ARCHIVIO CONGRESSI DI PARAPSICOLOGIA
- PAGINA TRE-dal 1999 ad Ott. 2000

IN DIRETTA DALL'ALDILA' 30/09 > 1/10-2000

Domenica 1 Ottobre, Palazzo dei Congressi di Bellaria, ci sono circa un centinaio di persone quando con precisione Britannica, alle 19 in punto, il Dr. Giuseppe Raduano cede la parola alla Medium Inglese Sue Rowlands ed alla sua interprete.

Dopo un breve "excursus" della sua vita, Sue ci ha ribadito che, se é vero che da lassù Loro possono aiutarci, anche noi possiamo far qualcosa per i nostri Cari Defunti, ovvero non affligerli con inutili lacrime e rimorsi: anche se, come nel caso degli incidenti d'auto, molti genitori provano sensi di colpa, i nostri Ragazzi ci mandano a dire che la loro ora era già suonata e nulla e nessuno avrebbe potuto impedire il loro trapasso.
Dobbiamo inviare Loro dei pensieri gentili e pensare a quando saremo di nuovo insieme.

Alla fine di questa breve introduzione, Sue si é concentrata per un attimo ed ha subito "visto" un'auto di piccola cilindrata, ribaltata, immagine inviata dallo Spirito di un ragazzo perito in un incidente. Egli le diceva che si era rotto qualcosa, forse il differenziale e che la Polizia aveva steso un verbale inesatto sull'accaduto. Una delle mamme presenti ha subito capito che si trattava di suo figlio!
Dopo altri tre o quattro contatti, fra cui uno con un camionista, di cui ha descritto esattamente le ferite riportate nell'incidente ed un altro con una simpatica ed energica nonna ultraottantenne, Sue ha detto di vedere un
bebe' nell'incubatrice, deceduto/a in Ospedale (non le era chiaro il sesso) ed un ragazzo sui 13 anni, dai capelli color cenere.

Come gia' saprete,  abbiamo perso anche una bimba: nata prematura era stato necessario inviarla in un reparto di terapia intensiva neonatale, dove era spirata ad una settimana dalla nascita, inoltre i capelli biondi di Nicola, dopo le chemio, erano diventati di un color sabbia ed Egli oggi avrebbe circa 13 anni!

Sono saltato dalla poltrona, richiamando l'attenzione di Sue e lei ha proseguito dicendo che vedeva sangue e sentiva dolore alle ossa, che stavano bene entrambi e che io conservo, nello stesso posto, sia foto che disegni e giocattolini di mio Figlio, particolari esattissimi questi ultimi, mentre il sangue e' sicuramente riferibile alle trasfusioni che entrambi subìrono durante il ricovero in Ospedale.
Nicola, inoltre, accuso' forti dolori ossei nelle fasi terminali della sua malattia, oltre ad estrema debolezza muscolare, anch'essa riferitami dalla Medium. Di sicuro si trattava di
Coco'! Mi chiese se io amassi appartarmi in posti isolati, in mezzo alla campagna, vicino a fiumi o ruscelli, per fermarmi a meditare e se Nicola amasse le montagne piene di neve: ancora una volta gridai di sì!

A sua sorella Lydia, presente in sala, ha mandato a dire che le sta sta sempre vicino e che fra due anni la sua vita avra' una svolta; difatti fra due anni, al termine del biennio del DAMS di Bologna (ove si é iscritta quest'anno), dovra' scegliere fra diversi indirizzi artistico-musicali, la qual cosa, ovviamente, condizionerà il suo futuro lavoro.

Webmaster

COME SOPRAVVIVERE AL DOLORE GRAZIE AD INTERNET.

Inizio col porgere un caloroso saluto agli altri Relatori ed un doveroso ringraziamento agli Organizzatori che mi hanno invitato a questo Convegno, ma vorrei anche abbracciare idealmente tutti quei genitori qui presenti che, come me, appartengono al Club piu' esclusivo del mondo, in cui nessuno é però entrato volontariamente: il Club degli Amputati.
Amputati perche', con la dipartita dei nostri Figli,abbiamo visto andar via una parte di noi stessi, come un braccio, una gamba o un altro organo fondamentale, ma di importanza ben piu' grande di una qualsiasi altra parte del nostro corpo: i Figli sono NOI STESSI! Anche se nel fondo del cuore abbiamo sempre saputo che i nostri ragazzi prima o poi se ne sarebbero andati per le vie del mondo e che sarebbe stato puro egoismo fermarli, avevamo d'altro canto la certezza che avrebbero continuato ad ESISTERE: in un'altra casa, IN UN'ALTRO PAESE, a New York o in Cina non importa, ma sarebbero sempre stati raggiungibili... quando invece spiccano "Il grande volo" (non voglio usare la parola MORTE, perche' troppo carica di significati negativi), sappiamo che non abbiamo piu' modo di rivederli, di abbracciarli, di baciarli, di "reintegrarli" in noi stessi almeno ogni tanto....

Vedevo ancora una gioia infinita negli occhi di mio padre (che ci ha lasciati nel Marzo scorso) quando andavo a trovarlo la domenica in un paese a 70 km dal mio: a 90 anni si puo' non essere ancora "sazi" di amore parentale perche' é l'unico Amore che dura per sempre che, ne sono certo, continua anche dopo il nostro distacco terreno. Ma fino a che non arriverà quel momento, noi non potremo più godere di questa gioia; anche la presenza di altri figli non riesce a riempire quel posto vuoto a tavola, in auto, nella vita di ogni giorno. Tutti sappiamo bene quanto orribili siano le Festivita' come Natale, Capodanno, ecc, maggiormente se i nostri Angeli erano ancora piccoli quando ci hanno lasciati. I primi due anni sono i piu' difficili da superare. Lavorare e' l'unico aggancio alla realta', i colleghi, gli amici o ci evitano o parlano di altro, sforzandosi di non toccare quell'argomento. Eppure noi vorremmo tanto che lo facessero, che ci chiedessero dei nostri ragazzi, di come erano, di come speravamo che sarebbero stati e quando qualcuno capisce che non partecipiamo ai loro discorsi, tira fuori le solite parole di convenienza:"...vedrai, passera', fatti forza, la vita deve continuare..."

Certo, la vita continua, ma noi ci sentiamo come una foglia secca trascinata dalla corrente del fiume, rischiamo di impaludarci, di ripiegarci su noi stessi come un riccio, di piangerci addosso.... "Come posso reagire?" - mi chiesi dopo i primi due anni vissuti da "Zombie"... Finche'....nel 1996, quando Internet cominciava a diffondersi anche nel Sud Italia, un po' per curiosita',un po' per noia, mi abbonai ad uno dei primi costosissimi "Providers".
Man mano mi appassionai a questo nuovo mezzo di comunicazione: quanto c'era da imparare e da vedere! Notizie di ogni tipo, da quelle professionali a quelle scientifiche, di cronaca, ecc. Un giorno provai a digitare qualcosa sull'aldila', qualcosa che avevo letto tanti anni prima in un libro scritto da uno psichiatra americano, il Dr. Raymond Moody. Era una sigla, NDE, che vuol dire "esperienze di pre morte" in Inglese, roba che, allora, avevo etichettato subito per "fantascienza", dando del matto a quell'oscuro Collega che si mostrava cosi' poco scientifico occupandosi di tali stupidaggini. Collega che invece ho avuto l'immensa gioia di conoscere nell'Aprile scorso scoprendo di essere accomunati dallo stesso dolore: anche lui ha perso un bimbo di tre anni, Collega che ho ringraziato per l'aiuto che mi ha dato, grazie alle sue opere e che mi ha ricambiato con un abbraccio carico di umanita', un abbraccio che ricordero' per tutta la vita!

