contatti con l'Aldilà e di confermarli attraverso i processi utilizzati per vagliare le prove. Possiamo esaminare la credibilità e l'affidabilità dei testimoni ed esaminare le fonti primarie. Possiamo triangolare attraverso molteplici flussi di prove: NDE, OBE, apparizioni, chiaroveggenza e chiarudienza, visioni sul letto di morte, contatti dopo la morte, medianità mentale, trance e vocale diretta, regressioni passate e tra le vite, materializzazione e altre medianità fisiche, voce elettronica fenomeni, Trans-comunicazione strumentale, medianità di scrittura automatica e xenoglossia.
Sfortunatamente, non siamo in grado di farlo con le fonti da cui le religioni affermano di ottenere le loro informazioni.
Abbiamo solo frammenti di documenti molto antichi, i cui originali si perdono nella notte dei tempi, inoltre, non siamo in grado di collocare molti degli scritti nel loro contesto completo poiché gli insegnamenti originali sono stati persi o distorti a causa di traduzioni errate (a volte deliberate).

Fonte:http://www.victorzammit.com/

IL MISTERO DELLA REINCARNAZIONE (26-11-20)
Di Michael Prescott

C'è una grande discrepanza nelle prove per l'Aldilà che mi ha sempre lasciato perplesso; non pretendo di avere la risposta, ma ho pensato di buttar giù  un'idea altamente speculativa.
La discrepanza riguarda la questione sempre spinosa della reincarnazione. Nella maggior parte delle esperienze di pre-morte e in una grande quantità di comunicazioni canalizzate, la reincarnazione non si manifesta. Alcuni presunti comunicatori sono addirittura arrivati ​​al punto di affermare con certezza che la reincarnazione è un mito.
Altre comunicazioni ricevute dai medium, tuttavia, dicono esattamente l'opposto. Inoltre, i ricercatori di vite passate che hanno ipnotizzato i loro soggetti non solo ottengono resoconti dettagliati delle vite precedenti, ma in alcuni casi ricevono descrizioni di una vita tra le vite in cui l'anima pianifica la sua prossima incarnazione.

L'incoerenza è più evidente nei resoconti del passaggio dell'anima all'Aldilà. Se ascoltiamo gli sperimentatori di pre-morte e molti presunti comunicatori spirituali, sentiamo che l'anima arriva nell'Aldilà senza ricordi di alcuna incarnazione fisica diversa da quella più recente. L'ambiente dell'Aldilà, almeno inizialmente, è un luogo per il riposo e il godimento casuale delle arti, del tempo libero e dell'apprendimento. Ma se ascoltiamo pazienti posti in una profonda ipnosi, sentiamo che l'anima arriva nell'Aldilà con un immediato richiamo a molte vite passate. L'anima è riunita con altre anime che conosce da varie incarnazioni terrene e da molti intermezzi nel mondo degli Spiriti. Inoltre, l'anima si imbarca quasi immediatamente in un programma di addestramento per prepararsi alla sua prossima incarnazione. Sebbene ci siano alcuni parallelismi tra i due racconti, le differenze sono sostanziali e apparentemente inconciliabili. Una spiegazione ovvia è che almeno uno di questi due elementi di prova non è affidabile.
Se dovessi buttare via una parte dei racconti dell'Aldilà, sceglierei il materiale ottenuto tramite l'ipnosi.

I soggetti ipnotizzati sono noti per la loro tendenza a confabulare - in altre parole a inventare resoconti di fantasia - per soddisfare le richieste esplicite o implicite dell'ipnotizzatore. Esperimenti di ipnosi condotti alla fine del XIX secolo suggeriscono fortemente che le capacità psi latenti di una persona possono essere notevolmente accentuate quando è sotto ipnosi; quindi, non escluderei la possibilità che il soggetto ipnotizzato stia effettivamente leggendo la mente dell'ipnotizzatore e semplicemente reiterando ciò che trova lì, creando una sorta di ciclo di feedback o  - folie a deux.

 Se questo è il caso, le prove degli studi sull'ipnosi possono essere di valore limitato. Nel frattempo, le prove delle esperienze di pre-morte e della medianità in generale mi sembrano molto più solide.
Tuttavia, potrebbe esserci un modo per riconciliare questi due gruppi di racconti molto diversi. Supponiamo che ogni tipo sia valido, ma che gli account provengano da fonti diverse. Per dirla chiaramente, cosa succederebbe se le storie raccontate dagli sperimentatori di pre-morte e dalla maggior parte dei comunicatori medianici provenissero dall'anima ordinaria, mentre le storie raccontate da soggetti ipnotizzati avessero origine dalla super anima?   
[Vedi: https://www.ampupage.eu/studio10.htm#PSI]

-Secondo alcune tradizioni mistiche, la nostra identità terrena, che potremmo caratterizzare come la nostra anima, è solo una parte di un'identità più ampia e completa conosciuta come Superanima o sé superiore.
Questa Superanima consente a vari aspetti di se stessa di incarnarsi in tempi e luoghi diversi al fine di sperimentare una varietà di condizioni nel mondo fisico. La Superanima stessa, sebbene connessa all'anima, ne rimane distinta, proprio come un albero può essere distinto da una foglia su uno dei suoi rami. Mentre l'albero e la foglia possono essere visti come un singolo organismo, possono anche essere visti come entità separate.
In questa prospettiva, l'anima individuale non si reincarna, poiché per farlo sarebbe necessario perdere l'identità individuale che aveva costruito nella sua prima (e unica) incarnazione. Invece, qualche altra parte della Superanima subisce la successiva incarnazione, forse portando con sé alcuni dei ricordi o karma acquisiti dalla prima anima nella sua avventura terrena. Potremmo paragonarlo a una staffetta, in cui la torcia viene passata da un corridore all'altro.

Ora, se c'è del vero in questo, potremmo forse ottenere un modo per conciliare l'apparente contraddizione tra le due versioni dell'Aldilà. Nella maggior parte dei casi, gli sperimentatori di pre-morte e i comunicatori medianici parlano dal punto di vista dell'anima individuale - in mancanza di una parola migliore, l'anima inferiore. D'altra parte, alcune delle entità canalizzate più elevate, così come le entità che comunicano quando un soggetto è in profonda ipnosi, rappresentano la Superanima e quindi forniscono una prospettiva diversa.
Dal punto di vista dell'anima inferiore, l'identità individuale non cambia molto nel passaggio alla vita successiva.
Non c'è memoria di alcuna precedente incarnazione e nessuna conoscenza di alcun piano generale. Lo scopo principale dell'Aldilà, almeno nelle sue fasi iniziali, è fornire un'opportunità di riposo e recupero, nonché una valutazione delle lezioni apprese.
Nel frattempo, dal punto di vista della Superanima, l'identità individuale viene largamente abbandonata o almeno ridotta al minimo durante il ritorno al mondo degli Spiriti. I ricordi di tutte le incarnazioni dei suoi componenti sono immediatamente disponibili e si imbarca rapidamente nello sviluppo di una strategia per la sua prossima incarnazione.

Questa distinzione potrebbe aiutare a chiarire qualcosa di piuttosto strano sulle affermazioni fatte dai soggetti ipnotizzati, che spesso sembrano distinguere tra loro e la persona che erano sulla terra. Uno di questi soggetti, per esempio, ha detto che si sentiva che una delle sue incarnazioni terrene era stata un'esperienza di apprendimento buona per lei e anche funzionato bene per la persona che ha servito come sua incarnazione. È piuttosto strano pensare all'anima che vede se stessa sia come persona incarnata che in qualche modo al di fuori della persona incarnata allo stesso tempo; ma questo paradosso potrebbe essere risolto se lo vedessimo come la Superanima che fa una distinzione tra se stessa e una delle sue anime inferiori.
In qualche letteratura canalizzata ci viene detto che l'anima - cioè, l'anima individuale o inferiore - è alla fine motivata a rinunciare alla sua vita di svago e a progredire verso dimensioni superiori del piano spirituale. La mia ipotesi suggerisce che questo avanzamento verso dimensioni superiori consista nel fondersi sempre più pienamente con la Superanima fin a quando, alla fine, la distinzione tra Superanima e Sub-anima è stata ampiamente cancellata. Naturalmente è anche possibile che la Superanima stessa possa aver bisogno di progredire e fondersi con altre anime superiori in una unità più ampia, e alla fine, forse, in quello che possiamo chiamare Dio stesso.

Una cosa degna di nota è che il livello di profondità delle esperienze di pre-morte sembra variare direttamente nella misura in cui il soggetto è esposto al cosiddetto Essere di Luce. Alcuni sperimentatori di pre-morte non incontrano affatto un Essere di Luce; altri vedono la Luce ma non interagiscono con essa; altri ancora stabiliscono una profonda connessione spirituale con la Luce.
Nella mia ipotesi, l'Essere di Luce - che a volte è caratterizzato come Gesù o Buddha o qualche altra figura religiosa - è in realtà la Superanima o il sé superiore. (Questa idea non è mia originale ; Kenneth Ring lo suggerisce in uno dei suoi libri.) Forse più un NDEr interagisce o si fonde con l'Essere di Luce, più profondamente l'esperienza lo colpisce e più da vicino continua a identificarsi con la Superanima, e per minimizzare l'importanza della sub-anima, anche dopo essere tornati alla vita terrena.
È anche possibile che quando preghiamo, le nostre preghiere siano dirette verso la Superanima; che i cosiddetti Angeli Custodi e Spiriti guida siano aspetti della Superanima e che le esperienze mistiche della "coscienza cosmica" implichino un'apprensione diretta, sebbene breve, della Superanima, o almeno di una parte più sostanziale di quella a cui normalmente possiamo accedere.

Come ho detto, questa è solo un'ipotesi speculativa. Sembra essere sostanzialmente coerente con diverse classi di prove e con alcuni importanti ceppi della tradizione mistica. Ma quando si ha a che fare con questo tipo di materiale, è saggio aggiungere questo avvertimento: tutto ciò che ho appena scritto potrebbe essere completamente sbagliato.
..
 

REINCARNAZIONE NELLA STORIA CRISTIANA  (31-05-20)
(DI KEVIN WILLIAMS)

1) INTRODUZIONE
2) La controversia ariana
3) Il Concilio di Nicea
4) Il quinto Concilio + CONCLUSIONI

Molti Cristiani hanno l'idea sbagliata sul concetto di reincarnazione, ovvero che sostenga che, al momento della morte, le persone si reincarnino immediatamente e non abbiano alcuna esperienza nei regni spirituali tra le vite terrestri.
Le esperienze di pre-morte dimostrano che questo malinteso è falso!
Poiché il tempo non esiste nel mondo degli Spiriti, una persona può trascorrere una "eternità" nei regni degli Spiriti, se lo desidera, e avere la libertà di decidere se vuole reincarnarsi o meno. L'obiettivo finale della reincarnazione è quello di imparare abbastanza lezioni dalle vite della Terra per capire che la reincarnazione non è più necessaria. Fa differenza se uno crede o no nella reincarnazione?

La dottrina della reincarnazione, come ogni principio dogmatico, non è molto importante quando si tratta di vivere una vita spirituale.
Probabilmente equivale a credere che così tanti angeli possano ballare sulla testa di uno spillo e non esiste un progresso spirituale speciale per una persona se crede o non crede nella reincarnazione. La reincarnazione fornisce solo una teoria ragionevole per spiegare le apparenti assurdità nella dispensazione della giustizia divina.

La meticolosa e impressionante ricerca metafisica di
Elizabeth Clare Prophet  
sulla storia della reincarnazione nel primo movimento cristiano fornisce al ricercatore della verità un valido motivo per ritenere che i primi Padri della Chiesa decisero di interrompere la lunga storia della reincarnazione nelle prime sette cristiane al fine di promuovere  i loro personali scopi politici. Le seguenti informazioni provengono dal mio libro preferito di Ms. Prophet:
 
Reincarnation: The Missing Link in Christianity.

