NEWS NEWS NEWS
IN QUESTA E NELLE PAGINE SUCCESSIVE TROVERETE TUTTE
LE NOTIZIE PUBBLICATE SULLA PDA DA SETTEMBRE 2001 IN POI
  
 PAG 0
LEGGI ANCHE LE NOTIZIE "TELEX"

LE PAGINE DA 1 A 7 SONO STATE ARCHIVIATE IN FORMATO PDF QUI PAGINA 8
PAGINA 9 PAGINA 10 PAGINA 11 PAGINA 12 PAGINA 13 PAGINA 14 PAGINA 15
DAL:30-01-06
AL: 18-05-06
DAL 21-05-06
AL 14-10-06
 DAL 16-10-06
AL 07-03-07
DAL14-03-07
AL23-06-07
DAL 06-07-07
AL16-10-07
DAL 16-10-07
AL 28-04-08
DAL 30-04-08
AL 31-07-08
PAGINA 16 PAGINA 17 PAGINA 18 PAGINA 19 PAGINA 20 PAGINA 21 PAGINA 22
DAL:31-07-08
AL: 02-10-08
DAL:05-10-08
AL: 28-05-09
DAL:30-05-09
AL: 23-11-09
DAL:26-11-09
AL: 19-05-10
 DAL:28-05-10
AL: 28-10-10
 DAL:28-10-10
AL: 10-06-11
DAL:19-06-11
AL:  05-02-12
PAGINA 23 PAGINA 24 PAGINA 25 PAGINA 26 PAGINA 27 PAGINA 28 PAGINA 29
 DAL:05-02-12
AL:  03-09-12
 DAL18-09-12
AL:  18-05-13
 DAL: 07-05-13
AL:
22-05-14
 DAL: 22-05-14
AL: 06-03-15
DAL: 10-03-15
AL: 17-11-15
DAL: 09-12-15
AL: 19-09-16
DAL: 30-10-16
AL: 11-10-17
PAGINA 30
DAL: 26-10-17
AL: 14-06-18
PAGINA 31
 DAL 23-07-18
AL:  22-08-19
PAGINA 32 
DAL
08-09-19
AL:  04-06-22
       
La freccetta Indica un Link attivo raggiungibile dall'articolo
 GLI ARTICOLI SONO LINKATI ALL'INTERNO DELLA PAGINA
       
       
       

L'UNIVERSO OLOGRAFICO SPIEGA LA COSCIENZA?

ANGOSCIA ESISTENZIALE

LO SCOPO SPIRITUALE DEGLI ANIMALI DOMESTICI

ABBIAMO CHIESTO NOI QUESTE SFIDE?

--------------------------------------------------------------------------------
 

L'UNIVERSO OLOGRAFICO SPIEGA LA COSCIENZA?
(06-12-22)

Pubblichiamo le conclusioni di un lungo ed interessante articolo apparso su Discover Magazine in cui si tenta di spiegare con la teoria del'universo olografico sia le NDE che il funzionamento della coscienza.
L'ipotesi è molto affascinante e merita una lettura completa dell'articolo di cui vi forniamo il link alla traduzione automatica di Google.
https://www-discovermagazine-com

Conclusioni.
Se i neuroscienziati moderni iniziano a cercare prove che il cervello sia un trasduttore, potrebbero trovarlo direttamente attraverso una nuova comprensione dei percorsi neurali, delle strutture, dell'attività elettrochimica o delle onde cerebrali. Oppure potrebbero trovare tali prove indirettamente simulando aspetti della funzione cerebrale che sembrano essere in grado di trasdurre segnali. Potrebbero anche essere in grado di creare dispositivi che inviano segnali a un universo parallelo o, cosa più interessante, che ricevono segnali da quell'universo. Studi comparativi sui cervelli degli animali, che potrebbero plausibilmente avere connessioni limitate con il sistema operativo, potrebbero aiutare a portare avanti la ricerca.

Una trasduzione efficiente e chiara potrebbe anche rivelarsi la chiave per comprendere l'emergere del linguaggio e della coscienza umani; ecco una possibile spiegazione per quella che potrebbe essere stata la comparsa relativamente improvvisa di tali capacità negli esseri umani (vedi il libro di Julian Jaynes del 1976, The Origin of Consciousness in the Breakdown of the Bicameral Mind). La trasduzione neurale potrebbe anche rivelarsi il meccanismo alla base del concetto di "inconscio collettivo" di Carl Jung. Anche la teoria della grammatica universale di Noam Chomsky potrebbe ricevere un impulso dalla teoria della trasduzione; non sarebbe sorprendente che la maggior parte o tutte le lingue umane condividano determinate regole grammaticali se le lingue sono tutte vincolate da segnali provenienti da una fonte comune. E poi c'è quello stato di "flusso" che Mihaly Csikszentmihalyi ha insegnato a tutti. Quando sono in una modalità ipercreativa – ora, per esempio, mentre scrivo – non ho quasi nessuna consapevolezza di questo mondo o del passare del tempo. Il sistema operativo è la fonte della nostra creatività?