Tornando alla mia ricerca su Internet, trovai più di 27.000 riferimenti alle NDE...la cosa era troppo "grossa" per essere una stupidaggine. Lessi centinaia di pagine, di racconti ben documentati nelle cartelle cliniche di moltissimi Ospedali e cominciai ad intravvedere una risposta alla domanda che mi frullava nella mente da piu' di due anni: "DOV'E' ANDATO NICOLA?" La lettura di tante esperienze di pre-morte fu la chiave per aprirmi uno spiraglio su quel Mondo dove Lui si trovava, per immaginarlo in un posto ben piu' sicuro di questa Terra dove continuava a vivere e, di certo, ad aspettarci. Restava un altro problema: era possibile comunicare? Stando alle informazioni raccolte, si.
Vi erano due sistemi: o attendere un contatto spontaneo tramite profumi, sogni, addirittura "visioni" (ADC ovvero contatti post-mortem), o rivolgersi ad un Medium.
Prima di volare via, Nicola mi aveva detto una sera, dopo che come al solito avevo telefonato ai miei genitori:"Papa', quando saro' grande pure io ti telefonero' per farti sapere come sto....", un'ingenua dolce promessa fatta da un bimbo di sei anni, malato terminale di cancro. Aggrappandomi a questa promessa, decisi di fare una pazzia: "telefonare" a mio figlio, in pratica fissare una "seduta" via Internet con un Medium Americana, consigliatami dai coniugi Guggenheim. Essi avevano appena finito di raccogliere testimonianze relative ai contatti post-mortem di migliaia di persone che avevano intervistato in USA, per pubblicarle sul libro "Hello from Heavens"e, guarda caso, il loro sito Internet era uno dei primi che avevo trovato durante le fasi iniziali della mia ricerca. In tanti sul loro "Message Board" affermavano di esser riusciti a "contattare" i loro Cari tramite i Mediums colaà accreditati e/o di aver ricevuto comunicazioni spontanee, dopo che i loro cuori si erano dischiusi alla speranza: perchè non fare la prova? A parte la modica cifra di 70 Dollari, (somma modestissima rispetto ai 1.000 dollari di onorario di altri ben noti medium che affollano i nostri talk-shows) e qualche scatto telefonico, non avevo niente da perdere!

Bill e Judy G. si prodigarono per trovermi un'interprete e fissarono un appuntamento in un orario "possibile" per entrambi, data la differenza dovuta al fuso-orario. Finalmente arrivò la sera fissata per la "chat" (ovvero un collegamento in diretta via Internet) con una certa Natalie. Premetto che ella non sapeva nulla di me, ne' del bambino ne' della sua malattia, oltretutto era stata chiamata all'ultimo momento a causa della defezione del ben piu' famoso J. Edwards col quale avrvo pattuito il contatto. Ma a quel punto, l'uno valeva l'altra! Dopo i primi convenevoli, Natalie disse che Nicola era sia con lei in Pennsylvania che con noi in Italia e che le confermava di essere il figlio di Claudio: ci abbracciava e ci faceva sapere che stava bene. Cose molto generiche che aumentavano il mio scetticismo.... Ma all'improvviso saltò fuori che:

1) AVEVAMO CAMBIATO LA CARTA DA PARATI DEL SOGGIORNO DOVE LUI AMAVA GIOCARE
2) LA SUA MALATTIA GLI IMPEDIVA DI URINARE
3) UNA SORELLINA PIù GRANDE MA PIù PICCOLA DI LUI era presente alla "seduta":

Io e mia moglie scoppiamo a piangere, dato che queste ed altre informazioni erano terribilmente esatte, infatti avevamo effettivamente rinnovato il soggiorno, cambiando la carta da parati, (la carta, si badi bene e non ridipinto!) inoltre lui giocava sempre li', anziche' nella sua stanza. Il tumore che lo aveva colpito era vescicale ed il primo sintomo fu proprio un blocco urinario, mentre l'apparente contraddizione della sorellina era per noi chiarissima: nel 1984 abbiamo perso anche una bimba a soli 7 giorni dalla nascita, ovviamente qui sulla terra sarebbe stata una sorella maggiore per Nicola, ma per il nostro modo di pensare, condizionato dal tempo che "li'" si dice non esista, Sandra (questo é il suo nome) ha sempre e solo 7 giorni! Cosa dire? Quasi tutti i miei dubbi sulla morte vista come fine di ogni barlume di consapevolezza dell'essere umano scomparvero in un attimo, anche se un'ombra di incredulità, che cioè si potesse essere trattato di un puro caso, permaneva ancora nella mia mente.

Sebbene i miei residui dubbi siano stati fugati dai successivi contatti con Natalie, i Guggenheim e tante altre persone conosciute sui loro siti, cerco sempre di restare "coi piedi per terra", non dimentico della mia formazione positivistica, poichè i falsi medium e gli imbroglioni sono tanti anche in Rete e non é facile individuarli subito. D'altro canto non posso piu' negare aprioristicamente l'esistenza di un qualcosa che fa la differenza fra un essere vivente ed un oggetto inanimato, quel qualcosa che chiamiamo "Anima", "Spirito" e che, a mio avviso, non potra' mai essere scientificamente indagato.

Grazie a questo fitto scambio di comunicazioni via e-mail e tramite i "Message Boards", ovvero dei siti di lettere aperte a tutti, mi é possibile condividere con gli altri genitori sia i nostri ADCs, discutendone il significato e la reale consistenza, sia dare e/o ricevere conforto nei momenti di maggiore tristezza. Se si aggiunge la possibilita' offerta dalle "Chat-Rooms" con programmi tipo ICQ, che consentono di comunicare in tempo reale, il ventaglio delle possibilita' offerte dalla grande rete é veramente vasto.

Tutto ciò ha molto aiutato sia me che mia moglie, non dico a superare il dolore, ma almeno ad imparare a convivere con esso e Internet ha ormai assunto un'importanza fondamentale nella nostra vita quotidiana. Questi potenti strumenti informatici mi hanno permesso non solo di aiutare me stesso, ma anche molti altri genitori "Amputati" per i quali ho effettuato diverse "sedute" telematiche, grazie a Natalie. Ella, a differenza di molti altri Mediums che utilizzano il telefono o le Chats per le loro sessioni, é l'unica che io conosca, a non aver bisogno di un contatto diretto con le persone che le richiedono la seduta, essendo in grado di fornire valide risposta anche attraverso le e-mails. Da un po' di tempo mi presto volentieri anche a fare da interprete poichè, grazie all'aiuto degli amici d'oltreoceano, ho imparato abbastanza bene l'Inglese ed é sempre una grandissima felicita' per me vedere (o solo immaginare), quelle lacrime e quei volti sorridenti di tanti genitori che possono comunicare di nuovo coi loro figlioli!

Dall'Ottobre scorso ho anche aperto un sito Internet, dove raccontare le esperienze mie e di mia moglie (stiamo avendo tantissimi "segnali" da nostro Figlio) e raccogliere quelle degli amici Americani ed Italiani che scrivono sul nostro Message Board e sugli altri che abitualmente visito quasi ogni giorno. A ciò si aggiungono le visite a "nuovi" e vecchi "Amputati", in giro per l'Italia, insieme all'infaticabile amico Enzo, che si incarica di tenere i contatti con coloro sprovvisti di computer.

Alla luce di queste positive esperienze di "bereavement", per dirla all'Americana, ovvero di "conforto", ottenute dall'uso di Internet, mi pare opporuno sottolineare come i mass-media non prendano mai in considerazione i lati positivi del Web, preferendo parlarne solo in negativo, come fanno per la pedofilia ed i siti a luci rosse, dimenticando che siamo noi esseri umani a decidere se usare per il bene o per il male ogni strumento che la tecnologia ci mette a disposizione, dalla clava ad Internet, per l'appunto!