All'inizio del IV secolo, mentre il vescovo Alessandro d'Alessandria esponeva la Trinità al suo gregge, nacque uno tsunami teologico.
Un sacerdote libico di nome Ario si alzò e pose la seguente semplice domanda: "Se il Padre generò il Figlio, colui che era stato generato ebbe un inizio di esistenza". In altre parole, se il Padre è il genitore del Figlio, allora il Figlio non ha avuto un inizio?
Apparentemente, nessuno l'aveva mai detto prima. Per molti vescovi, Ario pronunciò un'eresia quando disse che il Figlio aveva un inizio. Scoppiò un dibattito, guidato da Ario da una parte e da Alessandro e il suo diacono Atanasio dall'altra.
Atanasio divenne il principale combattente Nel 320 d.C., Alessandro tenne il Concilio di Alessandria per condannare gli errori di Ario. Ma questo non ha fermato la controversia. La Chiesa si era quasi spaccata sulla questione quando la controversia giunse alle orecchie dell'imperatore romano Costantino . Decise di risolverlo da solo in una mossa che cambiò definitivamente il corso del Cristianesimo. Gli Ortodossi accusarono gli  Ariani di aver tentato di sminuirere il Figlio dicendo che aveva un inizio.
Ma, in effetti, gli  Ariani gli hanno dato una posizione elevata, onorandolo come "il primo tra le creature". Ario descrisse il Figlio come uno che divenne "
Dio perfetto, generato e immutabile", ma sostenne anche che aveva un'origine.
La controversia ariana riguardava davvero la natura dell'umanità e il modo in cui siamo salvati. Comprendeva due immagini di Gesù:
 o era un Dio che era sempre stato Dio o era un essere umano divenuto solo successivamente il Figlio di Dio.
Se fosse un essere umano diventato il Figlio di Dio, ciò implicava che anche altri umani potevano diventare Figli di Dio.
Questa idea era inaccettabile per gli Ortodossi, quindi la loro insistenza sul fatto che Gesù fosse sempre stato Dio ed era completamente diverso da tutti gli esseri creati. Come vedremo, la posizione teologica della Chiesa è stata, in parte, dettata dai suoi bisogni politici. La posizione ariana aveva il potenziale per erodere l'autorità della Chiesa poiché implicava che
l'anima non aveva bisogno della Chiesa per raggiungere la salvezza.

Il risultato della controversia ariana fu cruciale per la posizione della Chiesa sia sulla reincarnazione che sull'opportunità dell'anima di diventare una cosa sola con Dio. In precedenza, la Chiesa aveva deciso che l'anima umana non è e non ha mai fatto parte di Dio. Invece appartiene al mondo materiale ed è separata da Dio da un grande abisso.
Rifiutando l'idea che l'anima sia immortale e spirituale, che faceva parte del pensiero cristiano ai tempi di Clemente di Alessandria e Origéne , i Padri svilupparono il concetto di "creatio ex nihilo", creazione dal nulla. Se l'anima non fosse parte di Dio, ragionarono i teologi Ortodossi, non avrebbe potuto essere creata dalla sua essenza.
La dottrina persiste fino ad oggi. Negando l'origine e il potenziale divini dell'uomo, la dottrina della creazione dal nulla esclude sia la preesistenza che la reincarnazione. Una volta che la Chiesa ha adottato la dottrina, è stata solo una questione di tempo prima che respingesse sia l'origenismo che l' Arianismo. In effetti, la controversia ariana fu solo una salva nella battaglia per sradicare la tradizione mistica rappresentata da Origéne.
Origéne e il suo predecessore, Clemente di Alessandria, vivevano in un mondo platonico. Per loro era un dato di fatto che esiste un mondo spirituale invisibile che è permanente e un mondo materiale visibile che è mutevole. L'anima appartiene al mondo spirituale, mentre il corpo appartiene al mondo materiale.
Dal punto di vista dei platonici, il mondo e tutto ciò che è in esso non è creato ma emana da Dio, l'Uno. Le anime vengono dalla Mente Divina e anche quando sono racchiuse in una forma corporea, mantengono il loro legame con la Sorgente.
Clemente ci dice che l'umanità è "di nascita celeste, essendo una pianta di origine celeste". Origéne ha insegnato che l'uomo, essendo stato creato dopo "l'immagine e la somiglianza di Dio", ha "una sorta di relazione di sangue con Dio".
Mentre Clemente e Origéne stavano insegnando ad Alessandria, un altro gruppo di Padri stava sviluppando una contro-teologia. Respingevano il concetto greco di anima a favore di una nuova e inaudita idea:
l'anima non fa affatto parte del mondo spirituale; ma, come il corpo, fa parte del mondo materiale mutevole.

Basavano la loro teologia sulla mutevolezza dell'anima. Come potrebbe l'anima essere divina e immortale, chiedevano, se è capace di cambiare, cadere e peccare? Perché è capace di cambiare, hanno ragionato, non può essere come Dio, che è immutabile.
Origéne affrontò il problema della mutevolezza dell'anima ma trovò una soluzione diversa. Ha suggerito che l'anima è stata creata immortale e che anche se è caduta (per cui suggerisce varie ragioni), ha ancora il potere di ripristinare se stessa al suo stato originale.
Per lui l'anima è in bilico tra spirito e materia e può scegliere l'unione con una delle due:
 
"La volontà di quest'anima è qualcosa di intermedio tra la carne e lo spirito, senza dubbio serve e obbedisce a una delle due, qualunque essa abbia scelto di obbedire".
Se l'anima sceglie di unirsi allo spirito, scrisse Origéne, "
lo spirito diventerà uno con esso".
Questa nuova teologia, che collegava l'anima al corpo, ha portato all'esclusione dalla preesistenza. Se l'anima è materiale e non spirituale, allora non può essere esistita prima del corpo. Come scrisse Gregorio di Nissa :
 "Né l'anima esiste prima del corpo, né il corpo a parte l'anima, ma ... c'è una sola origine per entrambi."
Quando viene creata l'anima allora? I Padri hanno avuto una risposta improbabile: allo stesso tempo del corpo - al momento del concepimento. "
Dio crea quotidianamente anime", ha scritto Church Church Jerome .
Se le anime e i corpi vengono creati contemporaneamente, sia la preesistenza che la reincarnazione sono fuori discussione poiché implicano che le anime esistano prima dei corpi e possano essere attaccate a corpi diversi in successione.
La Chiesa insegna ancora che l'anima è creata contemporaneamente al corpo e quindi l'anima e il corpo sono un'unità.
Questo tipo di pensiero ha portato direttamente alla controversia ariana. Ora che la Chiesa ha negato che l'anima preesista al corpo e che appartiene al mondo spirituale, ha anche negato che le anime, i corpi e il mondo creato emanassero da Dio. (>>>)

2) La controversia ariana


Quando Ario chiese se il Figlio avesse un inizio, in effetti stava sottolineando un difetto fondamentale in quella dottrina:non chiariva la natura di Cristo, quindi stava chiedendo, se esiste un abisso tra il Creatore e la creazione, a chi appartiene Cristo?
È stato creato dal nulla come il resto delle creature? O faceva già parte di Dio? Se è così, come e perché ha assunto la forma umana?
La Chiesa ci dice che la controversia ariana era una lotta contro i bestemmiatori che affermavano che Cristo non era Dio, ma la questione cruciale nel dibattito era: come viene salvata l'umanità - emulando Gesù, o adorandolo?
Gli  Ariani affermarono che Gesù divenne il Figlio di Dio e quindi dimostrò un principio universale che tutti gli esseri creati potevano seguire, ma la Chiesa ortodossa disse che era sempre stato il Figlio di Dio, era della stessa essenza di Dio (e quindi era Dio) e non poteva essere imitato da semplici creature, che mancavano dell'essenza di Dio.
La salvezza poteva arrivare solo accedendo alla grazia di Dio tramite la Chiesa.

Gli Ariani credevano che gli esseri umani potessero anche essere adottati come Figli di Dio imitando Cristo. Per gli  Ariani, l'incarnazione di Cristo è stata progettata per mostrarci che possiamo seguire Gesù e diventare, come diceva Paolo,
"eredi comuni con Cristo".
La Chiesa ortodossa, creando un abisso tra Gesù e il resto di noi, ha negato che potremmo diventare figli di Dio nello stesso modo in cui Gesù ha fatto.  Il motivo per cui la Chiesa ha avuto così tante difficoltà a vedere l'umanità di Gesù era che non potevano capire come chiunque potesse essere umano e divino allo stesso tempo.
O Gesù era umano (e quindi mutevole) o era divino (e quindi immutabile).

La visione ortodossa di Gesù come Dio si basa in parte su un fraintendimento del Vangelo di Giovanni. Giovanni ci dice:
"In principio era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio ... Tutte le cose sono state fatte da lui; e senza di lui non è stata fatta alcuna cosa".
Più tardi Giovanni ci dice che
"il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi".
Gli Ortodossi hanno concluso da questi passaggi che Gesù Cristo è Dio, la Parola, fatto carne.
Quello che non capivano era che quando Giovanni chiamava Gesù "la Parola", si riferiva alla tradizione greca del Logos .
Quando Giovanni ci dice che la Parola ha creato tutto, usa il termine greco "
Logos".
Nel pensiero greco, Logos descrive la parte di Dio che agisce nel mondo. Filone chiamò il Logos
"La somiglianza di Dio, da cui fu modellato l'intero cosmo".
Origene l'ha definita l'anima che tiene insieme l'universo.
Filone credeva che grandi esseri umani come Mosè potessero impersonare il Logos, pertanto, quando Giovanni scrive che Gesù è il Logos, non significa che l'uomo Gesù sia sempre stato Dio il Logos.
Ciò che Giovanni ci sta dicendo è che Gesù -l'uomo- divenne il Logos, il Cristo.
Alcuni primi teologi credevano che ognuno avesse questa opportunità. Clemente ci dice che ogni essere umano ha
 "l'immagine della Parola (Logos)" dentro di sé e che è per questa ragione che la Genesi dice che l'umanità è fatta
 a immagine e somiglianza di Dio".

Il Logos, quindi, è la scintilla della divinità, il seme di Cristo, che è nei nostri cuori. Apparentemente gli Ortodossi hanno respinto o ignorato questo concetto. Dovremmo capire che Gesù è diventato il Logos così come è diventato il Cristo, ma ciò non significava che fosse l'unico che potesse mai farlo. Gesù spiegò questo mistero quando spezzò il pane durante l'Ultima Cena.
Prese una sola pagnotta, che simboleggiava l'unico Logos, l'unico Cristo, e lo spezzò e disse:
 "Questo è il mio corpo, che è spezzato per te".

Stava insegnando ai discepoli che esiste un solo Dio assoluto e un solo Cristo universale, o Logos, ma che il corpo di quel Cristo universale può essere spezzato e ogni pezzo manterrà comunque tutte le qualità del tutto.
Stava dicendo loro che il seme di Cristo era in loro, che era venuto per accelerarlo e che il Cristo non era diminuito, non importa quante volte il suo corpo fosse spezzato. Il più piccolo frammento di Dio, Logos o Cristo, contiene l'intera natura della divinità di Cristo - che, fino ad oggi, avrebbe fatto nostro.

Gli Ortodossi hanno frainteso l'insegnamento di Gesù perché non erano in grado di accettare la realtà che ogni essere umano ha sia una natura umana che divina e il potenziale per diventare completamente divino. Non capivano l'umano e il divino in Gesù e quindi non potevano capire l'umano e il divino in se stessi. Avendo visto la debolezza della natura umana, hanno pensato di dover negare la natura divina che occasionalmente si manifesta anche nel più basso degli esseri umani.
La Chiesa non capì (o non poté ammettere) che Gesù venne per dimostrare il processo attraverso il quale la natura umana si trasforma in divina. Ma Origene aveva trovato il concetto facile da spiegare.
Credeva che le nature umane e divine possano essere intessute insieme giorno per giorno.
Ci dice che in Gesù "
la natura divina e umana hanno cominciato a compenetrarsi in modo tale che la natura umana,
per sua comunione con il divino, diventasse essa stessa divina".