Potrebbero volerci decenni per vedere progressi significativi nella ricerca sulla trasduzione, ma con vaste risorse già dedicate alle scienze del cervello, potremmo plausibilmente muoverci molto più velocemente. E se sei preoccupato che la teoria della trasduzione sia solo un'altra di quelle teorie intrinsecamente non verificabili - come la teoria delle stringhe o le teorie sugli universi paralleli - ripensaci. Con la teoria della trasduzione neurale, abbiamo un enorme vantaggio: il dispositivo di trasduzione è disponibile per uno studio approfondito immediato .
Implicazioni e note finali

La teoria della trasduzione risolverà finalmente il vecchio problema della coscienza? Ne dubito, perché non penso che ci sia un problema di coscienza. La coscienza è solo l'esperienza che abbiamo quando osserviamo noi stessi o il mondo. Sembra grandioso semplicemente perché facciamo parte del sistema che stiamo osservando. E' un classico esempio di quanto possa essere difficile studiare un sistema di cui si è parte integrante; pensate a questo problema come a una sorta di teorema di Gödel delle scienze comportamentali. (Per tutto il mio discorso su questo problema, vedi il mio saggio del 2017, " Decapitating Consciousness ".)

Se la teoria della trasduzione si dimostrerà corretta, la nostra comprensione dell'universo e del nostro posto in esso cambierà profondamente. Potremmo non solo essere in grado di dare un senso a dozzine di strani aspetti dell'esperienza umana, ma potremmo anche iniziare a svelare alcuni dei più grandi misteri dell'universo: da dove viene il nostro universo, cos'altro e chi altro c'è là fuori, anche se c'è, in un certo senso, un Dio.

Se sei scettico quanto me sulle teorie inconsistenti, a questo punto potresti pensare: Epstein ha perso la testa (e, in tal caso, dov'è andato)? Ti assicuro che sono testardo come sempre. Non crederò ai fantasmi finché lo stesso Casper non si materializzerà di fronte a un pubblico e mi spingerà giù dal palco. Ma sono anche profondamente consapevole di quanto poco sappiamo, sia di noi stessi che del nostro universo. Se una semplice idea - il cervello come trasduttore - potrebbe stimolare nuovi tipi di ricerca e potrebbe anche portare ordine a quelle che sembrano decine di credenze umane non correlate, bizzarre e altamente persistenti, sono assolutamente d'accordo.

Robert Epstein è psicologo ricercatore senior presso l'American Institute for Behavioral Research and Technology in California. Ha conseguito un dottorato presso l'Università di Harvard ed è l'ex redattore capo della rivista Psychology Today .
È autore di 15 libri e più di 300 articoli su vari argomenti nelle scienze comportamentali.

 

AFFRONTARE L'ANGOSCIA ESISTENZIALE AL FUNERALE
DELLA REGINA
ELISABETTA   (05-10-22)
Di Mike Tymn

Secondo un recente sondaggio (World Values ??Survey 2017-2022), solo il 41,7% della popolazione del Regno Unito crede nella vita dopo la morte. Così, mentre guardavo in televisione il servizio funebre della regina Elisabetta II il 19 settembre, mi chiedevo cosa stesse pensando l'altro 58,3 per cento dei presenti quando vari ecclesiastici e funzionari della Chiesa d'Inghilterra dicevano o suggerivano continuamente che la regina è ora "in paradiso ,” o parole in tal senso. Allo stesso tempo, potevo visualizzare un certo numero di militanti nichilisti in tutto il mondo che deridevano, sogghignavano e sbuffavano con ipocrita disprezzo.  Sì, c'erano molti dignitari stranieri al funerale e le percentuali sono un po' più alte per alcuni di loro, ad esempio il 56,9% per il Canada, il 53,8% per l'Australia e il 68,2% per gli Stati Uniti, ma nel complesso, supponendo che il sondaggio sia valido , sembra corretto accettare che almeno la metà dei presenti si considerasse nichilista. Ascoltando le autorità della Chiesa, ho cercato di surrogarmi alla mente del nichilista e di analizzare la mia reazione alle parole pronunciate e all'intera atmosfera spirituale che mi circondava. Piuttosto che vedermi come un nichilista assoluto, chiuso al 100% in quel sistema di credenze, ho scelto di essere un nichilista al 90%, il che significa che il 10 percento del mio punto di vista era ancora attaccato alla "fiaba" religiosa con cui mia madre e altri mi hanno fatto il lavaggio del cervello durante quegli anni formativi. Mi consideravo troppo intelligente e con una mentalità scientifica per aggrapparmi a quelle fiabe, ma quel 10 percento mi ha aiutato a evitare la completa angoscia esistenziale quando i soliti meccanismi di fuga mi hanno fallito.