Potrete giudicare ed apprezzare il mio modestissimo lavoro visitando il mio sito che aggiorno nei momenti di pausa concessimi dalla professione e dagli impegni familiari con nuovi racconti di NDE, di ADCs e commenti miei personali; magari non é tecnicamente perfetto (e di questo vi chiedo scusa fin d'ora), dato che ho imparato da solo a costruire le pagine elettroniche di cui e' formato, ma vi assicuro che ci metto tutto il mio impegno e la mia dedizione, con la speranza di dare un po' di conforto a tutti quei Genitori che, come già successo a noi, si pongono per la prima volta l'atroce domanda:

"DOV'E'ANDATO MIO FIGLIO"?

Grazie.

6° CONVEGNO INTERNAZIONALE DI PARAPSICOLOGIA

ORGANIZZATO DAL DR. NICOLA CUTOLO

BELLARIA 30 MARZO 2 APRILE 2000

Cari Amici.

Di ritorno da Bellaria, mi pongo subito alla tastiera del mio PC per fornirvi le informazioni che vi avevo promesso.
Innanzitutto la Citta': tranquilla e sonnolenta, in attesa delle frotte di turisti che molto presto la invaderanno, abbiamo avuto solo qualche problema di circolazione stradale, a causa dei molti lavori in corso che chiudevano molte strade, rendendo difficili i brevi spostamenti dall'albergo al Centro Congressi. I cittadini sono molto gentili, si vede che sono abituati a ricevere ospiti e ci hanno aiutato volentieri a ritrovare "la diritta via, ch'era smarrita".
Ottima la cucina ricca di pesce freschissimo e ben preparato, naturalmente tortellini e piadina sono all'altezza della migliore tradizione locale, ma le grigliate di verdura non sono certamente meno appetibili.

Il Palazzo dei Congressi di Bellaria é una struttura modernissima ed efficiente, con un grande teatro e numerosi saloni divisibili in tante stanze piu' piccole, grazie all'uso di pareti mobili in plastica,
All'ingresso il simpaticissimo Renato Gagliano , della Libreria "ROMA" sita in Piazza A. Moro a Bari, era come al solito a disposizione del vasto pubblico (oltre 1.000 partecipanti) con tutte le ultime novita' editoriali in tema di Paranormale. Tanto disponibile da dover ricorrere alle cure di un paio di Pranoterapeuti presenti in sala: la stanchezza a volte provoca dolori muscolari che spariscono rapidamente sotto le abili mani del Dr. Cutolo e dei suoi Colleghi che si sono prestati volentieri anche per altri "infortunati"!

Veniamo ora ad un breve resoconto su quanto ho visto e seguito durante i tre giorni del Convegno.

Innanzitutto I mediums che hanno creato non pochi problemi di prenotazione, data l'enorme richiesta di sedute, soprattutto Mamme e Papa' "Amputati". Io sono riuscito a contattare mio Padre, scomparso di recente, al quale Nicola ha perentoriamente ceduto la parola, grazie alla mediazione della bravissima Signora Paola Bettali. Egli ha inviato un messaggio molto confortante, (tramite la scrittura automatica) facendosi riconoscere grazie ad alcune affermazioni: mi ha parlato infatti della penna d'argento che Mamma gli ha posto nel taschino della giacca e soprattutto, verso la fine del messaggio, la grafia della medium é divenuta molto simile alla Sua!
Avrei voluto avere un'altra seduta con una delle Mediums straniere (la Statunitense Laura Maitra), ma non sono arrivato in tempo per prenotarmi: la fila usciva fuori dalla porta fin dalle 8 del mattino !

L'intervento piu' atteso era, ovviamente, quello del Dr. Moody, Sabato 1° Aprile. Egli ci ha riassunto i punti fondamentali di un'esperienza di pre-morte e poi ci ha annunciato che sono state classificate due nuove forme di NDE: le EMPATICHE e le NDE-CANTO-DEL-CIGNO.

Il primo tipo é una condivisione dell'esperienza di morte (il tunnel, la luce,ecc.) del moribondo con le persone che lo assistono durante l'agonia. Queste persone (parenti, amici o personale Medico), "vede" il tunnel ed i Parenti gia' deceduti, in pratica accompagnano il loro Caro fino alle soglie dell'Aldila', come in una esperienza di pre-morte, per poi "rientrare" nel loro corpo!

Il Canto del Cigno é invece un'esperienza che coinvolge coloro che sono prossimi a morire per gravi malattie terminali. Ad un certo punto, inesplicabilmente, cominciano a comporre musica e/o poesie bellissime, un po' come si dice che facciano i cigni quando stanno per morire. Tali persone erano totalmente "digiune" di musica e poesia prima della malattia. Essi esprimerebbero in un linguaggio poetico cio' che hanno visto durante i loro viaggi "preparatori" nell'Aldila', visioni ineffabili che non possono essere descritte con le comuni parole terrene.

Il Dr. Moody si é lungamente intrattenuto con il Giornalista Parodi al quale ha concesso un'intervista per il mensile "Liberal" ed alla quale mi é stato concesso di assistere. Non solo.... non avendo a portata di mano una macchina fotografica, il Dottor Parodi mi ha chiesto di scattare qualche foto, dato che io ne ero fornito. Inutile dire che non me lo sono fatto ripetere due volte e ne ho approfittato per farmene scattare un paio anch'io in compagnia del simpaticissimo Collega (Moody é Medico Psichiatra ed ha conseguito una terza Laurea in Filosofia). Quando l'ho ringraziato per avermi aiutato con il suo lavoro ad affrontare la perdita di Nicola, egli mi ha confessato, con le lacrime agli occhi DI ESSERE UN AMPUTATO ANCHE LUI e mi ha mostrato la foto del suo bimbo, dell'apparente eta' di un paio d'anni, che anch'egli conserva nel portafogli, come tanti di noi!

Il Dr. Nicola Cutolo ha dato ottima prova del suo talento di Pranoterapeuta, accorrendo in soccorso ai numerosi visitatori affetti da mal di schiena e torcicollo causti dal venticello freddo, molto poco primaverile, che ha caratterizzato il nostro soggiorno a Bellaria. Anch'io ho voluto sperimentare su me stesso gli effetti del "Prana" (l'energia guaritrice):pochi minuti di "applicazioni" ed il fastidioso dolore alla spalla, dovuto alle lunghe ore di guida, é sparito! Nicola Cutolo ci ha anche mostrato i risultati delle sue sperimentazioni sui batteri che cessano di crescere nelle capsule irradiate dal suo flusso di energia. Un Oncologo (non ricordo bene di quale Ospedale) gli ha chiesto pubblicamente di effettuare simili esperimenti su colture di cellule cancerose, ed egli ha accettato di buon grado.

Silenzio imbarazzante da parte del CICAP (il Comitato per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale) dopo che, con mille cavilli legali e burocratici, ha in effetti rinunciato a condurre studi sul famoso Pranoterapeuta Barese. Vi ricordo che il Dr. Cutolo aveva lanciato loro il guanto della sfida durante il Congresso del 99: egli é ormai sempre piu' deciso ad andare fino in fondo sull'annosa questione relativa al riconoscimento ufficiale della Pranoterapia.

Per la sezione Ufologica del Congresso, il Dr. Z. Sitchin (click per saperne di più) ha tenuto un'affollata conferenza sulle sue recenti scoperte in tema di contatti con le civilta' aliene in epoche remotissime. I Sumeri,dice lui, conoscevano un decimo pianeta, Nibiru, un pianeta con orbita eccentrica e che entrerebbe nel nostro sistema solare ogni 3600 anni; da esso sarebbero discesi gli Dei della Bibbia che trasformarono le protoscimmie in Uomini.....ma questa é un'altra storia!