Origene ci dice che l'opzione per la trasformazione dell'umanità in divinità è disponibile non solo per Gesù ma per
 "tutti coloro che prendono fede nella vita che Gesù ha insegnato".

Origene non ha esitato a descrivere il rapporto tra gli esseri umani e il Figlio.
Credeva che contenessimo la stessa essenza del Padre e del Figlio:
"
Pertanto, essendo stati fatti secondo l'immagine, abbiamo il Figlio, l'originale, come la verità delle nobili qualità che sono dentro di noi. E ciò che è in noi è per il Figlio, tale è il Figlio per il Padre, che è la verità ".
Poiché abbiamo dentro di noi le nobili qualità del Figlio, possiamo subire il processo di divinizzazione (unione con Dio).
Per gli  Ariani, il processo di divinizzazione era essenziale per la salvezza; per gli Ortodossi era un'eresia.
Nel 324 d.C., l'Imperatore romano Costantino, che aveva abbracciato il Cristianesimo dodici anni prima, entrò nella controversia ariana. Scrisse una lettera ad Ario e al vescovo Alessandro esortandoli a conciliare le loro differenze e mandò il vescovo Hosius di Cordova ad Alessandria per consegnarla, ma la sua lettera non riuscì a calmare la tempesta che imperversava sulla natura
di Dio - e dell'uomo. Costantino si rese conto che avrebbe dovuto fare di più se avesse voluto risolvere l'impasse.

3) Il Concilio di Nicea

Nel giugno 325 d.C. si aprì e proseguì per due mesi
il Concilio di Nicea  con la partecipazione di Costantino.
 I vescovi modificarono il Credo esistente per adattarlo ai loro scopi e, con alcune modifiche apportate in un successivo consiglio del quarto secolo, la preghiera è ancora recitata oggi in molte chiese. Il Credo di Nicea , come venne chiamato, venne accuratamente elaborato ripetendo numerose licenze per identificare il Figlio con il Padre piuttosto che con la creazione:
"Crediamo in un solo Dio, il Padre Onnipotente, creatore di tutte le cose visibili e invisibili; e in un solo Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, il solo generato da suo Padre, della sostanza del Padre, Dio da Dio, Luce da Luce ... "

Solo due vescovi, insieme ad Ario, si rifiutarono di firmare il Credo. Costantino li bandì dall'impero, mentre gli altri vescovi continuarono a celebrare la loro unità in una grande festa al palazzo imperiale.
Il Credo è molto più di un'affermazione della divinità di Gesù. È anche un'affermazione della nostra separazione da Dio e da Cristo.
È molto difficile descrivere Gesù come Dio per negare che faccia parte della creazione di Dio. È "generato, non creato",
quindi totalmente separato da noi, gli esseri creati. Come scrive lo studioso George Leonard Prestige, la descrizione di Gesù del Credo niceno ci dice "..
che il Figlio di Dio non assomiglia alle ... creature".
La descrizione di Gesù come unico Figlio di Dio è portata avanti nel Credo degli Apostoli, che è usato oggi in molte chiese protestanti. Si legge: "Credo in Dio, il Padre Onnipotente ... Credo in Gesù Cristo, il suo unico Figlio, nostro Signore". Ma anche questa versione
 - chiamando
 Gesù l'unico Figlio diDio - nega che possiamo mai raggiungere la filiazione con Dio. I cristiani potrebbero essere interessati a sapere che molti studiosi che analizzano i Vangeli ora credono che Gesù non abbia mai affermato di essere l'unico Figlio di Dio. Questo fu uno sviluppo successivo basato su un'interpretazione errata del vangelo di Giovanni.
Vi sono ulteriori prove che suggeriscono che Gesù credeva che tutte le persone potessero raggiungere l'obiettivo di diventare Figli di Dio. Ma le chiese, mantenendo questi credi, rimangono in schiavitù di Costantino e dei suoi trecento vescovi.
Alcuni dei vescovi che presero parte al Concilio erano a disagio con la definizione del Figlio e pensavano che avrebbero potuto andare troppo lontano. Ma l'imperatore, in una lettera inviata ai vescovi che non erano presenti a Nicea,
richiese che accettassero "questa vera ingiunzione divina".

Costantino disse che, poiché la decisione del consiglio era stata "determinata nelle assemblee sacre dei vescovi", i funzionari della Chiesa devono considerarlo come "indicativo della volontà divina". Il dio romano Costantino aveva parlato.
 Chiaramente, aveva concluso che la posizione ortodossa era più favorevole a una Chiesa forte e unificata rispetto alla posizione ariana e che quindi doveva essere confermata.
Costantino aveva anche colto l'occasione per inaugurare la prima sistematica persecuzione governativa contro i cristiani dissidenti, emettendo un editto contro gli "eretici", chiamandoli "odiatori e nemici della verità e della vita, in combutta con la distruzione".
Anche se aveva iniziato il suo regno con un editto di tolleranza religiosa, ora proibiva agli eretici (principalmente ariani) di riunirsi in qualsiasi luogo pubblico o privato, comprese le case private, e ordinò che fossero privati di "ogni punto di raccolta per [i loro ] incontri superstiziosi, "tra cui" tutte le case di preghiera ". Questi beni dovevano essere dati alla Chiesa ortodossa.
Gli insegnanti eretici furono costretti a fuggire e molti dei loro studenti a rientrare nell'ovile ortodosso.
L'imperatore ordinò anche una ricerca dei loro libri, che dovevano essere confiscati e distrutti.
Nascondere le opere di Ario comportava una severa pena: la condanna a morte.

Nicea, tuttavia, segnò l'inizio della fine dei concetti di preesistenza, reincarnazione e salvezza attraverso l'unione con Dio nella dottrina cristiana. Ci vollero altri duecento anni per far sparire tali idee, ma Costantino aveva dato alla Chiesa gli strumenti con cui farlo quando modellò il cristianesimo a sua immagine e rese Gesù l'unico Figlio di Dio. D'ora in poi, la Chiesa sarebbe diventata rappresentativa di un Dio capriccioso e autocratico - un Dio che non era diverso da Costantino e da altri imperatori romani.
Tertulliano , un anti-origeniano e Padre della Chiesa, aveva questo da dire su coloro che credevano
nella reincarnazione e non nella resurrezione dei morti:
"Che panorama, che spettacolo in quel giorno [Resurrezione]! A quale spettacolo dovrei  per primo a ridere e applaudire?
Saggi filosofi, arrossendo davanti ai loro studenti mentre bruciano insieme, i seguaci ai quali hanno insegnato che il mondo non è un problema di Dio, ai quali hanno assicurato che, o non avevano affatto anime o che le anime che avevano non sarebbero mai tornate
ai loro corpi precedenti? Sono cose di grande gioia, credo, meglio che un circo, un teatro e qualsiasi stadio. "

Tertulliano ebbe una grande influenza nell'aver messo a morte i cosiddetti "eretici".
-----------------------------------------------------------
 
4) Il quinto Concilio + CONCLUSIONI

Dopo Costantino e Nicea, gli scritti di Origene avevano continuato a essere popolari tra coloro che cercavano di chiarire la natura di Cristo, il destino dell'anima e la maniera della risurrezione. Alcuni dei monaci più istruiti avevano preso le idee di Origene e le stavano usando nelle pratiche mistiche con l'obiettivo di diventare una cosa sola con Dio.
Verso la fine del quarto secolo, i teologi ortodossi ricominciarono ad attaccare Origene. Le loro principali aree di difficoltà con il pensiero di Origene erano i suoi insegnamenti sulla natura di Dio e di Cristo, la risurrezione e la preesistenza dell'anima. Le loro critiche, che spesso si basavano sull'ignoranza e una comprensione inadeguata, trovarono un pubblico in luoghi alti e condussero al rifiuto della Chiesa per l'Origenismo  e la reincarnazione. Il bisogno della Chiesa di fare appello alle masse non istruite prevalse sulla logica fredda di Origene.

Il vescovo di Cipro, Epifanio , affermò che Origene negava la risurrezione della carne. Tuttavia, come ha dimostrato lo studioso Jon Dechow, Epifanio non ha capito né approfondito le idee di Origene. Tuttavia, fu in grado di convincere la Chiesa che le idee di Origene erano incompatibili con la teologia letteralista (
infallibilità delle scritture sacre - NdR).
Sulla base degli scritti di Efifanio, l'Origenismo  sarebbe stato infine condannato un secolo e mezzo dopo.
Jerome credeva che i corpi della risurrezione sarebbero stati in carne e ossa, completi di genitali - che, tuttavia, non sarebbero stati usati nell'aldilà, mentre gli Origenisti credevano che i corpi della risurrezione sarebbero stati solo spirituali.
La controversia degli Origenisti si estese ai monasteri nel deserto egiziano, in particolare a Nitria, che ospitava circa cinquemila monaci. C'erano due tipi di monaci in Egitto: i semplici e ignoranti, che componevano la maggioranza, e gli Origenisti, una minoranza istruita. La controversia si solidificò attorno alla questione se Dio avesse un corpo che potesse essere visto e toccato e i monaci sempliciotti credevano che fosse così, mentre gli Origenisti pensavano che Dio fosse invisibile e trascendente;
i monaci sempliciotti non potevano comprendere le speculazioni mistiche di Origene sulla natura di Dio.

Nel 399 d.C., il vescovo Teofilo scrisse una lettera per difendere la posizione dell'Origenismo .
A questo punto, i monaci sempliciotti si affollarono ad Alessandria, ribellandosi nelle strade e persino minacciando di uccidere Teofilo. Il vescovo invertì rapidamente rotta, dicendo ai monaci che ora poteva vedere che Dio aveva davvero un corpo:
"Nel vederti, vedo il volto di Dio".
L'improvviso cambiamento di Teofilo fu il catalizzatore di una serie di eventi che portarono alla condanna di Origene e al rogo del monastero di Nitria. Sotto Teodosio, i Cristiani, che erano stati perseguitati per così tanti anni, erano diventati a loro volta  persecutori. Dio fatto a immagine dell'uomo si era rivelato intollerante. I Cristiani Ortodossi scatenarono sanzioni e violenze contro tutti gli eretici (compresi Gnostici e Origenisti), pagani ed Ebrei. In questo clima di guerra religiosa, divenne pericoloso professare le idee sulla divinità innata e la ricerca dell'unione con Dio.
Potrebbe essere stato durante il regno di Teodosio che furono sepolti i manoscritti gnostici di Nag Hammadi - forse proprio dai monaci Origenisti, perché mentre costoro non erano apertamente gnostici, sarebbero stati in sintonia con il punto di vista gnostico e avrebbero potuto nascondere i libri dopo che erano diventati troppo caldi da gestire.
I monaci del deserto non accettarono le condanne del vescovo Teofilo. Continuarono a praticare le loro credenze in Palestina fino al sesto secolo, quando una serie di eventi portò l'Origenismo  nell'oblio, per sempre.