Emotivamente commosso dallo sfarzo, dalla solennità e dalla grandiosità del servizio spettacolare, mi sono ritrovato ad allontanarmi da quella visione del mondo nichilista del 90 percento per avvicinarmi al 50 percento, mentre mi chiedevo se è possibile che io abbia tratto una conclusione troppo affrettata respingendo tutto come una sciocchezza non scientifica. Le emozioni stavano combattendo con il mio intelletto. Ho tirato un sospiro di sollievo al pensiero che un certo numero di laici che la pensano allo stesso modo – un nome più accettabile dei nichilisti – seduti intorno a me non potevano leggermi nella mente e conoscere i miei pensieri assurdi. Fu in quel momento che la generazione dei reali più giovane entrò nel mio punto di vista e, considerando che gli altri sondaggi rivelano che le persone della loro generazione sono ancora più nichiliste di quelle più anziane, mi chiedevo se credessero davvero alla propaganda della Chiesa o se stessero semplicemente  “ giocando”, per così dire,
Mentre le autorità della Chiesa parlavano, menzionando l'apparentemente monotono paradiso ortodosso, il lontano Giorno del Giudizio, il cosiddetto "sonno" fino a quel giorno, la dottrina dell'espiazione e altre idee tristi adottate dalla Chiesa d'Inghilterra, il mio misuratore di credenze ha funzionato risalendo al 90 percento di incredulità, forse anche toccando il 100 percento,
e ho lottato per resistere all'angoscia esistenziale che stava iniziando a prendermi.
"No, la regina è estinta, e anche i miei cari defunti lo sono", pensai.
“Le loro personalità sono completamente cancellate proprio come lo sarà la mia un giorno.
Ma non lo saprò, quindi perché preoccuparmene?


Il mio intelletto non avrebbe permesso alla magnificenza straziante di tutto ciò che mi circondava di trionfare sulla ragione.
Ero fermo nella mia visione nichilista del mondo quando il servizio finì. Non avrei ceduto alla propaganda religiosa, ma ho pensato che fosse meglio mantenere quel fattore di fede del 10 per cento per proteggermi da futuri attacchi di angoscia esistenziale. Esternamente, tuttavia, farei finta di esserlo al 100 percento per non vergognarmi, anche se il 100 percento è un approccio molto poco scientifico e dovrebbe farmi vergognare ugualmente.
I resoconti dei media dopo il funerale si sono prestati alla visione nichilista, senza mai distinguere tra le spoglie mortali della regina e la sua persona. Un commentatore ha detto qualcosa sul fatto che "il corpo della regina Elisabetta sarà deposto con suo marito Filippo nella cappella di Windsor dove staranno insieme per l'eternità".
 
Che immagine lugubre e deprimente che offre.

Tornando a non immaginare, ho ripensato al commento fatto dal professor Augustus De Morgan, il famoso matematico e logico britannico, nella sua lettera alla madre, quando diceva, in effetti, che se fosse tornato a una religione organizzata, sceglierebbe la “Chiesa di Roma” al posto della Chiesa d'Inghilterra. (
Vedi blog del 13 settembre 2022 ).
Non ha fornito una ragione specifica oltre a dire che la Chiesa di Roma ha fornito molte più conoscenze rispetto alla Chiesa d'Inghilterra, ma sospetto che l'idea del Purgatorio fosse una delle ragioni principali di quel commento.
La Riforma protestante ha tentato di eliminare il Purgatorio, una sorta di via di mezzo tra il paradiso e l'inferno, in cui le anime si sarebbero purificate dai loro peccati prima di poter entrare in paradiso. Le presunte anime protestanti dell'aldilà erano tutte buone o tutte cattive. Non c'erano sfumature di grigio tra il bene supremo e il male supremo.
Riteneva che una persona fosse "salvata" purché avesse fatto la scelta giusta nel selezionare e adorare il suo salvatore durante la sua vita. La fortuna era spesso un fattore molto importante nel trovare quel salvatore. Lo sfortunato fu condannato all'eternità nel fuoco eterno.
C'è da meravigliarsi che le persone razionali abbiano abbandonato le religioni organizzate?
E mentre i cattolici offrivano una via di mezzo, era terribile, tranne per il fatto che non dura per l'eternità.
Le indicazioni sono che la Chiesa cattolica ora evita qualsiasi discussione sul purgatorio poiché anche la persona che lascia la vita terrena con un'anima di una sfumatura di grigio molto chiara ha motivo di temere la morte e ciò che l'aspetta.
Né i protestanti né i cattolici sembrano aver preso in considerazione le rivelazioni iniziate con Emanual Swedenborg durante la metà del diciottesimo secolo, suggerendo che ci sono molti regni o livelli di coscienza nell'ambiente dell'aldilà, o come è tradotto nel Nuovo Testamento, "molte dimore nella casa del Padre mio".