5° CONGRESSO DI PARAPSICOLOGIA - RICCIONE 99

RELAZIONE DEL DR. PISANI

DAL DUALISMO SCIENZA-FEDE ALLA SINTESI DEL TERZO MILLENNIO.

Gentili Signore e Signori,cari Amici ', grazie di essere intervenuti anche quest'anno all'ormai tradizionale appuntamento di Primavera con la Parapsicologia, come sempre organizzato dal Prof. Cutolo e dai suoi Collaboratori. Dopo la performance Sanremese del Nobel Dulbecco, non credo vi meraviglierete molto se un Medico Infettivologo vi parlera' di esperienze paranormali,anzichè di microbi ed antibiotici! Il motivo fondamentale che mi ha spinto a venire qui per la seconda volta é stata la perdita di mio figlio Nicola, stroncato a sei anni da un cosìdetto *male incurabile*, esperianza che credo di condividere con molti di voi presenti qui in sala. Inutile sottolineare che la morte, (ma d'ora in poi non voglio piu' usare questa brutta parola) ovvero il PASSAGGIO del mio bambino, mi ha segnato profondamente e doppiamente: come padre e come medico. L'anno scorso partecipai al Convegno in veste di *quasi scettico*, quest'anno invece ho avuto il piacere e l'onore di esserne uno dei relatori, perché lo studio del Paranormale e gli straordinari messaggi che ho ricevuto da mio figlio, mi hanno permesso di passare dall'altra parte della barricata. Cerchero' quindi di ripercorrere le tappe del cammino spirituale che mi hanno portato ad indagare su un mondo che mi affascinava sin dall'adolescenza, ma che non conoscevo molto bene,accettandolo pienamente a prescindere dalla mia formazione positivistica. Ritenendo di avere una notevole apertura mentale ero e sono ben conscio dei limiti da essa imposti. Dopo i primi mesi di dolore e di amare riflessioni sulla tragica sconfitta della Medicina nella lotta contro il cancro,ho cominciato a pormi degli interrogativi,da uomo di scienza e da Credente. Scientificamente parlando, mi sembrava impossibile che tutto cio' che resta di un essere umano dopo la cessazione delle attività vitali, siano pochi chili di sostanza inorganica, da tempo sappiamo che nulla si distrugge ma SI TRASFORMA, Come diceva l'indimenticabile Fabrizio DeAndre' in una sua famosa canzone, "Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior" Ne dedussi che anche la nostra esperienza umana potrebbe non ANNIENTARSI in un attimo, quando esaliamo l'ultimo respiro, in fondo anche il pensiero potrebbe essre una forma di energia,che potrebbe conservarsi, trasformandosi in qualcos'altro. Potrebbe ALLORA esistere un campo magnetico o qualcosa di simile, intorno a noi che *registri* tutta la nostra vita? Forse é quel qualcosa che chiamiamo'Anima? Aura? E se esistesse, dove sarebbe collocabile, intorno a noi o fuori di noi? Avevo gia' letto Moody ed avevo conosciuto a Roma, durante il periodo di cure di mio figlio, il Prof Sodano, sapevo gia' cos'era una NDE, non mi restava che approfondire l'argomento, ma dove? La mia grande passione per l'informatica mi indicò la strada giusta: INTERNET! Sfruttando le enormi potenzialita' offerte dalla rete cominciai ad accumulare un numero enorme di informazioni sull'Aldila' ed entrai in contatto con altre persone interessate allo stesso argomento . Fra le tante che mi hanno aiutato in questa ricerca che mi ha portato a contattare mio figlio,due di loro sono presenti a questo Congresso,Bill G, autore del libro VOCI DAL CIELO insieme alla ex moglie Judy e Sunni Welles, la notissima Medium Americana. Il mio grazie vada a loro ed a tutti gi altri amici della Rete che hanno lenito il mio dolore e mi hanno fatto riavvicinare a Dio, quel Dio che oggi non vedo piu' come il sadico assassino di mio figlio e di tutti gli altri bambini che ogni giorno lo raggiungono, ma come il Creatore di un sistema troppo grande perché la nostra piccola mente possa capirlo fino in fondo....

VEDIAMO ALLORA COSA HO SCOPERTO SULL'ALDILA' e da quali fonti.

A causa della mia formazione di tipo positivistico ero, per forza di cose, piu' che scettico, GUARDINGO sul paranormale; fui comunque attratto dai racconti di NDE (esperienze di pre-morte) non fosse altro che per le implicazioni mediche insite in tali episodi. Mi sembrava un buon punto di inizio, né mi fermai di fronte alle difficoltà linguistiche in quanto non esiste nulla o quasi nulla in Italiano:la stragrande maggioranza dei siti sono Americani o Inglesi. Mi parve anche una buona opportunità per studiare meglio questa lingua E PER TENERMI IMPEGNATO. Penso che tutti sappiate che il cervello di qualsiasi essere vivente non e' piu' in grado di funzionare dopo tre minuti di arresto cardiaco o poco piu'. Il primo fatto sconcertante su cui appuntai la mia attenzione di Medico, fu proprio questo: come era possibile che persone dichiarate clinicamente morte,si fossero poi risvegliate in obitorio,o sul tavolo autoptico? Addirittura dopo ore o giorni di morte VERA, cioé accertata da esperti rianimatori, anestesisti ecc. anche con l'uso di apparecchiature elettroniche? Scoprii che vi sono centinaia di referti di questo tipo, in ogni ospedale, in ogni Paese del mondo, persino in ex Unione Sovietica...Proprio dagli archivi del KGB é venuto fuori il caso piu' eclatante, apparso anche su una rivista Italiana, quello di Grigorievich Rodonaia resuscitato durante l'autopsia del suo ...CADAVERE.... dopo essere stato assassinato dai servizi segreti, investito per ben tre volte da una della loro auto. Molti fisiologi e neurologi hanno tentato una spiegazione razionale del fenomeno, ma si badi bene, alcune di queste spiegazioni sono plausibili solo per quei casi in cui l'arresto cardiaco non é molto prolungato: nessuno puo' spiegarci scientificamente come Rodonaia possa essere resuscitato! Le ipotesi avanzate dalla Blackmore e da altri neurofisiologi che si sono occupati di esperienze di pre-morte citano le endorfine, ovvero potenti sostanze simili agli oppioidi che il nostro cervello produce in caso di fortissimi dolori ed il cui meccanismo di blocco dei recettori sinaptici é sovrapponibile a quello della morfina. Stati allucinatori possono essere indotti dall' ipossia, mentre secondo altri studiosi, il tunnel e la luce non sarebbero altro che il ricordo del passaggio del feto attraverso il canale del parto. Comunque tutte queste ipotesi non spiegano come questi soggetti siano in grado di *vedere* se' stessi dal di fuori,o di riconoscere il personale della sala di rianimazione dove erano entrati in coma, o addirittura già DECEDUTI e come facciano a ritrovare senza esitazioni la via di uscita da un Ospedale in cui non erano mai entrati in precedenza. E' poi totalmente inesplicabile il modo in cui lesioni gravissime, come quelle riportate da Rodonaia, possano essere completamente guarite durante il periodo di *assenza dei segni vitali*. Le NDE provocate dalla Ketamina, da altri anestetici o allucinogeni,quindi, prescindono dalla fase di osservazione del proprio corpo e dell'ambiente circostante,limitandosi all'esperienza del tunnel e della luce. Che dire poi delle NDEs riferite da bambini i quali sanno descrivere correttamente tutte le complesse manovre rianimatorie e le apparecchiature usate dagli operatori sui loro corpi? O di quelle accadute a persone non vedenti dalla nascita? Costoro sono stati capaci di descrivere l'ambiente, le persone che li hanno soccorsi, i colori dei loro abiti e cosi' via, come se non fossero mai state cieche! Una esperienza di questo tipo mi é stata raccontata dal Prof. Sodano, Primario Chirurgo presso l'Ospedale San Pietro di Roma, di un'altra potete richiedermi le fotocopie. E' una storia bellissima anche se non ho avuto il tempo di tradurla in Italiano.