Giustiniano (governatore dal 527 al 565 d.C.) fu l'imperatore più abile dai tempi di Costantino e il più attivo nella confusione con la teologia cristiana. Giustiniano emanò editti secondo i quali si aspettava che la Chiesa governasse, nominò vescovi e addirittura imprigionò il Papa. Dopo il crollo dell'Impero Romano alla fine del V secolo, Costantinopoli rimase la capitale dell'Impero orientale o Bizantino. La storia di come l'Origenismo  alla fine venne respinto riguarda il tipo di giochi di potere labirintici per cui la corte imperiale divenne famosa.
Intorno al 543 d.C., Giustiniano sembra essersi schierato dalla parte degli anti-Origenisti emettendo un editto che condannava i dieci principi dell'Origenismo , inclusa la preesistenza delle anime. Dichiarò "anatema per Origene ... e per chiunque la pensa così".
In altre parole, Origene e chiunque credeva in queste proposizioni sarebbero stati eternamente dannati, sicchè il Concilio locale di Costantinopoli ratificò l'editto, che tutti i vescovi dovevano firmare.
Nel 553 d.C., Giustiniano convocò il Quinto Concilio Generale della Chiesa per discutere della controversia sui cosiddetti
"Tre Capitoli". Questi erano gli scritti di tre teologi le cui opinioni confinavano con l'eresia.
Giustiniano voleva che gli scritti fossero condannati e si aspettava che il Concilio lo facesse.
Aveva cercato di costringere il Papa a concordare con lui dal 545 d.C. Aveva essenzialmente arrestato il Papa a Roma e lo aveva portato a Costantinopoli, dove lo aveva tenuto prigioniero per quattro anni. Quando il Papa fuggì e in seguito si rifiutò di partecipare al Concilio, Giustiniano andò avanti e lo convocò senza di lui.
Questo Concilio produsse quattordici nuovi anatemi contro gli autori dei Tre Capitoli e altri teologi cristiani.
L'undicesimo anatema includeva il nome di Origene in un elenco di eretici. Il primo anatema recita:
"Se qualcuno afferma la favolosa preesistenza delle anime e deve far valere il mostruoso restauro che ne consegue: lascia che sia un anatema".  ("Restaurazione" significa il ritorno dell'anima all'unione con Dio. Gli Origenisti credevano che ciò avvenisse attraverso un percorso di reincarnazione). Sembrerebbe che il colpo mortale fosse stato inflitto contro la reincarnazione nel Cristianesimo. Dopo il Concilio, i monaci origenisti furono espulsi dal loro monastero palestinese, alcuni vescovi furono deposti e ancora una volta gli scritti di Origene furono distrutti.
I monaci anti-origenisti avevano vinto. L'imperatore era sceso saldamente dalla loro parte.
In teoria, sembrerebbe che la mancata approvazione papale degli anatemi lasci una scappatoia dottrinale per la credenza nella reincarnazione tra tutti i Cristiani di oggi, ma poiché la Chiesa ha -in pratica-
accettato gli anatemi, il risultato del Concilio fu quello di porre fine alla credenza nella reincarnazione nel Cristianesimo ortodosso.
In ogni caso, l'argomento è controverso. Prima o poi la Chiesa avrebbe probabilmente proibito tali credenze.
Quando la Chiesa codificò la sua negazione dell'origine divina dell'anima (a Nicea nel 325 d.C.), iniziò una reazione a catena che portò direttamente alla maledizione contro Origene.
Nonostante i consigli della Chiesa, i mistici continuarono a praticare la divinizzazione. Seguirono le idee di Origene, cercando ancora l'unione con Dio, ma i mistici cristiani erano continuamente perseguitati da accuse di eresia. Nello stesso momento in cui la Chiesa rifiutava la reincarnazione, accettava il peccato originale, una dottrina che rendeva ancora più difficile la pratica dei mistici.

CONCLUSIONI
Con la condanna di Origene, tutto ciò che è professato dalla reincarnazione fu ufficialmente stigmatizzato come eresia dato che la possibilità di un confronto diretto con questa credenza fu effettivamente rimossa dalla Chiesa. Nel licenziare Origene , la Chiesa si indirizzava solo indirettamente alla questione della reincarnazione. L'incontro con l'Origenismo  ha tuttavia tracciato linee decisive in materia di preesistenza, resurrezione dei morti e relazione tra corpo e anima. Ciò che un esame di Origene e della Chiesa ottiene, tuttavia, è mostrare dove il reincarnazionista entrerà in collisione con la posizione dell'ortodossia. La misura in cui potrebbe desiderare di ritirarsi da un tale conflitto è ovviamente una questione di coscienza personale.
Con il Concilio del 553 d.C. si può quasi chiudere il libro su questa intera controversia all'interno della Chiesa.
 Ci sono solo due note da aggiungere alla storia, che emergono dai Concili del 1274 e nel 1439 d.C.
Nel Concilio di Lione, nel 1274 d.C., fu dichiarato che dopo la morte l'anima si recava prontamente in paradiso o all'inferno.
 Nel Giorno del Giudizio, tutti staranno davanti al tribunale di Cristo con i loro corpi per rendere conto di ciò che hanno fatto.
Il Concilio di Firenze del 1439 d.C. usa quasi la stessa formulazione per descrivere il rapido passaggio dell'anima al paradiso o all'inferno. In entrambi questi editti è implicito il presupposto che l'anima non si avventuri di nuovo nei corpi fisici.
"La gente chi dice che sia il Figlio dell'uomo?"
Risposero: "Alcuni dicono Giovanni Battista; altri dicono Elia; e altri ancora, Geremia o uno dei Profeti". -
( Matteo 16: 13-14 )
-------------------------------------

NOTA A MARGINE DEL WEBMASTER

Termina con questo articolo la lunga trattazione di Kevin Williams sulla storia della Reincarnazione; rigoroso come sempre nei suoi articoli ricchi di logica stringente che si basa solo su quanto ricavato dai testi canonici e che poco lascia all'interpretazione personale dei fatti, perciò riteniamo che questo sia quanto di meglio abbiamo fin'ora trovato sulla spinosa questione.
 Ci pare però doveroso fare alcune osservazioni personali che Kevin invece non fa.

Innanzitutto, emerge chiaramente il fatto che la teoria reincarnazionista era ampiamente accettata all'epoca in cui visse ed operò Gesù: e come non potrebbe essere, data la LOGICITA' e la SEMPLICITA' di tale ipotesi? Tornare a vivere in un corpo per provare sulla propria pelle quanto di male abbiamo potuto fare ai nostri fratelli è una punizione (ma noi preferiamo dire
LEZIONE) di gran lunga più giusta delle fiamme eterne o di un paradiso noioso, mentre la resurrezione dei corpi è assicurata in un modo molto più naturale e consona alle leggi della Natura che non secondo la favoletta dei corpi che risorgono dalle tombe!
Una simile eventualità implicherebbe un'inversione dell'entropia, o del tempo, tutte cose impossibili per la Fisica che non vieta però alle anime eterne (perchè al di fuori delle leggi terrene) di tornare in un nuovo corpo!
Purtroppo, una simile teologia non era affatto gradita dagli Imperatori Romani che, vi ricordiamo, si consideravano Dèi in terra, visto che tutti i loro cittadini, sentendosi parti di Dio, lo sarebbero stati anche loro e poi perchè, nella logica della legge del Karma, un servo poteva diventare imperatore e viceversa.  Ovviamente, la nascente Chiesa Cristiana stava iniziando a capire di quale potere avrebbe potuto essere investita proclamandosi come unica autorità religiosa in grado di "salvare" le sue pecorelle,
travisando così il messaggio rivoluzionario di Cristo: 
"VOI SIETE DEI" . (clic >Salmo 82:6)
Perseguendo gli stessi obiettivi, ed intuendo che un'alleanza Stato/Chiesa avrebbe aumentato il controllo del popolo, non fu difficile trovare un accordo per allearsi, anche se a costo di qualche (bel!) compromesso. Naturalmente ci vollero un bel po' di anni perchè il sistema raggiungesse appieno i suoi obiettivi, ma tutti sappiamo come ha funzionato -e funziona- ancora molto bene.

Webmaster
Fonte:  https://www.near-death.com/reincarnation/history/christian-history.html

LA CRESCITA DELLA COSCIENZA INDIVIDUALE
LA REINCARNAZIONE (08-11-19)
di Cerchio Firenze 77

Abbiamo parlato della legge secondo la quale ogni essere amplia sempre di più la sua coscienza, attraverso molteplici incarnazioni. Non è infatti possibile raggiungere in una sola incarnazione, per un essere, una coscienza tale da rispecchiare i più alti ideali morali e religiosi, diciamo cosi. Allora, l’essere deve conoscere molte incarnazioni. E che cosa sono queste incarnazioni? Sono esperienze in seno a determinati, molteplici ambienti. Cosi, l’Essere avrà esperienze come uomo e come donna, come intellettuale e come operaio, come principe, come regnante e come mendicante, ecc.., e attraverso tutte queste esperienze avrà stimoli ambientali e reazioni interiori tali che la coscienza si costituirà gradualmente.
Allora, la morte, questa cosa cosi spaventosa specialmente per l’uomo occidentale, diventa un motivo necessario in quanto gli consente di rinnovarsi psicologicamente, mentalmente, emotivamente; perché l’Essere avrà ad ogni incarnazione una personalità diversa, e soprattutto degli stimoli ambientali diversi, e quindi delle reazioni interiori diverse, in modo da coprire l’intera gamma delle esperienze necessarie alla costituzione della coscienza individuale.
Se osservate l’uomo che nasce, normalmente gioioso, pieno di vita se non debba scontare un karma, lo vedete allegro e col desiderio di andare incontro alla vita. Poi, man mano che procede nella vita, raggiunge una certa maturazione, poi l’anzianità, la vecchiaia, e col suo modo di fare comincia a non essere più tanto amato dai suoi simili, non più desiderato e gradito come era in gioventù. Questo è proprio un espediente della natura per staccarci dagli esseri che ci sono vicini e che riescono piano piano non dico a stancarci, ma a risultarci un po’ meno graditi, più sopportati che altro. Questo è proprio un ausilio che la natura dà all’uomo per non farlo soffrire troppo in occasione di certe momentanee separazioni.
La morte, quindi, è una cosa necessaria proprio perché dà all’essere la possibilità di rinnovarsi integralmente. Ma l’Essere non deve aspettare la morte per far questo: nel corso stesso della sua vita deve cercare ogni giorno di essere nuovo, di nascere nuovamente. Questo è il modo di mantenersi giovani.
La morte è trasformazione, e la trasformazione è continua…

Tratto da: MAESTRO PERCHE' - risposte dall'invisibile - di Cerchio Firenze 77
Fonte: https://blog.libero.it/ALFCOSMOS/13070857.html

 

I VANTAGGI DELLA REINCARNAZIONE (31-08-19)
Nel corso degli ultimi anni, molte persone hanno riflettuto sulle loro vite passate.
Alcune hanno seguito corsi di meditazione o si sono sottoposti a regressione ipnotica delle vite passate, nella speranza di scoprire chi fossero stati.
I medium a volte riportano vite passate per spiegare i problemi che si verificano nelle vite attuali, tra cui fobie e sfide ripetitive.
E le vite future?
Ogni volta che guardo o leggo le notizie tragiche che giungono da questo mondo tormentato mi chiedo cosa sceglierà la mia anima per la sua prossima vita. Sarà una progressione logica dalla mia vita attuale, come una continuazione del mio lavoro, o sarà qualcosa di completamente diverso? Spesso mi chiedo ciò pensando a tutti quelli che vivono come minoranze razziali, etniche e religiose solo perchè sono nati in un determinato contesto sociale.
Il mio io superiore deciderà che dovrò sperimentare qualcosa che un altro gruppo disprezzerà e attaccherà automaticamente?
I materialisti, ovviamente, pensano alla nascita come al risultato casuale della genetica, perchè il materialismo non considera l'idea che la coscienza pre-natale abbia deliberatamente scelto di essere qualcosa allo scopo di apprendere particolari lezioni.
I materialisti probabilmente diranno "Non puoi scegliere i tuoi genitori", per esempio o anche: "Hai solo una vita da vivere".
La teoria della reincarnazione suggerisce che abbiamo una vaga idea, prima di incarnarci, di chi saremo e di cosa faremo sulla terra. Le persone che credono e insegnano la reincarnazione spesso dicono che noi (la nostra anima stessa) sceglie molte delle circostanze della nostra vita.  In un certo senso è come essere un autore di fiction che disegna personaggi con determinati tratti come razza, genere, religione, status sociale e così via. Gli autori fanno spesso le loro scelte in base a ciò che il personaggio dovrebbe fare, apprendere o rappresentare nella finzione scenica.