Sebbene le parole del disincarnato Albert Pauchard (1878-1934) non siano soggette a conferma scientifica, sono coerenti con molti altri messaggi provenienti dall'Altro Lato relativi alla vita da quel lato del velo.
"Il purgatorio non è una fantasia, è una realtà", ha comunicato Pauchard a sua sorella Antonietta tramite un medium poco dopo la sua morte, all'età di 56 anni. Ha continuato spiegando che non era un luogo di punizione per le colpe commesse, ma piuttosto un luogo che si è creato per se stessi in base alla mentalità e alle azioni terrene della persona.
(Riferimento: The Other World , disponibile su White Crow Books)

"Qui si incontrano tutti i tipi di persone", ha continuato Pauchard. “Si vede ognuno come realmente è, e ogni individuo trascorre un periodo più o meno lungo nel proprio Purgatorio particolare. Sarai il primo a capire con quanta intensità si desidera avvertire coloro che sono sulla terra quando vedono tutto questo. Perché un po' di buona volontà, il minimo sforzo, anche senza successo, fa una differenza così enorme nei risultati qui”. Ha aggiunto che vive in un mondo quadridimensionale che è costituito da più realtà  che sul piano materiale. "L'intensità della gioia e della sofferenza morale si moltiplica più di cento volte, e le impressioni che sulla terra sono più o meno vaghe prendono qui una forma oggettiva e simbolica..."

Pauchard ha comunicato che molte persone lì non capiscono la loro condizione. Un caso tipico, spiegò, era quello di un uomo che si vantava di essere un intellettuale. "Un materialista ovviamente", ha continuato. «Conosci le loro teorie. In conseguenza della loro convinzione che dopo la morte non ci sia coscienza, molte di queste persone vanno a dormire per un periodo più o meno lungo”. Pauchard lo definì un tipo "onorevole" e un teorico. “Continua a teorizzare qui. Non è nemmeno consapevole che i desideri e le condizioni fisiche sono svaniti. Non avevano mai significato molto per lui. Vede intorno a sé il suo studio e la sua camera da letto e continua semplicemente alla vecchia maniera perché non ha capito. Quanto al suo Purgatorio, non l'ha ancora attraversato.
C'è ancora spazio per questo nel suo essere. La sua attività intellettuale incessante e piuttosto superficiale deve prima esaurirsi un po'. Solo le persone che hanno un cuore e un'immaginazione attraversano il loro Purgatorio in una fase iniziale, mentre coloro che negano la vita dopo la morte e sono dotati di una grande immaginazione vanno a dormire. Questo fa parte del loro Purgatorio, perché sono consapevoli dell'unica cosa che hanno sempre sognato: la loro incoscienza».


Pauchard aggiunse che né lui né nessun'altra anima lì potevano far capire all'uomo la sua condizione. La sua attuale attività deve “svanire” da sola. “Alla fine se ne stancherà e così inizierà il suo Purgatorio. In un caso come questo, il Purgatorio non assume una forma oggettiva, simbolica, perché l'individuo non ha immaginazione.
Un altro caso difficile, racconta Pauchard alla sorella, è quello di un pastore che, non avendo trovato le condizioni che si aspettava, non crede alla propria morte. “È turbato da cose che non sa spiegare e crede di essere diventato debole di mente.
Volevo aiutarlo, ma ha paura di me. Pensa che a causa del suo difetto mentale può diventare meno saldamente ancorato
alla vera dottrina e quindi essere sviato da me”.

Quando gli è stato chiesto se ci si annoia lì, Pauchard ha risposto:
"Oh no! Non ci si annoia qui, di questo puoi esserne certo. A meno che non si porti con sé quel particolare tipo di spirito, che non si interessa di niente o trova difetti in tutto. Ma questo tipo di mentalità non ha accesso all'aereo in cui vivo".

Nel complesso, Pauchard e altri comunicatori spirituali riferiscono di uno stile di vita attivo dall'altra parte una volta che l'anima si è completamente risvegliata alla sua condizione.
"Da un punto di vista mortale, la vita qui può sembrare vuota e monotona", ha affermato Pauchard.
«Ma è tutt'altro che così. È davvero così intenso e radioso che, in confronto, la vita sulla terra ci appare come un brutto sogno, un brutto sogno in una notte buia”. Fino a quando la religione non si risveglierà, sembra probabile che continuerà a perdere membri. Invece di desiderare che la persona “riposi in pace”, nella tomba fino a un lontano giorno del giudizio, potrebbe iniziare desiderando uno stile di vita molto attivo per l'anima recentemente scomparsa.
 