Il Dr Melvin Morse, famoso Pediatra Americano, dopo aver esaminato centinaia di casi di NDE in bambini da lui rianimati,é giunto alla conclusione che tali racconti sono inconfutabili e veritieri, soprattutto perche' riportati da bimbi anche molto piccoli, che non dovrebbero porsi il problema della morte e dell'Aldilà e che non avrebbero nessun interesse a mentire. La vastità del fenomeno (migliaia di casi solo negli States) dovrebbe spingerci ad indagare ulteriormente anche qui in Italia dove questo tipo di ricerca non ha ancora ricevuto l' attenzione di cui sarebbe degna. Servirebbe una raccolta di queste esperienze da parte dei Medici che lavorano nelle unità di terapia intensiva, rianimazione e Pronto soccorso, allo stesso modo in cui si fa già da tempo aldilà dell'Oceano. Spero che qui in sala ci sia qualche Collega o qualche Paramedico che, lavorando in una rianimazione, possano accogliere la mia richiesta. Chiunque sia interessato a collaborare é pregato di contattarmi al termine della mia relazione, potro' fornire anche gli indirizzi dei siti Internet e fotocopie degli articoli piu' interessanti. Fra parentesi, l'estate scorsa ho conosciuto anche un Collega che ha avuto due esperienze di NDE a seguito di un infarto,so perfettamente che per noi Medici é molto difficile *varcare la barricata*...ma ANCHE lui lo ha fatto ed é qui con me, pertanto gliene sono particolarmente grato.

Escludendo ogni ipotesi di frode e assumendo per vere le esperienze riportate da queste persone, cerchiamo di riassumere cosa succede al momento del Passaggio e subito dopo. Stabilito che la coscienza non dovrebbe continuare ad esistere dopo un arresto cardiaco protratto quando cioé, secondo quel che ci dice la biologia, il cervello dovrebbe andare in necrosi, tutti, con grande meraviglia si rendono conto che invece continuano ad esistere ed a pensare.

Dopo una breve permanenza su questo livello,quando cioé é ancora possibile vedere l'ambiente in cui si é *morti*, lo spirito del paziente imbocca quasi sempre un tunnel buio, in fondo al quale si vede una debole luce. Ci si sente *levitare*, viaggiando alla velocità della Luce, (la pagina a cui si riferisce questo link contiene molti racconti -ndr-) attratti come farfalle da un puntino luminoso in fondo al buio che diventa sempre piu' grande. A seconda della *densità* del proprio Spirito, questa velocità puo' essere piu' o meno elevata; persone che hanno vissuto nell'Amore e per l'Amore verso il Prossimo non si accorgerebbero nemmeno di questo passaggio nel tunnel, tanto rapida sarebbe la loro ascesa. Alcuni hanno riferito la presenza di esseri cattivi dai quali sarebbero stati addirittura aggrediti.In questo caso piu' che un tunnel viene descritta una nebbia grigiastra, dove i contorni di questo mondo e dell'altro appaiono sfumati ed indistinti.

(H. Storm's NDE (Testo Originale) Per leggerne la traduzione clickare QUI)

E' questo livello a cui ci riferiamo quando parliamo di Inferno? Probabilmente si, dato che questo tipo di esperienza viene riportata da persone che, per propria ammissione, non hanno mai amato il Prossimo ed erano molto legate ai beni materiali. Coloro che invece imboccano il tunnel, che sarebbe una specie di *vortice infradimensionale* restano isolati dalle regioni infernali ed incontrano spesso qualcuno: un parente, un amico, addirittura un animale a cui erano molto legati su questa Terra. Questi Spiriti Guida li sollecitano a dirigersi in alto, senza esitare. Giunti alla fine del tunnel i soggetti si trovano immersi in una luce dorata o bianchissima, intensa al punto tale da non essere paragonabile a nessuna sorgente terrena ma, non accecante, Essa viene sempre descritta come una emanazione di Amore Infinito,enorme,incondizionato, un Amore che pervade l'essere ed il luogo in cui si trova. Già, il luogo, perché queste persone si ritrovano in ambienti TERRESTRI che si adattano al posto in cui hanno sempre vissuto o che appare essere come hanno immaginato che L'aldila' fosse..... Per fare qualche esempio, un aborigeno Australiano si ritrovera' nel suo habitat naturale ed un Occidentale in una casa o in un giardino con piante e fiori a lui noti, o addirittura in una non meglio identificata' citta' con tanto di palazzi, auto, negozi ecc. mentre un Cattolico vedra' i Santi (in genere S.Pietro) o lo stesso Gesu'. Vengono da tutti riportate differenze nei colori, descritti come piu' vivi, piu' luminosi,con infinite sfumature. Queste sono le parole del Prof. H Storm, pittore, critico d'arte, Professore di Arte alla a Kentucky University, tratte dal racconto della sua NDE pubblicato su Internet:

*Ci sono tre colori primari, tre secondari e sei colori terziari nello spettro visibile della luce. Qui, vedevo un spettro visibile della luce con almeno 80 nuovi colori primari*

Avete sentito bene: OTTANTA, contro Tre!!!