Attualmente l'Occidente sta affrontando il problema razziale connesso alle grandi migrazioni dall'Africa e dal Centro-America, con gravi turbamenti socio-politici. Parte di ciò riflette pregiudizi, diffidenza e avversione radicati nei confronti di coloro che sono diversi. Un'altra parte è creata da certi discorsi politici costantemente seguiti ed esacerbati dai media, ma le dispute sulla razza non considerano le possibili implicazioni della reincarnazione. Ci rifletto spesso e mi chiedo: chi avrebbe mai scelto volontariamente di nascere in un determinato paese sapendo che sarebbe stata una vita così infernale da doverne fuggire per sopravvivere?
Quale motivazione spirituale ci sarebbe dietro qualcuno in fuga a migliaia di kilometri,a piedi, pagando coi suoi pochi risparmi per chiedere asilo in paesi con tradizioni, leggi,culture totalmente in antitesi con le proprie?

IL FUTURO DELL'ANIMA

Mi piace immaginare cosa potrebbe accadere se venisse ufficialmente dichiarato, dalla Scienza e dalle Religioni, che l'Aldilà e la Reincarnazione esistono...  Quale potrebbe essere l'impatto dopo un'estesa comunicazione con ipotetici luminari post-materiali (persone "decedute" che erano geni altamente produttivi mentre vivevano sulla terra)?
Come potrebbero cambiare le nostre esperienze terrene se si sapesse che ognuno di noi vive una varietà di situazioni
 - genere, razza, status, ecc. - nel corso di una serie di vite?
Dovremmo considerare seriamente che in alcune future esperienze di vita, potremmo finire per diventare membri di un gruppo vilipeso e oppresso.  Pensate a qualsiasi situazione in cui odiereste nascere; cosa succederebbe se la vostra anima stessa scegliesse quella situazione per le opportunità di crescita e di servizio? Naturalmente l'anima lo sceglierebbe con una comprensione più ampia della realtà su ciò che è veramente positivo e negativo a lungo termine.
Credo che pensare alla reincarnazione potrebbe essere salutare per allentare le tensioni attualmente esistenti. 
Se, per esempio, un maschio bianco si rendesse conto che potrebbe rinascere nel corpo di una donna di colore nella sua prossima vita, potrebbe essere più propenso a rendere la vita migliore per il suo Prossimo già da questa vita.
Ci sarebbe quindi altro da dire e agire in modo appropriato rispetto alla mera correttezza politica, o persino fare ciò che è moralmente ed eticamente giusto. Sarebbe nel nostro interesse collettivo rendere questo mondo un posto migliore per tutti.
La certezza della Reincarnazione potrebbe anche rendere più divertente la diversità.
Ogni vita sarebbe vista più consapevolmente come un'avventura nell'essere qualcosa di unico da quel che si era prima. 
Allo stato attuale delle cose alcune persone spesso ridicolizzano o degradano altre perchè sono diverse. E' lecito pensare che migliorerebbe se sapessero che parte della vita eterna sta scegliendo la diversità nella nostra catena di vite?

Gli insegnanti spirituali spesso affermano che il karma non è destinato a essere punitivo, ma riguarda piuttosto l'equilibrio.
 Siamo nella Scuola Terrestre per imparare e questo significa sperimentare una varietà di situazioni.  Ogni situazione di vita ha i suoi pro e i suoi contro nella realtà più grande, sicchè, ciò che può sembrare una punizione dal nostro punto di vista attuale potrebbe essere una proverbiale benedizione sotto mentite spoglie.  Il karma è stato illustrato al meglio da una donna transgender,
(https://paulastonewilliams.com/ ) riflettendo sulla sua transizione da maschio a femmina.
Disse che da maschio pensava di essere sensibile e imparziale nei confronti delle donne, ma quando finalmente è diventata donna, ha imparato enormi lezioni sulle discriminazioni e sui pregiudizi a cui era stata cieca in precedenza. Avendo vissuto essenzialmente due vite con un solo cervello, ha visto come le sue diverse situazioni le hanno portato nuove intuizioni.
Parte della soluzione alle tensioni sulla diversità in futuro potrebbe essere la diffusione dell'idea che ognuno è creato uguale in un senso più ampio di quanto attualmente percepito.
Qualunque cosa tu sia ora, potresti non esserlo la prossima volta, e potresti non esserci stato l'ultima volta.

FONTE: https://soulphonenews.com

LE CINQUE FASI DELLA REINCARNAZIONE (16-11-18)
Fase 1: L'Anima infantile
-------------------------------------------------

Quelli che si avventurano nel primo stadio della reincarnazione sono conosciuti come Anime infantili o bambine. Sono i novizi dell'esistenza fisica, imparano ad abituarsi alla vita in forma fisica.

Qualsiasi Anima che si offre volontariamente per il viaggio della reincarnazione è davvero coraggiosa. È un viaggio fatto di molti passi, molte vite difficili, molte nascite e morti, spesso traumatiche.
Tuttavia, coloro che sono relativamente novizi, sono ancora vicini a quella spinta cosmica che li spinge a sperimentare, imparare ed evolvere ed hanno molto più entusiasmo per la vita della maggior parte di noi.

Tutte le fasi della reincarnazione offrono all'Anima individuale determinate scelte.  In questa prima fase l'attenzione è concentrata su quelle che hanno a che fare con l'esistenza fisica e la sopravvivenza, momento per momento.

Le Anime-bambine imparano ad adattarsi alla forma umana e al mondo che le circonda.
Vi è un preponderante interesse alle esigenze terrene molto basilari, sia individualmente (cibo, riparo e così via) che a quanto attiene a una famiglia o piccola comunità (protezione e riproduzione).

Le lezioni principali per l'Anima riguardano lo sperimentare se stessi come un essere fisico con i propri bisogni e limiti, così come interagire con un ambiente fisico separato e con altri esseri fisici, entrambi premurosi e minacciosi.

Dato che in questa fase l'obiettivo è di conoscere la natura della scelta in un mondo fisico, le nuove Anime preferiscono vivere in piccole comunità chiuse e strettamente affiatate che siano sicure e ricche di cibo. Lasciate sole, separate dalla propria famiglia o comunità, è probabile che tali individui diventino selvaggi.

Poiché il primo assaggio della vita fisica può essere così insolito e terrificante, molti sceglieranno una serie di morti premature fino a quando non si sentiranno più umani.  Se la morte precoce è un'opzione obbligatoria, è probabile che vi sia un pericolo
 mortale vicino al loro luogo di nascita (animali feroci, guerre e/o catastrofi naturali frequenti).

Le Anime infantili generalmente trovano la società moderna, guidata dalla tecnologia, troppo complessa e minacciosa, preferendo la semplicità confortante degli stili di vita tradizionali in ambienti naturali o pastorali. Coloro che vivono in una società moderna tenderanno a vivere ai margini. Non commettono quasi mai reati premeditati, ma poiché mancano della coscienza morale e degli "standard civili" tipiche delle Anime-bambine, possono facilmente trasgredire gli standard morali accettati senza pensarci due volte, ricorrendo ad atti violenti di incredibile ferocia come semplice mezzo di autoconservazione . Quindi potrebbero venire considerati pericolosi sub-umani, o psicopatici, o trattati come "gli idioti del villaggio".

Detto questo, c'è nell'Anima Infantile un istinto naturale a nutrirsi e a prendersi cura della propria famiglia, e questa è la prima opportunità per manifestare una forma di amore da esprimere e sperimentare nel regno della separazione umana. Il contatto tattile è particolarmente confortante e rassicurante. Più siamo disposti a prenderci cura gli uni degli altri, più troviamo che il terrificante senso di separazione e di solitudine diminuisce.Con questa enfasi posta sui benefici del contatto fisico, è naturale che tali Anime si adattino al piano terreno più facilmente di qualsiasi altro tipo di Anima .
Le Anime-bambine probabilmente rappresentano meno del 10% della popolazione mondiale.

Le percezioni dell'Anima infantile derivano principalmente dalle sensazioni grezze causate dall'incarnazione e dagli incontri con un ambiente fisico. Il senso del sé, gli altri e la vita sono i più basilari. La vita è percepita in termini di "ME" rispetto a "NON-ME" - il corpo e il suo ambiente. Le prime esperienze contano molto su come il mondo (non-me) è percepito nel complesso.
In generale, l'ambiente è considerato minaccioso e in gran parte incomprensibile. La maggior parte delle Anime infantili si sentono in un ambiente strano e spesso ostile. Coloro che hanno paura e cercano di allontanarsi il più possibile dal contatto con il mondo, sono oggi identificati come casi di grave autismo.

Allo stesso tempo, tuttavia, l'Anima infantile è ancora vicina allo stato originale di unità con tutto-ciò-che-è. Avendo poca esperienza di separazione fisica, l'Anima infantile conserva un senso interiore di connessione cosmica.
A causa del loro rimanente, forte legame alla Casa del Padre, gli individui in questa fase tendono anche ad avere percezioni Animistiche, cioè, prontamente attribuiranno lo spirito (coscienza, mente, volontà) a qualsiasi cosa che esiste nel mondo fisico - Animali, piante, rocce, nuvole, fiamme, ecc. L'ambiente è percepito come composto da molte diverse categorie che possono essere utili o, più probabilmente, terrificanti e pericolose - spiriti degli alberi, dell'acqua e così via.
La fondamentale diffidenza dell'Anima infantile verso le cose che incontra "là fuori", nel mondo della separazione, significa che l'intento ostile viene proiettato su qualsiasi cosa.

Questo senso di immersione nella coscienza vivente, sebbene in gran parte ostile, è spesso espresso nell'arte tribale e nel rituale. Si perde gradualmente durante lo stadio dell'Anima infantile e non sarà riacquistato fino alla quinta fase, migliaia di anni dopo, quando finalmente l'Anima vecchia percepirà la stessa essenza d'amore in tutto il Creato.

LE ANIME ADOLESCENTI (10-12-18)
(Seconda fase delle reincarnazioni)

Quelle che attraversano il secondo stadio della reincarnazione sono conosciute come anime adolescenti, includendo in tale casistica diversi sotto-livelli che vanno dall'anima un pò più che bambina a quella di un'anima "maggiorenne".
 Ciò significa, a nostro avviso, che accanto ad anime molto sottosviluppate, possono affiancarsi anime quasi adulte, prossime a transitare nella terza fase della così detta "maturità", che esamineremo in un prossimo articolo. L'adolescente è intemperante, ma ha le sue regole per cui un gruppo o uno stile musicale è "OK" e tutti gli altri non valgono nulla, oppure è rigidamente legato al suo gruppo di amici e non accetta altre conoscenze, in bilico perpetuo fra regole tutte sue da rispettare e quelle degli "altri " (genitori in primis) inaccettabili.
Colpisce il fatto che ciò che a noi appare -su questo piano di esistenza- illogico, caotico ed irrazionale, è invece guidato da precise Leggi Divine che ci permettono di evolvere anche grazie a questi enormi contrasti che vediamo nella vita di tutti i giorni e che dobbiamo imparare ad accettare come normali su questo caotico piano di esistenza.
Webmaster

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

 Le lezioni che le anime reincarnate vengono ad apprendere in questa fase riguardano l'adattamento alle regole
 e ai costumi della vita in una società ordinata e civile.
Potremmo definirle "Anime Adolescenti"
Nel secondo livello dello sviluppo dell'anima, l'obiettivo della vita umana non è più la sopravvivenza fisica quotidiana, ma la partecipazione a una struttura sociale che fornisca ordine , sicurezza e senso di appartenenza .
Mentre l'anima "infantile" fiorisce in una sorta di ambiente da "Giardino dell'Eden", l'anima "Adolescente" ama essere molto civilizzata, trovandsi in una società perfettamente ordinata e legata alle regole. Pensa a qualsiasi cosa,
dall'America del profondo sud dei Mormoni e degli Amish, ai Talebani, a Hitler,Mussolini ed ai fondamentalisti di tutte le Religioni.
Le lezioni principali ruotano attorno alla riconciliazione della volontà personale immediata con la maggiore volontà collettiva, spesso facendo sacrifici in modo da creare uno stile di vita più stabile e organizzato rispetto a quello dello stadio precedente .
Questa fase è sottolineata da autocontrollo, moderazione e conformità, controllo degli impulsi personali a breve termine,
 a vantaggio della stabilità e della sicurezza a lungo termine.
C'è un forte bisogno di giocare un ruolo significativo, fare qualcosa di valore e appartenere a qualcosa che è più grande di se stessi.
La vita nella società è un sistema di dare e avere e qui l'enfasi è sull'imparare a dare, sostenendo così il bene superiore.
In termini freudiani, si tratta di avere un Super-io per domare l'Id. L'ego non è ancora a fuoco.