Fonte: http://whitecrowbooks.com/

LO SCOPO SPIRITUALE DEGLI ANIMALI DOMESTICI
(19-09-22)
di Robert Schwartz

Il processo di collocare la nostra energia all'interno di un corpo, e così facendo dimenticare che siamo esseri divini vasti, maestosi, fatti letteralmente dall'energia dell'Amore Incondizionato, è come essere colpiti in testa da un pesante ramo di un albero e resi inconsci, solo per svegliarsi senza alcun ricordo. Cosa accadrebbe se vivessi davvero un'esperienza del genere? Tutti coloro che ti amano, ogni membro della tua famiglia, ogni caro amico, verrebbero dalla tua parte ed esprimerebbero grande amore per te. Anche se non riconosceresti nessuno di loro, il loro potente sfogo di preoccupazione e affetto ti toccherebbe profondamente. Concluderesti che solo una persona veramente amorevole può essere così amata. E in quell'istante di realizzazione, conosceresti, al di là di ogni dubbio, la tua vera natura.
Questo è il ruolo che gli animali domestici giocano nelle nostre vite. Nel mio libro Your Soul's Gift: The Healing Power of the Life You Planned Before You Were Born, condivido la storia di Marcia, che ha scelto prima di entrare nel corpo di essere un nano. In questa vita Marcia è alta solo 1,4 metri (meno di 5 piedi). Marcia sapeva già prima della sua nascita che le persone l'avrebbero rifiutata e licenziata a causa della sua altezza, e ha scelto questa difficile esperienza per favorire la sua crescita spirituale. Ha poi inserito nel suo piano coraggioso una salvaguardia: avrebbe sempre avuto l'amore incondizionato per i suoi animali domestici. Questi animali fanno parte della sua sessione di pianificazione pre-parto. I suoi futuri cani (Dusty, Brutus), gatti (Snowflake, Pippo, Willie), gallo (Crooked Beak) e cavallo (Cheetah) si sono tutti impegnati nella sua sessione di pianificazione a sostenerla e prendersi cura di lei anche quando i suoi simili non lo fanno. Poiché aveva anche pianificato di essere chiaroudiente in questa vita, Marcia è sempre stata in grado di ascoltare i pensieri dei suoi animali domestici quando comunicavano con lei.
Proprio come le persone con amnesia non ricordano coloro che erano nelle loro vite prima dell'oblio, così anche noi non ricordiamo gli animali domestici che erano con noi prima della nostra nascita. Eppure, i nostri animali domestici vengono dalla nostra parte ed esprimono il loro grande amore per noi, ricordandoci ogni giorno che solo noi che siamo Amore possiamo essere così amati. E ci ricordano non solo che siamo amati, ma anche che siamo degni di amore. Quando Marcia tornava a casa da scuola e piangeva per le parole crudeli degli altri bambini, Dusty era lì per dirle che era perfetta, che "poteva sempre tornare a casa, e io sarei lì e ti amerei". Cheetah ha anche ricordato a Marcia che era degna di amore: “Non importa quello che dicono. Guarda cosa possiamo fare io e te insieme! Salire! Andiamo!" E così cavalcavano come il vento, il più piccolo dei bambini sul più grande dei cavalli, liberi e al sicuro, innamorati della vita e l'uno dell'altro.
Inoltre, gli animali domestici portano guarigione. In effetti, i nostri compagni animali sono maestri guaritori, in parte perché incarnano l'amore in una forma del tutto non minacciosa. La chiara assenza di minacce crea in noi la volontà di ricevere la guarigione. Potremmo temere di accettare l'amore da un'altra persona, ma Marcia non aveva tale paura con Bruto o Fiocco di neve. Quando la madre di Marcia giaceva malata in ospedale, Bruto, con la coda scodinzolante e le grandi orecchie che cadevano, era un balsamo curativo per il cuore pesante di Marcia. Quando la madre di Marcia è tornata a Casa, è stato Fiocco di neve a curare il dolore di Marcia, dicendo: "Il mio lavoro con lei è finito. Ora devo prendermi cura di te".
Come ci curano gli animali domestici? Non c'è potere di guarigione più grande nell'Universo di quello dell'amore incondizionato. Eppure, al di là dell'amore incondizionato, gli animali domestici guariscono trasmutando le energie. Anche quando ci sentiamo deboli e piccoli, i nostri animali domestici vengono comunque da noi per prendersi cura di noi e quindi ci ricordano che siamo abbastanza forti, abbastanza capaci per fornirlo. Anche quando siamo invischiati nella rabbia o nella colpa, si siedono gioiosamente al nostro fianco, irradiando contentezza e instillando pace dentro di noi. Quando proviamo vergogna, senso di colpa o indegnità, ci guardano e vedono solo la perfezione. I nostri animali domestici ci vedono come luce, la luce di cui siamo letteralmente fatti, la luce che sapevamo di essere prima di nascere. Quando perdiamo di vista la nostra magnificenza, ce lo ricordano.
A volte una persona cara, anche uno spirito guida, si incarna come un animale domestico perché è il modo migliore, e forse unico, per condividere una vita con noi. Ho un caro amico che aveva programmato di non avere figli in questa vita. Un'anima che ama e che la ama teneramente si è incarnata come il suo cane in modo che potessero completare la relazione madre-figlia che hanno condiviso in una vita passata come nativi americani. Entrambi erano stati guaritori in altre vite passate e hanno continuato il loro lavoro di guarigione insieme nella vita attuale. La mia amica portava spesso il suo cane in sessioni di guarigione con i clienti, molti dei quali commentavano di essersi sentiti guariti dalla presenza dell'animale.
In definitiva, che si tratti di Willie che ricorda a Marcia di divertirsi, Pippo che si prende cura di Marcia e così cura il suo dolore dopo la morte di Fiocco di neve, Bruto che insegna compassione e gentilezza, Fiocco di neve che modella l'indipendenza, o Dusty, Cheetah e Crooked Beak che amano una bambina che aveva solo bisogno di essere accettata e amicizia,
ciascuno di questi animali venne a Marcia
-------------------------------------------
Sull'Autore:
Robert Schwartz è un consulente che aiuta le persone a guarire comprendendo il loro progetto di vita.
È autore di due libri di successo, Il piano della tua anima: scoprire il vero significato della vita che hai pianificato prima di nascere e Il dono della tua anima: il potere curativo della vita che hai pianificato prima della tua nascita. Visita Robert online su:

www.yoursoulsplan.com

ABBIAMO CHIESTO NOI QUESTE SFIDE? (13/09/22)
di Robert Schwartz
Innanzitutto, una parola sulla mia metodologia. In entrambi i miei libri  (https://yoursoulsplan.com/books/)  ho intervistato persone
che hanno sperimentato problemi di vita comuni come la malattia fisica, la morte di una persona cara, la dipendenza o la malattia mentale. Quelle persone hanno poi avuto sessioni con Medium e Canalizzatori dotati in cui ho chiesto allo Spirito:
"Questa esperienza è stata pianificata prima della nascita e, se sì, perché?"

Nei miei libri presento tutta la saggezza che poi si è fatta avanti. Le mie intenzioni sono aiutare le persone a vedere il significato più profondo delle sfide della loro vita e, così facendo, a guarirle. È importante capire qui che le esperienze dolorose possono catalizzare una guarigione profonda per le nostre anime se noi, le personalità incarnate, rispondiamo a queste sfide con amore (compreso l'amore per se stessi) e un cuore aperto, e se impariamo le lezioni offerte da queste esperienze.

Facciamo un esempio. Nel capitolo Suicide in Your Soul's Gift, condivido la storia di Carolyn, il cui unico figlio Cameron si è suicidato poco dopo essersi diplomato al liceo. Carolyn ed io abbiamo avuto una sessione di canalizzazione in cui abbiamo parlato con Jeshua (Gesù).
Jeshua ha iniziato dicendoci che il suicidio non è mai pianificato prima della nascita come certezza, ma è spesso pianificato come una possibilità e talvolta come un'alta probabilità, come nel caso di Cameron. In altre parole, Cameron sapeva che
stava affrontando così tanto in questa vita che era probabile un suicidio.

Dal momento che Carolyn non ha memoria del suo piano pre-nascita (proprio come la maggior parte di noi ), sentiva abbastanza naturalmente di aver deluso Cameron. Era piena di sensi di colpa e auto-colpa, chiedendosi cosa avrebbe potuto fare. Fu allora che Jeshua condivise con noi una delle informazioni più importanti, sorprendenti e potenti in cui mi sono imbattuto nella mia ricerca.
Ci ha detto: "Ogni suicidio evitabile da parte di forze esterne è stato effettivamente prevenuto".
Ciò che intendeva dire è che se la persona suicida ha la minima disponibilità a cambiare idea, l'Universo metterà in scena un intervento. Potrebbe essere qualcosa di semplice come un uccello che vola e distrae la persona, o qualcosa di drammatico come un angelo che assume forma umana e intercede fisicamente. Se hai perso una persona cara per suicidio, sappi questo:
 non c'era letteralmente nulla che avresti potuto o dovuto fare per salvarla.
Non sei da biasimare. Non sei in colpa. Non li hai delusi.