Tutti descrivono questa Luce meravigliosamente calda ed accogliente che, a detta di alcuni, *e' come l'aria che si respira* qui sulla Terra anche se lì non si respira, o meglio, non lo si fa se non lo si ritiene necessario. Altre funzioni fisiologiche come mangiare, bere o dormire sarebbero possibili, sempre a patto che se ne avverta il bisogno. Non linciatemi, ma qualcuno ha detto che si possono avere persino rapporti sessuali, anche se non sarebbero finalizzati alla procreazione, ma alla totale fusione dei due esseri. Tutti i sensi diventano piu' acuti,(un soggetto ricorda di aver visto i fili d'erba ed i fiori sulle pendici di una montagna, distante diversi kilometri) e e si scopre di possedere altre capacita' straordinarie. E' possibile viaggiare con la sola forza del pensiero, entrare in contatto con chiunque si desideri, oppure ci si puo' costruire qualsiasi oggetto materiale come una casa di 12 stanze con intorno un bellissimo paesaggio alpino, un prato, un lago un bosco , ecc, Piante, animali e persino oggetti inanimati come i mobili,vengono percepiti come esseri viventi e carichi di Amore. Altro riscontro comune é l'assenza del tempo: passato presente e futuro sembrano fondersi in un *continuum* per cui esperienze lunghissime sono state vissute nello spazio di poche decine di minuti *terrestri* e viceversa. Di nuvolette su cui suonare la cetra innalzando lodi al Signore... nemmeno l'ombra, sempre che, lo ripeto, non vi sia congeniale un simile Paradiso che, dopo un bel po' diventerebbe ...un Inferno, o un *Falso Paradiso*! Si passa poi ad una seconda fase durante la quale si possono incontrare amici e parenti già defunti che salutano calorosamente il nuovo arrivato ma, tutti insieme (o uno solo di essi) riferiscono che il tempo di rimanere lì non é ancora giunto: si deve tornare sulla terra. In altre esperienze piu' lunghe viene riferito un dialogo con un Essere superiore, Dio, Gesu', Buddah, San Pietro o persino il Capitano Kirk di Startrek, come riferito al Dott Morse da un bambino appassionato di questo serial televisivo. Questi Maestri Spirituali danno messaggi e rispondono alle domande piu'disparate ma il ricordo di questo dialogo non sempre viene conservato a livello cosciente dopo il rientro nel corpo fisico. Una bellissima citazione mi preme riferire. H. Storm chiese agli Helpers quale fosse la migliore religione, gli fu detto che *é quella che porta piu' vicino a Dio". Altri sono stati portati in viaggio per l'Universo, ACCOMPAGNATI DA ESSERI DI LUCE: ANGELI O PERSINO GESU'; tutti ricordano con nostalgia profonda l'enorme conoscenza cui la loro mente aveva accesso durante quell'esperienza. " Era come avere tutte le risposte a tutte le domande!" e' in genere il commento della maggior parte di costoro. Tutte le comunicazioni fra Spiriti avvengono telepaticamente, infrangendo qualsiasi barriera di linguaggio, qualsiasi difetto fisico scompare e persone che soffrivano di gravissime malattie, hanno riferito di sentirsi perfettamente sane ed in forza come a 20 anni. E' comune anche la mancanza d'interesse per il corpo fisico, descritto come un abito dismesso e per il dolore di chi é rimasto sulla Terra insomma, se i suoi cari lo stanno piangendo per morto,a lui non importa: vuole restare lì in quel mondo di Luce di Amore e Conoscenza! Sebbene apparentemente diverse, codeste esperienze hanno certamente un punto in comune: l'esistenza di un altro Mondo (o piano di esistenza) dove la coscienza sopravvive intatta, conservando i ricordi e le emozioni che rendono unico ogni essere umano.Lo studioso Bruce Moen ha suddiviso i livelli di esistenza in piu' di 35,questo dove ci troviamo ora e' solo il primo, qui l'Energia Divina é al livello piu' basso, perché vibra lentamente. Man mano che si cambia livello, tale vibrazione aumenta d'intensita' e la materia é piu' sottile, ma non per questo meno solida e concreta per chi ci si trova. In sostanza vi sarebbero tante situazioni diverse per quante diverse credenze religiose esistono, tanti *Paradisi*, *Inferni* ed addirittura *Falsi Paradisi* Per capire il perché delle diversità nelle esperienze riportate, vorrei farvi un piccolo esempio. Ammettiamo che qualcuno scopra un nuovo continente, vasto come l'America, ma che egli sbarchi in una zona desertica: é chiaro che al ritorno ci direbbe che, pur avendo scoperto qualcosa di nuovo, lì non c'é nulla di interessante. Tale situazione é paragonabile alle esperienze di LIMBO o ZONA GRIGIA, un livello intermedio fra il *qui* ed il *LI'* dove non si sperimenta granché, salvo il fatto di essere ancora vivi.... Ammettiamo ora che altra gente parta per esplorare questo nuovo Mondo. Alcuni potrebbero ritornare terrorizzati perché hanno incontrato bestie feroci e popolazioni ostili che li hanno aggrediti: questo sarebbe l'equivalente di una NDE di tipo *Infernale*, abbastanza rara, meno del 20% secondo alcuni studiosi del fenomeno.(K. Williams ed altri).

(Nota: tutto quanto vi ho detto é stato magistralmente riprodotto con fantastici effetti al computer nel film * ALDILA' DEI SOGNI* che vi consiglio di vedere solo se avete accettato, almeno in parte, quanto vi sto dicendo)

Infine altre persone potrebbero tornare entusiaste perché accolte da popoli ospitali e felici e questo tipo di NDE, detta *Paradisiaca*, sarebbe la forma piu'comune, per nostra fortuna! . L'Aldilà é pero' molto piu' vasto di un continente inesplorato ed ognuno di noi andrà nel posto piu' confacente alle sue attitudini ed alle idee che se ne é fatto in vita ed insieme alle persone care e ad altri che condividevano le sue stesse idee. Anche se pensate che non ci sia nulla, vi ritroverete ad esistere nel nulla,mentre se credete che Dio vi aspetti seduto sul trono, così sara'! Pare che il nostro pensiero sia molto rispettato, Dio non vuole forzarci a cambiare idea. Le credenze Religiose ci aiutano ad assumere un atteggiamento positivo verso quel Mondo, ma NON SONO INDISPENSABILI: si va nell'Aldilà anche se non si crede a niente, come é successo al Prof. Storm !

Nelle esperienze ancora piu' lunghe, causate da un tardivo soccorso medico e/o dalla gravita' dell'insulto subito al momento del distacco dello spirito dal corpo fisico, viene riferita anche una cosìdetta* Rivisitazione* della propria vita. In una specie di schermo tridimensionale il *candidato defunto* vede scorrere in un attimo tutti gli episodi salienti e non della sua esistenza terrena,ma non viene giudicato, anzi questi Esseri di Luce (Angeli, Santi, Gesù Cristo), lo sostengono inviandogli un enorme flusso di Amore durante la rivisitazione degli episodi piu' spiacevoli. E' lo stesso soggetto a giudicare il suo operato in senso critico e non viene emessa nessuna condanna o assoluzione: la sua vita é là, rivissuta fin nei minimi dettagli, impietosamente se vogliamo, ma é quella che é stata e non si puo' tornare indietro per cambiarla. Alcuni hanno rivisto episodi banali e dimenticati della loro esistenza con in piu' la possibilita' di leggere nella mente delle persone (o addirittura degli animali) coinvolti. Vi sembrera' assurdo ma qualcuno ha riferito di aver sperimentato gli effetti di un suo gesto *cattivo* (l'uccisione di una rondine) sui piccoli rimasti a morire di fame nel nido! Per un istante lui provo' le stesse sensazioni di dolore, di disperazione di quei poveri uccellini facendo sua la loro agonia.... i signori cacciatori, se ve ne sono in sala, sono avvertiti! Provate a ricordare tutta la vostra vita in 4 o 5 minuti, rivivendone tutti i piu' piccoli particolari: profumi, suoni, sensazioni tattili e visive ed addirittura il pensiero delle altre persone: qui sulla terra sarebbe impossibile! Il giudizio é comunque volto a stabilire come abbiamo interagito con gli altri e quanto Amore siamo stati capaci di donare. Immaginate dunque cosa potranno provare un assassino, un ladro un massacratore nel conoscere lo scompiglio ed il dolore che le loro malefiche azioni hanno arrecato alle vite di tutte le persone amate dalle loro vittime, pensate a Hitler oppure a Stalin.... Ricordatevi che non siamo isolati: facciamo parte delll''Universo ed ogni nostra azione produce una reazione, piccolissima o enorme, sul Tutto..... Dio non ci giudica,lo ripeto, non sta ad aspettarci sul trono per farlo, registra semplicemente ogni istante delle nostre vite, ogni nostro pensiero per poi farceli rivivere al momento della rivisitazione. A questo punto, in genere, l'esperienza cessa bruscamente, ci si sente come risucchiati nel proprio corpo e quasi sempre il risveglio é molto doloroso, mentre l'attimo della Morte, specialmente se violenta, viene quasi sempre ricordato senza particolari riferimenti al dolore fisico: lo spirito si staccherebbe prima che il corpo possa fargli giungere sensazioni dolorose, mentre coloro che muoiono di malattie croniche, alternerebbero momenti di distacco dal corpo fisico a momenti di rientro in esso, come per abituarsi all'imminente passaggio. Coloro che restano nell'Aldilà invece possono anche ricominciare daccapo. Se non siamo soddisfatti di cio' che abbiamo imparato qui, se vogliamo esplorare esistenze anche misere e sfortunate per essere d'esempio agli altri, ci é concesso di tornare, per imparare, non per essere puniti. Attenzione: in ogni caso si tratta SEMPRE DI UNA NOSTRA PERSONALE LIBERA SCELTA!! Nessuno ci forzera' a decidere. Si puo' tornare nel *vecchio corpo* (che viene guarito persino dal cancro) o ricominciare daccapo in uno totalmente nuovo. Questo processo puo' verificarsi anche dopo centinaia di anni di riflessioni e di esperienze, il tempo non é un problema per Dio. Ovviamente sto parlando di REINCARNAZIONE....