È naturale per noi cercare l'ordine nell'apparente caos della vita e in  questo livello di coscienza, imponiamo l'ordine.
Un ordine che è semplice e assoluto.
Un'anima "Adolescente" adotta strutture fisse e permanenti come regole severe, legge e ordine forzato e ruoli rigidamente definiti, compresi i ruoli di genere. Tutte le cose percepite devono essere coerenti con questa struttura rigida. Se i fatti sembrano sfidare le proprie convinzioni, i fatti devono essere errati poiché il sistema di credenze è sempre "giusto". 
 Se la Bibbia dice che il mondo è stato creato in 7 giorni, questa è la Verità e qualsiasi prova contraria deve essere opera di Satana.
Anche tutte le azioni devono essere coerenti con un insieme di regole chiaramente definito.
Di conseguenza, tali anime tendono a pensare al comportamento in termini di dualismi semplici:
buono contro cattivo, giusto contro sbagliato, noi contro loro.  Ad esempio, se essere puliti è meglio che essere sporchi, la pulizia è assolutamente buona mentre la sporcizia è assolutamente malvagia. Non ci sono scale di scorrimento o aree grigie.
Nella fase precedente (come anima "infantile"), l'ambiente era percepito in termini di esseri che aiutano o ostacolano la sopravvivenza. Per l'anima "Adolescente", tuttavia, il mondo è diviso nell'ambiente fisico incivile contro la società civile e la società consiste di "attori" buoni o cattivi - esseri umani che deliberatamente agiscono in modo positivo o negativo.

E così il mondo in generale ora consiste in due tipi di persone: "noi" contro "loro", noi che lo facciamo bene rispetto a quelli che non lo fanno. Noi, le persone rispettose della legge, contro "il resto del mondo".

In termini psicologici, il senso del sé dell'anima "Adolescente" è culturalmente radicato - "Io sono uno di noi" - dove "noi" significa gli altri che pensano e agiscono come me . Il senso dell'identità personale è anche predefinito dal ruolo di una persona nella società
 (ad es. "Io sono la moglie del contadino"). Allo stesso modo, le credenze sono predefinite dalla cultura e le azioni sono predefinite dalle leggi e dalle regole della società. Queste anime non si concentrano ancora sulle loro prospettive, motivazioni o programmi.
(Tutto arriva al Terzo Stadio.)
Le varie vite intraprese in questa fase si concentreranno generalmente su legge e ordine, moralità, religione organizzata, tradizione etnica e presenza in una comunità molto unita. Questo stadio includerà tipicamente l'indottrinamento in un insieme di regole, credenze e valori ben definiti. L'educazione tenderà ad essere contrassegnata dal dogmatismo, dalla disciplina e dal senso di correttezza.

Detto questo, l'anima impara sperimentando entrambi i lati di qualsiasi problema, quindi in questa fase, ci sono probabilmente incarnazioni come criminali e fuorilegge, nonché cittadini rispettosi della legge, in particolare nei primi livelli.
Il comportamento dell'anima del "Adolescente" è fortemente colorato dal senso di ciò che è corretto o accettabile.
 C'è solo un modo giusto per fare qualsiasi cosa, quindi facciamolo giusto o no .
Come individui, sono principalmente interessati a fare ciò che è ritenuto giusto, avvenga ciò che deve accadere.
Il loro senso di correttezza è in gran parte dettato dal loro background e dalla loro educazione, e può essere estremamente conservatore, ostinato e xenofobo. Un'anima "Adolescente" potrebbe, ad esempio, lavorare come torturatore professionista e farlo con un grande senso di rettitudine. A causa delle loro rigide credenze e valori, tali anime rischiano di provare una vergogna insopportabile per tutta la vita nel caso in cui facciano qualcosa che ritengono sbagliato, come bestemmiare o disonorare il nome di famiglia. Per alcuni, questa assoluta rigidità e inflessibilità crea considerevoli tensioni interiori e conflitti (che potenzialmente portano a malattie mentali) e possono essere soggetti a rabbia e a punire eccessivamente gli altri che trasgrediscono la legge, proprio come un modo per eliminare il calore dai loro stessi conflitti.
Generalmente, le anime in stadio due preferiscono vivere con il loro tipo etnico in piccole città tranquille.
Possono cavarsela nel mondo moderno, anche se per molti non è di loro gradimento. Non sono così a proprio agio nella grande città con tutte le sue complessità, regole ambigue e tentazioni peccaminose.
Idealmente, alle anime in fase due piacerebbe probabilmente vivere insieme in una sorta di città di "Pleasantville"
[
https://it.wikipedia.org/wiki/Pleasantville ]
dove la vita è completamente sicura e ordinata e dove non ci sono strani estranei o tipi di spirito libero che infrangono le regole.
In un certo senso, le anime tipo due rappresentano l'apice della civiltà. In effetti, le regole e le leggi che sono alla base della società moderna derivano dall'impulso dell'anima "Adolescente" di organizzare la vita comunitaria. Ma con la loro fissazione su regole, igiene e comportamento morale retto, possono imbattersi in anime più vecchie.
Come segno della loro natura civile, queste anime amano mantenere le loro case e loro stessi particolarmente puliti e privi di germi,
in una misura che gli altri potrebbero considerare ossessivi o paranoici.
Inoltre, tendono a vestirsi allo stesso modo dei loro compagni membri della comunità, secondo la tradizione, piuttosto che mostrare individualismo. L'intero punto è di adattarsi, non risaltare.
Poiché le loro credenze e tradizioni etniche sono assunte senza dubbio come l'unico vero e giusto modo, tendono a non fidarsi delle altre culture. Negli Stati Uniti, ad esempio, costituiscono gran parte della destra cristiana e della "maggioranza morale".

In che modo le anime in Fase2  vanno d'accordo con le anime di altri livelli? Non molto comodamente, dato che rappresentano l'aspetto "non civilizzato" della natura umana da cui le anime "Adolescenti" cercano di allontanarsi.
Le giovani anime sono difficili a causa della loro insistenza sul progresso e sul cambiamento, che sfida il desiderio dell'anima "Adolescente" di stabilità, permanenza e continuità. Inoltre, le anime giovani sono spesso fissate sulla gratificazione dell'ego e sullo sviluppo personale, che le anime "Adolescente" tendono a considerare disgustose e non oneste.
E alle anime-bambine, alle anime mature e anziane, con i loro modi complessi e liberali, è semplicemente incomprensibile, fino a considerarle appartenenti alla generazione del diavolo. Con il loro bisogno di un senso dell'ordine cosmico, le anime Adolescenti sono spesso molto religiose. Di solito sono timorati di Dio nel senso più letterale, sia assolutista che fondamentalista. Tendono a personificare Dio come l'ultima figura autoritaria che distribuisce punizioni ai peccatori.
 
Le anime Adolescenti tenderanno a considerare i loro leader religiosi infallibili
 e le loro Scritture come la parola letterale di Dio.
La religione in cui sono nati è considerata senza dubbio l'unica vera religione (anche se in ogni vita potrebbero nascere in una religione completamente diversa).

A causa del loro prevalente senso dell'ordine, le anime Adolescenti amano fare tutto nel modo giusto e dal libro - letteralmente, nel senso della Bibbia, del Corano e così via. Ma, piuttosto come i bambini piccoli, sono anche inclini agli scoppi d'ira quando le loro aspettative rigidamente definite non vengono soddisfatte, come quando il loro concetto di moralità viene violato o le loro convinzioni religiose vengono attaccate.

 L'ANIMA GIOVANILE (22-12-18)
TERZA FASE DELLE REINCARNAZIONI

Quelli che subiscono la terza fase della reincarnazione sono conosciuti come anime giovani. In questa fase, la vita riguarda l'affermarsi come individuo nel mondo in generale, quindi, le giovani anime tendono ad essere ambiziose, materialiste e fortemente motivate.
Le giovani anime stanno imparando ad essere attori indipendenti nel mondo, esercitando il loro libero arbitrio.
Quindi, c'è un'enfasi maggiore sull'auto-asserzione e sul progresso, liberarsi dalle strutture limitanti, trovare i propri
 punti di forza e talenti, scoprire "di cosa sono fatto".
 La lezione principale per le anime nella terza fase della loro evoluzione è quella di esplorare ed esprimere l'individualità, scoprendo il potere dell'indipendenza nel pensiero, nella volontà e nell'azione.
C'è un forte desiderio di avere un impatto personale sul mondo esterno, quindi l'attenzione è molto rivolta verso l'esterno e con molta energia.
 Allo stesso tempo, c'è una forte tendenza a confrontarsi con gli altri, valutando l'autostima in termini di "miei" risultati rispetto ai "loro" risultati. Questo senso di sé orientato verso
l'esterno e al risultato può portare a una determinazione ad essere un "vincitore"
- e ad essere visto per vincente. Il pericolo è che l'aspetto del successo possa diventare più
importante di ogni altra cosa, inclusa la felicità.

Percezioni dell'anima giovanile
 Ricorda che per l'anima nella fase 2, il mondo è percepito in termini di noi contro
di loro. Per l'anima giovane, tuttavia, il mondo è costituito da individui distinti, ciascuno con
una propria mente, ognuno con la propria agenda. Il senso del sé della giovane anima è come un
individuo che si trova in contrasto con altri individui - Io non sono te, tu non sei me .
La vita è quindi spesso percepita come una competizione tra individui in competizione: io contro te, te e
te ... O tra gli ordini in competizione: la mia strada contro la tua strada.
 E mentre le anime infantili adottano automaticamente le credenze e i valori della loro tradizione
nativa, le giovani anime sono impegnate a sviluppare la propria prospettiva e il proprio
programma, a trovare i propri talenti e il proprio modo di vedere  e fare le cose.
Affermando la propria prospettiva, possono cambiare ciò che il mondo crede sia vero.
Forzando la propria agenda, possono determinare cosa succede nel mondo.
Sono agenti di cambiamento autodeterminati.
 Poiché le opinioni delle giovani anime sono di loro propria creazione, basate sulla loro stessa
conoscenza e ragionamento, sentiranno naturalmente che le loro opinioni sono intrinsecamente
giuste e corrette. Di conseguenza, chiunque abbia un'opinione diversa è presumibilmente in errore
e poiché anche le opinioni altrui, giuste o sbagliate, possono determinare ciò che accade nel
mondo, c'è un costante senso di competizione e quindi la sensazione che coloro che non sono
d'accordo debbano essere messi a posto, o lasciati andare, o almeno dimostrare che sbagliano.
 Quindi, per l'anima giovane, "La mia strada è la strada giusta. So che è perché posso vederlo da
me stesso. Quindi faccio tutto a modo mio . "

 
Ciò che le giovani anime non riconoscono ancora è che tutte le prospettive sono ugualmente valide.
Sono identificati con la loro prospettiva, sentendosi sicuri che è il modo migliore per vedere le
cose. Giovane stile di vita dell'anima...
 Le anime giovani sono attratte dal vivere in ambienti altamente competitivi in cui possono
spingersi, affermarsi e mettersi alla prova. Le città frenetiche e materialiste come Hong Kong e
Los Angeles sono giovani focolai di anime in crescita.
 Poiché le anime giovani possono spesso sperimentare la vita come una contesa tra loro e molti
altri individui ambiziosi, un risultato ideale sarebbe quello di avere successo in modo molto
forte e visibile sì che tutti sappiano chi è "il vincitore",quindi, le giovani anime sono
spesso attratte dai più ovvi segni di successo: fama, ricchezza, potere, gloria.