Una delle difficoltà che Cameron ha avuto mentre era nel corpo era che la depressione cronica bloccava la sua capacità
di sentire il suo amore per la sua famiglia. Jeshua ci dice:
“Mentre era fisicamente in vita non poteva più sentire il suo amore per loro. Quando è morto ha realizzato la piena portata del suo amore e dal punto di vista dell'anima questa è stata una grande svolta. Il suicidio ha costretto Cameron a cambiare, e nel suo caso ha funzionato bene. È stato un punto di svolta per la sua anima".
Questa è una prospettiva radicale ma potentemente curativa. La nostra società considera il suicidio forse il fallimento finale, eppure Jeshua ci dice che dal punto di vista dell'anima può essere una benedizione. Come anime la nostra più alta intenzione è quella di dare e ricevere amore. Mentre era nel corpo Cameron non riusciva a sentire, e quindi incapace di esprimere, il grande amore che aveva nel cuore per la sua famiglia. Ora, nel regno non fisico, sente quell'amore intensamente, e per la sua anima quel sentimento è un trionfo.
Oltre a considerare il suicidio un fallimento, tendiamo anche a vederlo come un peccato.
Eppure nella conversazione con Carolyn, Jeshua ci dice:
“Da una prospettiva spirituale, non ci sono atti assolutamente sbagliati o peccaminosi. L'atto più profondo di auto-tradimento può portare qualcuno in uno stato di chiarezza interiore che può aiutare per sempre. Il punto più oscuro può diventare il punto di partenza per una nuova direzione verso la luce. Vedete, l'evoluzione spirituale non procede in modo lineare. Usa le polarità di luce e oscurità per creare dinamiche e cambiamenti."

Nel dire questo desidero togliere il tradizionale giudizio sul suicidio, che è il peccato più grave. Dio o lo Spirito non si sentono in questo modo. Dio ha la più grande compassione per le persone che si tolgono la vita nella disperazione.
C'è sempre un aiuto disponibile per loro dall'altra parte. Non vengono mai abbandonati”.

Attraverso il Medium, abbiamo anche parlato direttamente con Cameron, che ha confermato di non essere stato abbandonato.
Al ritorno in spirito, è stato accolto da guide amorevoli, che lo hanno nutrito e sostenuto attraverso un processo di guarigione emotiva e attraverso alcune conversazioni molto difficili con Carolyn avvenute nel suo stato di sonno. È importante sottolineare che, contrariamente a quanto insegnano alcune religioni, Cameron ci ha detto che non è mai stato punito in alcun modo per essersi tolto la vita. Non è andato a una sorta di "Inferno", né ha vagato all'infinito in uno stato di Limbo. Invece, ha sperimentato brevemente una certa confusione e disorientamento quando è passato per la prima volta (poiché era confuso e disorientato quando si è suicidato),
 ma ha visto rapidamente le sue guide, che lo hanno scortato "a casa".

E che dire della guarigione di Carolyn? Dal momento che Carolyn non ha memoria del suo piano pre-nascita - proprio come la maggior parte di noi non lo fa - ha sentito in modo del tutto naturale di aver deluso Cameron. Era piena di sensi di colpa e auto-colpa, chiedendosi cosa avrebbe potuto fare per impedire il suicidio di suo figlio. In risposta a questi sentimenti, Jeshua condivide con noi una delle informazioni più importanti, sorprendenti e potenti che ho trovato durante la mia ricerca. Ci dice: "Ogni suicidio evitabile da parte di forze esterne è stato effettivamente prevenuto". Ciò che intende è che se la persona suicida ha la minima disponibilità a cambiare idea, l'Universo lo sa e l'Universo mette in scena un intervento. Potrebbe essere qualcosa di semplice come un uccello che vola e distrae la persona, o qualcosa di drammatico come un angelo che assume forma umana e intercede fisicamente. Se hai perso una persona cara per suicidio, sappi questo: non c'era letteralmente nulla che avresti potuto fare per salvarla.
Non sei da biasimare.
Non sei in colpa.
Non li hai delusi.
Qui riposa la tua guarigione. Qui sta la tua pace.


In un altro capitolo esplorerò la pianificazione pre-nascita dell'aborto spontaneo e volontario.
Qui, condivido la storia di Rebecca, che è stata devastata da un aborto spontaneo. Rebecca sentiva di aver ucciso il suo bambino non ancora nato, Calvin, facendo un lavoro pesante che l'aveva causato l'aborto spontaneo. In una sessione di canalizzazione, Rebecca ha parlato con Calvin. Abbiamo appreso che nella loro ultima vita passata insieme, Rebecca era stata maschio e l'ufficiale in comando di un forte dell'esercito nel vecchio West. Calvin era un ufficiale subordinato e anche un caro amico. Quando il forte fu attaccato, Rebecca (come ufficiale in comando) inviò tutti i soldati, incluso Calvin, a difenderlo. I soldati furono massacrati.
Rebecca si è incolpata per la morte del suo amico e non è mai stata in grado di perdonarsi.
Dopo quella vita, Rebecca decise di voler lavorare sulla lezione del perdono di sé. Ha quindi pianificato prima di nascere di sperimentare un aborto spontaneo, sapendo che si sarebbe incolpata e quindi avrebbe avuto l'opportunità di fare ciò che non poteva fare prima: perdonare se stessa. Dopo aver stabilito quel piano, chiese a Calvin se sarebbe stato l'anima la cui energia era associata al suo bambino non ancora nato. Al servizio e per amore di lei, accettò.
Per molto tempo, Rebecca non è stata in grado di guarire dall'aborto spontaneo. Era triste e sconfitta, piena di dubbi e disprezzo di sé. Tuttavia, quando ha saputo di aver pianificato l'aborto, quella consapevolezza "ha cambiato la mia vita", ha detto.
“Mi ha riportato a casa in me stesso. È un viaggio che non avrei potuto fare da sola”. Tale guarigione profonda si verifica spesso quando qualcuno arriva a comprendere il proprio piano pre-nascita.