Mi pare doveroso fare un richiamo storico per ricordare che tale Fede appartiene anche alla nostra cultura e non solo a quelle Orientali. O meglio....sarebbe appartenuta alla nostra Fede se...... E' storicamente documentato che, fino al concilio Ecumenico di Nicea (325 D.C) nel Vangelo si parlava di Reincarnazione. Ne parlava Gesu', ne parlavano i discepoli ed Egli non ebbe mai parole di condanna esplicita verso questa credenza. Da quel Concilio in poi la Chiesa la rinnego', ritenendo *APOCRIFI* i Vangeli di Tommaso, Pietro e Paolo (o parti di essi) e distruggendo per quasi due secoli, tutti i documenti, i testi che richiamavano l'argomento, finché,nel 553 DC (sotto Giustiniano), dal pulpito del 5° Concilio furono lanciate ben 15 scomuniche contro il teologo reincarnazionista Origène di Alessandria (sebbene fosse stato uno dei Martiri della Chiesa) e contro tutti i suoi seguaci. Vi siete mai chiesti se la famosa *illuminazione di Paolo sulla via di Damasco* non possa essere stata una NDE? (Una piccola parentesi: non voglio mettere in ballo le mie vite precedenti E LA NEMESI STORICA, non so se sapete che uno dei piu' attivi sostenitori della tesi anti-Ariana (Ario fu scomunicato per aver dissertato sulla fisicita' di Gesu'e sulla reincarnazione) fu un Diacono, di nome Attanasio, credo vi fara' sorridere sapere che il mio 5° nome é proprio... ATTANASIO e stranamente oggi sto difendendo la reincarnazione da lui tanto lungamente avversata!)

Dalla tesi sostenuta da Origène e degli Gnostici (di chiara derivazione Platonica) non sarebbe mai potuto nascere il potere temporale della Chiesa di Roma, un cosa era dire che CERTAMENTE possiamo salvarci da soli, in quanto tutti siamo parte integrante di Dio, Spiriti superiori che si sono volutamente incarnati e che a Lui devono ritornare, ben altro fare un dogma del fatto che la nostra anima nasce col corpo e quindi PUO' tornare a Dio SOLO grazie alla mediazione della Chiesa e di Cristo ! A tali scelte non fu estraneo il potere politico dell'Imperatore Costantino, che ben capi' la differenza E LA PERICOLOSITA' di uno spirito libero in confronto ad uno, per così dire, *incatenato* dalla necessità di rivolgersi alla Chiesa per salvarsi da una dannazione eterna. Senza il terrore della Morte la Chiesa non avrebbe mai potuto esercitare una forte pressione politica volta al controllo delle masse, al'ottundimento delle coscienze: da allora comincio' ad esercitare con forza il suo potere temporale, cosìcché vennero le indulgenze, le Crociate, la Grande Inquisizione. Non mi pare un caso che IL MEDIOEVO ed il conseguente OSCURANTISMO nacquero proprio dopo il quinto Concilio Ecumenico che cancello' per sempre ogni idea di reincarnazione dal Cattolicesimo! Non ho alcuna intenzione di cambiare le credenze religiose di nessuno di voi, ne' tantomeno criticare la religione Cattolica che l'avrebbe cancellata dalla sua dottrina, ma mi pare che la Reincarnazione potrebbe spiegarci tante cose apparentemente ingiuste e contradditorie che avvengono ogni giorno.

Riflettiamo un attimo su alcuni punti: E' mai possibile che un Dio d'Amore cerchi solo la vendetta e ci aspetti con la spada sguainata per condannarci e punirci in eterno? In tal modo, non sarebbe Lui il primo a disobbedire al suo stesso comandamento, quello dell'Amore e del Perdono?

E'ammissibile che un Padre si privi della compagnia delle sue Creature solo perché hanno sbagliato, ben sapendo di averle create capaci di cadere in errore?

Qui abbiamo ribaltato di un bel po' quanto la Chiesa Cattolica ci ha sempre detto. Non saremmo corpi nei quali viene creato ANCHE uno spirito all'atto del concepimento, ma spiriti ETERNI incarnati per sperimentare la materia, scintille divine allontanatesi dalla luce di Dio, dal suo amore per sete di conoscenza, per orgoglio, per ribellione, ma pur sempre FIGLI DI DIO! Perché ci dovrebbe essere negato di seguire il cammino che riteniamo il migliore per TORNARE al Padre con assurdi limiti e divieti? Certo, siamo liberi anche di sbagliare ma.... sbagliando s'impara.... Se così non fosse, quante volte nella storia dell'umanita', Iddio avrebbe dovuto scagliarci contro le sue saette? L'UOMO é STATO DOTATO DI LIBERO ARBITRIO e nemmeno il nostro Creatore puo' interferire nelle scelte di ognuno di noi, ma cosa ci attende se sbagliamo ? Anche Hitler, Stalin ed il Diavolo sono figli del Padre e, prima o poi, a Lui dovranno ricongiungersi, immaginiamo quindi quale potrebbe essere l'Inferno di Hitler, tanto per fare un esempio. Al momento della rivisitazione della vita, egli dovrebbe averla rivissuta nei minimi dettagli, come abbiamo già detto, prendendo coscienza di tutto il male che ha fatto ad ogni essere umano, nonché delle sofferenze causate alle persone amate dalle sue vittime. Intendo dire che dovrebbe rivivere le esistenze di milioni di uomini donne, bambini in prima persona per ognuno di essi......Le fiamme dell'inferno sarebbero nulla al confronto e milioni di anni non basterebbero! Egli potrebbe comunque decidere di rimanere per molto tempo in una dimensione di sofferenza continua (Inferno) o, prendendo coscienza che dall'Inferno si puo' uscire, di sperimentare cosa significhi essere povero, indifeso, debole e così via. Potrebbe così reincarnarsi in una delle tante vittime delle tante guerre che purtroppo scoppiano ogni giorno, diventare vittima A SUA VOLTA, immolarsi per gli altri,sperimentare l'amore per il prossimo anziché l'odio e così via. Ala fine del ciclo, potrebbe diventare un Santo, perfettamente redento dalle innumerevoli sofferenze patìte. Non vi sembra molto piu' logico? Una legge del contrappasso, ma tesa al recupero anche degli spiriti piu' cattivi... Personalmente credo che la Reincarnazione ci possa spiegare anche perché ci sono tante ingiustizie su questa Terra, perché c'é chi muore di fame e chi per troppo cibo, chi campa cent'anni e chi muore prima di nascere. E' quella che io ho chiamato la legge del Contrasto, non apprezzeremmo la luce del sole se non esistesse la notte, non sapremmo cos'é la musica se non esistesse il silenzio... così ho imparato che c'é sempre qualcuno che sta peggio di noi con cui confrontarci... Ecco che così ci appaiono plausibili anche la sofferenza e la morte dei bambini, argomento su cui la Chiesa non sa dare risposte diverse dalla generica* volonta' di Dio*: la loro morte *fa scandalo* fa riflettere, fa soffrire, ci pone dei quesiti. Io credo di aver trovato alcune possibili risposte. Chi muore da bambino potrebbe essere uno Spirito molto *vecchio* (mi sia consentito il termine) che ritorna per poco tempo per far capire a noi ed agli altri, attraverso la sua sofferenza fisica, quale enorme tesoro siano i figli soprattutto a chi non ha mai pensato che potrebbe perderli da un momento all'altro. Un Handicappato avrebbe il compito di suscitare l'amore e la solidarieta' anziché lo scherno e l'isolamento, un vecchio padre paralitico, bisognoso di continua assistenza, metterebbe a dura prova l'Amore dei familiari che gli stanno accanto e così via. Gia' ma chi ci ha dato questi compiti? Dalle mie ricerche emerge che ognuno di noi si sceglierebbe un ruolo prima di incarnarsi: il buono o il cattivo, il sano o il malato e così via. Questo mondo, come diceva Shaekespeare, sarebbe un palcoscenico, dove ognuno di noi recita la sua parte, in pieno accordo con il resto della compagnia, ovvero della sua