Altre caratteristiche dell'anima giovanile
 
A questo livello, l'amore tra individui può essere vissuto come offerta reciproca di buona
volontà: ti faccio sentire bene, mi fai stare bene, continuiamo a farci sentire bene l'un l'altro.
È anche un sentimento che può essere esteso ad altri che non sono direttamente conosciuti o
alle astrazioni. Ad esempio, si può provare un grande amore patriottico (reciproca benevolenza)
per il proprio paese. Come artisti, le giovani anime sono attratte più dalla fama e dalla fortuna che
dall'intraprendere intuizioni significative nella condizione umana.
A proposito, non c'è niente di sbagliato in tutto questo. È uno stadio naturale e necessario per
l'evoluzione dell'anima per tutti noi. L'ambizione audace e la competitività delle giovani anime
possono essere disgustose sia per le anime piccole che per quelle mature (per ragioni diverse), ma
servono a far emergere il meglio di noi come individui potenti: l'inventiva, la fiducia,
l'intraprendenza, l'eroismo. Molti dei più notevoli successi del mondo, dagli antichi imperi agli
sbarchi sulla Luna, sono stati progetti di giovani anime.

Alcune giovani anime famose
 
Poiché fanno di tutto per avere successo nella vita, ci sono state molte anime giovani di spicco e ben note nella storia.
 
Una delle figure più famose dell'antichità, Alessandro Magno era un'anima giovane regale (così come un
giovane re nella vita!) che creò uno dei più grandi imperi del mondo antico.
L' anima di Napoleone Bonaparte ha portato la Francia a conquistare ogni altra
grande potenza europea. Era al tempo stesso un tiranno per alcuni e un brillante leader
politico-militare per altri.
Un altro giovane sacerdote di spicco della storia fu l'imperatore romano Costantino che,
secondo una canalizzazione di Michael Holly Coleman, è ora un sacerdote maturo noto come Barack Obama .
Come leader nazionali, le giovani anime tendono a percepire le altre nazioni come rivali in una
competizione. Molte guerre sono state avviate da giovani opportunisti dell'anima, come Saddam
Hussein nella prima guerra del Golfo e George W. Bush nella seconda.
 Altri giovani leader dell'anima della storia recente includono John F. Kennedy, Mao Tse Tung,
Ronald Reagan, Margaret Thatcher, Bill Clinton e Silvio Berlusconi .
Nel mondo dello spettacolo ci sono molte celebrità , tra cui Elvis Presley, Dolly
Parton, John Travolta, Beyonce e 50 Cent.

L'anima matura  (28/01/19)
(QUARTO STADIO DELLA Reincarnazione)
Con questi due articoli, concludiamo il viaggio nella Reincarnazione.

Quelli che attraversano il quarto stadio della Reincarnazione sono conosciuti come anime mature; in questa fase, la vita riguarda l'accettazione dells diversiità,  altre prospettive, altre persone, altre culture, altre parti del proprio essere. Le vite delle anime mature si concentrano sull'esplorazione della vera natura del sé, della vita e specialmente degli altri. andando oltre la diretta indipendenza del terzo stadio, la principale sfida in questa quarta fase è scoprire come vivere in modo interdipendente con gli altri e con l'altro in generale.
 Così … Mentre l'anima giovane si concentra sull'essere assertiva, competitiva e di successo, l'anima matura si concentra sull'essere sensibile, cooperativa e autentica. Mentre un'anima giovane insiste sul fatto che la sua prospettiva è giusta, l'anima matura riconosce che le altre prospettive sono ugualmente valide, infatti per l'anima giovane l'interesse personale è importantissimo, l'anima matura è invece più interessata alla relazione sé-altro.

 Percezioni dell'anima matura
L'anima matura sviluppa un senso sempre più profondo di sé e degli altri. La vita non è più semplicemente una questione di ciò che accade là fuori nel mondo, ma anche di ciò che sta succedendo "qui dentro", da dove veniamo, che cosa significa tutto ciò. Attraverso la comprensione sempre più profonda della propria psicologia, le anime mature imparano anche perchè gli altri si comportano in un certo modo . Arrivano a riconoscere che tutti sono loro pari, almeno all'interno di loro stessi. In realtà, la loro prospettiva non è altro che una tra molte prospettive altrettanto valide.
In altre parole, vedo la vita dalla mia prospettiva ma anche dalla tua e accetto che il mio punto di vista sia solo un'altra prospettiva, e non necessariamente l'unica "corretta".  Tutte queste prospettive sono ugualmente valide e possiamo arrivare alla comprensione reciproca semplicemente condividendole.  Per inciso, puoi vedere ciò in molti grandi drammi, dall'antica Grecia a Shakespeare e persino bei film di Hollywood. Prendiamo, ad esempio, i film di Steven Spielberg (uno Spirito Maturo). Mentre storie come Jaws e War of the Worlds avrebbero potuto essere poco più che film d'azione di routine, il regista si concentra sulla fragilità e l'incertezza all'interno del mondo interiore di ogni personaggio - sia bambino che adulto, maschio o femmina, forte o debole.

Empatia

A questo livello c'è anche lo sviluppo dell'empatia - apprezzare le esperienze degli altri dalla loro prospettiva. 

*    Posso apprezzare come vivi la tua vita.

*    Posso percepire la vita come la percepisci. So come ti senti e capisco perché.

 *    Sebbene le nostre percezioni non siano le stesse, siamo tutti uguali dentro noi stessi.

Ma il senso di sé dell'anima matura può diventare confuso a causa di questa empatia con gli altri:
 *    Sono molto consapevole di come mi percepisci, di cosa provi per me.

*    Posso anche identificarmi con te, eppure io non sono te.

*    Allora, chi sono io?

L'anima matura continua a ricordare che tutte le prospettive sono valide ma non necessariamente corrette, e che ci sono prospettive sulle prospettive sulle prospettive ... Inizia così la ricerca di una verità più profonda che alla fine porterà all'unità. 

Altre caratteristiche dell'anima matura 

In contrasto con le avventure verso l'esterno dell'anima giovane, c'è a questo livello un focus interiore su percezioni, significati, problemi, relazioni e il significato della vita. Le anime mature cercano comprensione, autenticità e integrità, specialmente nelle relazioni, ma anche in altri aspetti della vita, tra cui arte e spiritualità.
Arrivano ad apprezzare sia la diversità che la complessità della vita, ma possono essere fin troppo introspettive mentre lottano per arrivare in fondo a tutto.  A causa della loro volontà di accettare e includere gli altri e la loro empatia per le esperienze altrui, le anime mature possono, a volte, essere eccessivamente autocritiche.
Mentre le anime giovani tendono a incolpare chiunque -tranne se stesse- per i propri problemi, le anime mature cercheranno prontamente di individuare i propri difetti, e mentre le anime giovani amano avere le proprie opinioni e affermarle con la forza, le anime mature sono più ambivalenti quando  si tratta di prendere posizione su qualsiasi questione.
All'inizio tenderanno a respingere e criticare la spinta competitiva e materialistica della cultura dell'anima giovane .
 (Ironia della sorte, molti scrittori e artisti maturi hanno raggiunto fama e fortuna in questo modo). 
Successivamente opinioni forti a favore o contro qualcosa si fanno dubbie.

Relazioni delle Anime Mature 
Essere un'anima matura significa cercare una "giusta relazione". Più che in ogni altro stadio, le anime mature
possono legarsi per la vita in una relazione positiva, amorevole e intima. È tempo che si incontrino e si aiutino a vicenda a lavorare sui loro problemi per creare una relazione matura e sana. È anche in questa fase che la genitorialità consapevole diventa una sfida chiave. A questo livello, l'amore è generalmente vissuto ed espresso come apprezzamento, una genuina accettazione dell'altrui diversità. 
Indipendentemente dal fatto che tu mi faccia sentire bene o no, e indipendentemente da come senti per me, ti amo per quello che sei.
L'anima matura è attratta dalle opportunità di esprimere questo apprezzamento della diversità, più sconosciuta
ed "estranea", meglio è. Ad esempio, si può sviluppare un amore per la fauna esotica o per le culture straniere.

Stili di vita
Le anime mature possono avere sensibilità sofisticate, all'avanguardia o postmoderne, ma in privato possono lottare con problemi emotivi di base. Poiché la vita è ora imperniata sull'ottimizzazione delle proprie relazioni con qualsiasi cosa, le anime mature possono trovare la vita intensamente complessa e stressante, piena di tumulti emotivi,
a volte in modo schiacciante. Il conflitto interno è molto comune.
Quindi c'è spesso il bisogno di trovare il tempo e lo spazio per l'introspezione, o la psicoterapia, o forse avere uno sfogo artistico per affrontare la confusione e la negatività che è dentro di sé. Da qui anche il desiderio di tenersi ben al di là dei limiti forzati delle culture infantili e della prima competitività delle giovani culture animiche.
Fallo come ti pare
, ecco il motto dell'anima matura, e questo spesso si manifesta nella loro espressione facciale.
Emerge anche a questo livello il desiderio di esplorare le forme più profonde e più tranquille della spiritualità, come il Buddismo Zen. Le anime mature tendono a gravitare verso luoghi liberali e multiculturali come Londra e San Francisco, sebbene preferiscano la relativa tranquillità dei sobborghi ai margini del centro della città.

Alcune famose anime mature
Ci sono molte anime mature ben conosciute, prevalentemente nelle arti. In contrasto con l'atteggiamento  "si può fare, si farà" delle anime giovani, vi è la sottigliezza, la sensibilità e la sincerità dietro le realizzazioni mature che le fa risaltare.
Molti dei più grandi artisti, romanzieri e musicisti del mondo sono stati anime mature, tra cui
Botticelli, Michaelangelo, William Shakespeare, Virginia Woolf, Dostoevskij e Van Gogh.

 ----------------------------------------------------------------------------

L'ANIMA ANTICA
(QUINTO STADIO DELLA Reincarnazione)
Quelli che subiscono la quinta e ultima fase della Reincarnazione sono conosciuti come anime antiche. In questa fase dell' evoluzione dell'anima c'è una ricerca di equilibrio e completamento, e l'impulso a PASSARE IL TESTIMONE
prima della fine del ciclo di reincarnazioni.

 Fine del viaggio
Avendo completato la quarta fase della Reincarnazione, l'anima ha fatto molta strada.

     Nel primo stadio, come "Anima infantile", ha imparato a conoscere l'esistenza fisica, la vita e la morte
e il bisogno di nutrimento.

    Nella seconda fase, come "Anima Bambina" ha imparato a conoscere la società, la cultura e la comunità,
il bisogno di strutture, di appartenenza e del suo ruolo nella società.