Your Soul's Gift guarda anche alla pianificazione che facciamo con i nostri amati compagni animali. Nel capitolo Animali domestici, condivido la toccante storia di Marcia, che progetta di diventare una nana. Oggi, da donna adulta, è alta 139 cm.
Marcia sapeva che il nanismo sarebbe stata una sfida tremenda, in particolare durante l'infanzia, quando i suoi coetanei a scuola l'avrebbero presa in giro e l'avrebbero ostracizzata. Con questo in mente, ha pianificato di avere  nella sua infanzia
molti animali che amano incondizionatamente per tutta la vita: cani, gatti, cavalli e persino un gallo chiamato Crooked Beak.
Aveva anche pianificato di avere la capacità di comunicare con loro telepaticamente.
Da bambina, quando tornava a casa da scuola in lacrime,
Dusty il cane di Marcia le diceva: "Va tutto bene. Per me sei perfetto."
 E il suo palomino, Cheetah, le diceva: "Non importa cosa dicono [i bambini a scuola].
Guarda cosa possiamo fare io e te insieme! Avanti! Andiamo!"
La scelta di ricevere amore incondizionato dagli animali è stata una saggia decisione nella sessione di pianificazione pre-nascita di Marcia.

Inoltre, esploro alcune delle esperienze più traumatiche che una persona può avere mentre è nel corpo.
 Ci sono capitoli specifici sulla pianificazione sia dell'incesto che dello stupro. Sono stato a lungo angosciato sull'opportunità di includere tali argomenti nel mio libro, poiché sicuramente non volevo traumatizzare nuovamente nessuno o far sentire la colpa a coloro che hanno subito incesto o stupro. Nessuno che ha avuto tali esperienze è da biasimare. Alla fine, ho sentito che la saggezza contenuta in questi capitoli avrebbe offerto la guarigione e ho deciso di condividere ciò che avevo trovato.

Perché qualcuno dovrebbe pianificare prima della nascita di sperimentare l'incesto o lo stupro? Una verità spirituale fondamentale è che non c'è coscienza inespressa. In altre parole, tutto ciò che è dentro di te, a livello conscio o subconscio, sarà espresso nel mondo esterno. L'esterno rispecchia l'interno. Quasi tutti noi abbiamo avuto vite passate in cui siamo arrivati a credere a cose su noi stessi che le nostre anime sanno essere false. Due delle false credenze più comuni sono che siamo inutili e che siamo impotenti.
Se sei qualcuno che ha una o entrambe queste false credenze all'interno della tua coscienza, appariranno nel mondo intorno a te, a volte sotto forma di esperienze traumatiche come l'incesto o lo stupro.
Lo scopo di questa rappresentazione non è punirti. Al contrario, lo scopo è portare le tue false convinzioni alla luce della consapevolezza cosciente, dove possono poi essere guarite. Questo è un tipo di progetto di vita particolarmente difficile, ma al suo interno c'è il potenziale per una guarigione profonda.
Possiamo, se vogliamo, negare che la Terra sia rotonda, ma questo non la renderà piatta. Sarà ancora rotondo. Allo stesso modo, possiamo negare che le anime a volte (anche se certamente non sempre) pianificano prima della nascita di sperimentare traumi come l'incesto e lo stupro, ma ciò non significa che tale pianificazione non avvenga. Accade. Per millenni l'umanità ha imparato attraverso la sofferenza. Se vogliamo andare oltre il paradigma dell'apprendimento attraverso la sofferenza, allora dobbiamo dare uno sguardo coraggioso e incrollabile a ciò che si trova nella nostra coscienza.
E poi guarisci.
-------------------------------------------
Sull'Autore:
Robert Schwartz è un consulente che aiuta le persone a guarire comprendendo il loro progetto di vita.
È autore di due libri di successo, Il piano della tua anima: scoprire il vero significato della vita che hai pianificato prima di nascere e Il dono della tua anima: il potere curativo della vita che hai pianificato prima della tua nascita. Visita Robert online su:

www.yoursoulsplan.com