    Nella terza fase, come "Giovane Anima", ha imparato a conoscere il libero arbitrio e l'autodeterminazione, prendendo in mano il proprio destino, affrontando la sfida.

    Nel quarto stadio, come "Anima matura" ha imparato a conoscere la coesistenza e l'interrelazione, assumendosi la responsabilità delle sue relazioni, onorando la differenza e l'alterità (*).
(*)
Nel linguaggio della filosofia scolastica, l'opposto di identità, cioè ciò che non è soggettività, e quindi il mondo esterno, l'oggettività, il non-io.

 Alla fine, l'anima è pronta per la tappa finale del viaggio: il ritorno all'unità e la fine della Reincarnazione.

Alla ricerca dell'unità
La Vecchia Anima ha già un ben sviluppato senso di indipendenza (dalla sua fase di Anima Giovane) e interdipendenza (dalla fase Anima matura) ed ora si sente attratta a riconnettersi con il più grande ordine delle cose, l'unità cosmica sottostante.
 Ciò non significa rovesciare le lezioni delle fasi precedenti a favore di una nozione simpatica e ammorbidita di unità, piuttosto, significa venire a patti con tutte le dualità della vita (sé e altro, amore e odio, gioia e dolore, ecc.) Come parte integrante del tutto.
In effetti, la lezione principale è trovare unità nella diversità.

Il Sé Realizzato
Questo ritorno all'unità non comporta alcuna perdita di individualità, come alcuni immaginano. La fine della Reincarnazione
- "ascensione" o "illuminazione" - non significa svanire dall'esistenza, dissolversi nel nulla.
Piuttosto, l'anima completa la sua avventura come un individuo unico, come una stella distintiva nel cielo notturno, un Sé completamente realizzato. Quindi, per iniziare questa fase, l'anima tenderà a concentrarsi sulla vera autoespressione e auto-realizzazione.
In altre parole, ricerca esperienze e attività che forniscano il massimo appagamento personale nella vita sul piano fisico.
Questo potrebbe essere trovato, diciamo, nell'arte, nella scienza, nella recitazione, nella viticoltura, nel giardinaggio, nel volare su vecchi aeroplani o semplicemente nell'essere nonno.
L'anima non è interessata al successo o alla fama, così tanto come fare qualcosa che ama, semmai vuole solo
vivere fino al suo vero potenziale e trovare soddisfazione interiore. Poi, verso la fine del gioco, c'è più enfasi sull'insegnamento piuttosto che sul semplice apprendimento: trasmettere le lezioni apprese, mostrare agli altri la strada maestra.
Per alcuni, specialmente per le anime degli anziani santoni, l'obiettivo dell'insegnamento è esplicitamente spirituale.
Molti dei grandi maestri spirituali del mondo erano/sono Anime Antiche: Buddha, Gesù, Ramana Maharshi e così via.
Purtuttavia, ciò non vuol dire che ogni guru autoproclamato sia un'Antica Anima.
Ci sono insegnanti spirituali in tutte le fasi della Reincarnazione, ma l'Anima  avanzata ha alcune caratteristiche come insegnante spirituale che la distinguono dal resto: saggezza di vasta portata, grande compassione, pace interiore e poco o nullo attaccamento alle cose materiali. In questo ultimo ciclo sul piano terrestre, l'anima sviluppa una percezione più olistica di sé, della vita e di tutto come parte di un quadro più ampio. Così, mentre un'anima matura (stadio IV) arriva a percepire gli altri come suoi fratelli e sorelle, un'Anima Antica (stadio V) arriva a percepire sia se stessa che gli altri come parti integranti di un tutto più grande, un tutto unico ma essenziale. In altre parole, l'individuo arriva a percepire ogni cosa, ogni essere, ogni momento, come parte di un grande arazzo.
Il problema ora è come relazionarsi con questa realtà unitaria attraverso il proprio essere - come essere in pace con tutti i conflitti, come sperimentare l'armonia all'interno di tutta la diversità.  Ciò implica riconoscere la validità del percorso scelto da ciascuno nella vita all'interno del più ampio schema di cose. Siamo tutti parte dell'Uno, eppure siamo tanti e ognuno persegue un percorso diverso.  Nessuna strada è sbagliata. Da qui il motto dell' Anima Antica:
 "Tu fai la tua strada e io farò la mia".

Stili di vita antichi
 Le anime antiche diventano più rilassate, rilassate e distaccate dalla vita. L'esistenza umana è familiare e gestibile e non ci sono così tanti problemi da affrontare. I problemi principali, infatti, sono esistenziali piuttosto che materiali o psicologici. Una potenziale trappola per loro consiste nel cadere in apatia o compiacimento, non preoccupandosi più della vita e del mondo. A differenza delle Anime giovani, non sono prone a completare progetti importanti prima di morire. Mentre il piano fisico inizia a perdere il suo fascino, un'anima più anziana può mostrare segni di essere stanca del mondo, anche dalla nascita. Badando alle loro cose, le Anime Antiche finiscono per seguire solo il loro percorso, permettendo agli altri di perseguire il loro, semplicemente perfezionando le proprie capacità, essendo se stessi nella vita al meglio che possono. Molti lo fanno attraverso sforzi artistici, umanitari o filosofici, sebbene per altri la più grande forma di autorealizzazione possa essere qualcosa di banale come il giardinaggio.
Lavorare, riposare e giocare diventano tutte la stessa cosa.
Alla fine, la gioia si trova semplicemente nell'esistere, piuttosto che nel fare.

Come puoi individuare un'Anima Antica?
Le anime antiche hanno un livello di sicurezza che è insolito per le anime in altre fasi. Questo non è lo stesso dell'attaccamento sfacciato o l'attitudine a fare tutto delle Anime Giovani, anzi,le prime, sono generalmente rilassate e filosofiche sulla vita, a proprio agio con se stesse e con gli altri, e hanno meno preoccupazioni mondane. Questo non vuol dire che tale categoria non abbia problemi; molti chiaramente li hanno. Tutti abbiamo problemi di qualche tipo fino alla nostra ultima vita, ma a differenza  delle altre anime più giovani, quelle Antiche non lasciano che i loro problemi li sopraffacciano. Le anime antiche tendono a emanare una calma costante che ha sostanza, profondità e gravità. Al contrario, quelle giovani tendono ad apparire frenetiche e superficiali, mentre quelle antiche sembrano perennemente stressate e assalite dalla vita. Puoi spesso sentirlo dalla voce :

    Le giovani anime tendono a parlare forte e veloce ("Ho ragione e tu lo sai!")

  Le Anime Mature hanno una sorta di tono morbido intriso di incertezza
 ("
Non sono proprio sicuro di poter far fronte a questo ...")

Le Anime antiche tendono ad avere una voce lenta e profonda - rilassata, rassicurante e parlano senza fretta  ("Se c'è una cosa che so, è che non so nulla ...").

 Questa calma interiore e la sua profondità sono evidenti anche negli occhi della vecchia anima. Mentre quelle giovani non sono in grado di stabilire un contatto visivo a lungo e quelle mature lo faranno occasionalmente quando non sono troppo stressate o distratte, l'Anima antica tende a stabilire un contatto visivo diretto con uno sguardo risoluto.
 (
Nota: non è lo stesso sguardo freddo di uno psicopatico!)
Non hanno paura di guardarne un altro negli occhi e vedere nel loro cuore, inoltre sono cittadini del mondo, non molto identificati con il loro paese o la loro cultura d'origine. Tendono ad essere attratti dalla vita tranquilla lontano dal rumore della città.
In particolare, i vecchi Re  passeranno le loro ultime vite da insegnanti, vagabondi e senza casa.

 Alcune Antiche Anime Notevoli

Il Dr. Albert Schweitzer.  Marco Aurelio (121-180), Leonardo da Vinci (1452-1519), Carl Jung (1875-1961).
J. S. Bach (1685-1750), il pittore Paul Gauguin (1848-1903), lo scrittore Walt Whitman (1819-1892) L'attore Morgan Freeman, infine, molti dei più grandi maestri spirituali del mondo sono stati gli antichi spiriti degli ultimi tempi che trasmettono la loro saggezza: Gurdjieff (1866-1949), Jiddu Krishnamurti (1895-1986), Ramana Maharshi (1879-1950), Anandamayi Ma (1896-1962 ), Neem Karoli Baba (morto nel 1973), il Dalai Lama.

La fine della Reincarnazione 
Ci sono sette livelli per ogni stadio dell'evoluzione dell'anima, incluso questo. Dopo aver completato il settimo livello dell'Anima matura, essa inizia la sua successiva vita come Anima Anziana di 1 ° livello. L'anima subisce quindi l'intero ciclo di sviluppo, una vita alla volta, fino a raggiungere infine il 7 ° livello.
Questo è il passo finale, dei
35 passi della Reincarnazione. Occasionalmente s'incontrano persone che sono convinte di dover essere nella loro ultima incarnazione semplicemente perché sono così "spirituali" e non hanno simpatia per il mondo materiale.
 Non è così che funziona!

 L'obiettivo dell'evoluzione non è di fuggire dal miserabile piano fisico, nonostante ciò che molti insegnano.
 La fine della Reincarnazione non è una sorta di ricompensa per il buon comportamento.
L'esistenza umana non è una prigione, o una ruota di tormento, da cui solo il più meritevole conquista la liberazione.

Ci incarniamo perché vogliamo e scegliamo di farlo. Continuiamo a farlo proprio perché vogliamo fare i conti con la vita.
Sappiamo che in ogni vita probabilmente trascorriamo diversi decenni senza ricordare chi siamo, senza ricordare la nostra casa eterna, accettando l'illusione della separazione, vivendo con la paura. Questa è quanto ci ispira a diventare più consapevoli.

Il compimento avviene quando, non importa se sei incarnato o disincarnato, vedi attraverso l'illusione e ti senti sempre a casa tua. Prendi in considerazione Ramana Maharshi, un vecchio studioso, un modello di pura illuminazione.
Verso la fine della sua vita, alcuni dei suoi studenti lo implorarono di non morire, di non lasciarli.
 La sua risposta fu: "
Ma dove potrei andare?"  Sapeva che sia lui che tutti gli altri sono già a casa, e lo saranno sempre, e di non averli mai lasciati davvero.  Quindi l'ultima vita è quella in cui sei molto contento di essere nella forma fisica, usandola come un'opportunità per insegnare e illuminare gli altri - o semplicemente per divertirti ad essere nella fisicità un'ultima volta.
Se hai problemi con l'essere nel mondo fisico, allora hai ancora strada da percorrere.

Le fasi più alte

Al completamento del settimo livello non c'è più alcun bisogno o desiderio di reincarnarsi. L'anima unificherà la sua coscienza con anime gemelle che hanno anche completato il loro cammino e può servire come guida spirituale per gli altri che stanno ancora subendo la Reincarnazione e non c'è più il bisogno d'incarnarsi come essere umano.
 Ci sono alcune rare eccezioni, tuttavia.
Si dice che un certo numero di vecchie anime sacerdotali come il filosofo Socrate, il profeta Maometto e il Mahatma Gandhi si sono incarnati per diventare veicoli per un livello superiore di coscienza in grado di ispirare una rivoluzione culturale.
La coscienza superiore si è manifestata attraverso questi individui solo tardivamente nella loro vita.
Da quel momento in poi, sono indicati negli insegnamenti di Michele come "
anime trascendentali".
Gesù Cristo e il Buddha si dice che siano esempi di vecchie anime regali che ritornarono per diventare l'incarnazione fisica dell'amore divino, della pura coscienza e della verità ultima, il Tao stesso in forma umana.
In altre parole,
avatar. Ancora una volta, la trasformazione non si è verificata fino a un certo punto dell' età adulta.
Ma da quel momento in poi, si dice che queste persone siano manifestazioni dell '"anima infinita".

Webmaster - fonte: http://personalityspirituality.net

Ritorna alle FAQ's