FAMIGLIA O GRUPPO DI SPIRITI

coi quali potrebbe affrontare diversi cicli di reincarnazione, onde raggiungere precisi obiettivi comuni. Oggi gli NDErs ci vengono a dire che non dobbiamo aver piu' paura della Morte, l'Inferno secondo loro consiste proprio nella paura di andarci a finire, nella mancanza di amore verso gli altri, nel bigottismo, nelle pratiche religiose fine a se' stesse, nell'ipocrisia....! Se é vero che i papiri del Mar Morto sono stati scritti alla stessa epoca di Gesù, dovremo prepararci ad una totale rivisitazione dei Sacri Testi nel nuovo Millennio.. La Chiesa ha riabilitato Galileo ed ha chiesto scusa dei massacri commessi dalla Sacra Inquisizione, chissa' che un domani non venga riabilitato anche Origéne....

************************************

LIVELLI DI COSCIENZA (Vedi anche FOCUS)

*************************************

Andiamo ora ad affrontare l'Aldilà da un punto di vista scientifico. Dato che esiste, dov'e', di cosa é fatto, quali leggi fisiche potrebbero giustificarne l'esistenza? In base alle dichiarazioni degli NDErs, mi sono posto una prima domanda: e' questo mondo fisico in cui viviamo fatto ad immagine e somiglianza dell'Altro o viceversa? Ritengo piu' probabile la prima ipotesi, se siamo degli esiliati,e ci saremmo esiliati da soli, Dio ci ha fatto vivere in un posto simile a quello da cui venivamo. Simile significa piu' o meno come l'ambiente che trova un leone in uno zoo, al piu' in uno zoo safari: non sono di certo identici alla savana da cui e' venuto! Allora mi sono chiesto QUANTO questo mondo sia reale.... Non potrebbe essere una illusione legata ai nostri sensi? Qui ci viene incontro la moderna fisica delle particelle. Siete sicuri che la poltrona su cui sedete sia solida o non sia piuttosto *probabilmente solida?* Secondo la concezione Newtoniana e dei fisici pre-Einsteniani, si,.ma da Einstein in poi la musica e' cambiata. Non sono un fisico atomico per cui non saprei scendere nei dettagli, mi basta sapere che, secondo quanto dice la meccanica quantistica quella poltrona ed il nostro stesso corpo, sono fatti di onde. Ci appaiono solidi solo perche' i nostri occhi non possono vederle, e' un po' come dire che se quella poltrona fosse fatta di acqua non potremmo starci seduti sopra, ma se fosse scolpita nel ghiaccio, si. Se poi si ri-trasformasse istantaneamente in acqua, cadremmo a terra, anche se dal punto di vista fisico le molecole avrebbero solo cambiato la loro velocita' di vibrazione ma non la loro intima natura! Bene, noi vediamo e tocchiamo un mondo fatto di quanti,ovvero di onde, per cosi' dire congelate, solidificatesi perche' é diminuita la loro velocità, il numero di vibrazioni, né piu' né meno quello che succede all'acqua quando si trasforma in ghiaccio, dunque sono sempre QUANTI DI ENERGIA che si manifestano come particelle. Qualcuno e' andato oltre: E SE TUTTO L'UNIVERSO non fosse solido ma una proiezione olografica? Come spiegare che i fisici ammettono l'esistenza di una trentina di dimensioni mentre noi ne percepiamo solo tre + il tempo? Ecco allora che Dio avrebbe creato e manterrebbe in vita questo universo fisico, con la sola forza del suo pensiero, Fiat Lux... di luce e d'Amore sarebbe fatto tutto il Creato, esso sarebbe una materializzazione della sua Luce, con buona pace di chi voleva separare nettamente il mondo fisico da quello spirituale che a questo punto non sarebbero piu' in antitesi, ma uno la conseguenza dell'altro. In pratica l'Universo sarebbe una emanazione della Luce Divina che, rallentando le sue vibrazioni, diverrebbe materia. Fantascienza? No, chi di voi non ha per casa un orologio o una calcolatrice a celle solari? La luce del sole o delle lampadine ovvero i fotoni, vengono trasformati in elettroni, ossia in energia elettrica che si sostituisce alle batterie, quindi perché non pensare che tutto il Creato non sia una trasformazione in materia piu' densa di quella sottilissima Luce Divina, ben diversa dai miseri bagliori emessi dalle stelle e dal nostro Sole? Noi vedremmo solo una piccola frazione della vera Luce, quella di Dio. In questo universo, reale o no che sia, noi siamo soggetti a delle leggi fisiche come quella di gravita' e di causa effetto, cioé non potremmo tornare indietro nel tempo. Dico *potremmo* perche' secondo alcuni fisici cio' sarebbe possibile. Uscendo aldifuori da questo sistema, nulla ci vieta di pensare che ne esistano altre. Ecco che la fisica comincia ad indagare un mondo probabilistico, dove le leggi che conosciamo non valgono piu', dove sarebbe persino possibile viaggiare nel tempo o a velocità superiori a quella della luce, come tanti NDErs riferiscono. Chi sono i pazzi, noi o i seguaci di Carlo Rubbia? Non vedo perché non sia possibile spiegare le NDE e gli ADC utilizzando queste nuove vedute della Fisica quantistica che del resto, non sa spiegarci nemmeno cosa sia veramente un quanto o la gravita'.... Sono percio' giunto alla conclusione che, sebbene le conoscenze che attualmente abbiamo della materia siano ancora scarse, esse ci fanno intravvedere la possibilita'che anche i fenomeni di NDe e di ADC possano essere studiati alla stessa stregua dei piu'noti fenomeni fisici come gravita',forza debole, magnetismo, ecc, Probabilmente non potremo mai avere una prova concreta poiché essi avvengono in dimensioni non accessibili da questa ma che, stando ai Fisici Atomici, esisterebbero, dato che le energie necessarie per andare oltre i Quark non sono e non potranno mai essere disponibili in questo mondo fisico. Avremmo raggiunto un limite invalicabile, quella soglia che ci divide dagli altri piani di esistenza teorizzati dalle Religioni ed esplorati in minima parte da coloro che sono ( o sarebbero) tornati indietro dall'Aldilà. E' chiaro che gli scettici non crederanno nemmeno a questo! Ma allora, mi portino le prove che l'Aldila' non esiste......

CONTATTI.....

Vengo ora a raccontarvi alcuni dei numerosissimi Contatti avuti con mio figlio Nicola e che continuano a verificarsi ancora a quasi 5 anni dal suo passaggio dimensionale. Come ho inizialmente premesso ,fino a pochi anni fà ero poco convinto dell'esistenza dell'Aldila'lo vedevo come una tediosissima vita da passare a suonare l'arpa tessendo lodi e salmi al Signore. Con tutto il rispetto, non mi pareva ne valesse la pena....meglio non pensarci. Poi la malattia di Nicola, l'incontro con genitori piu' provati di me che invece mi hanno consolato, aiutato e dato forza... forse era questa la giusta maniera di ricevere una grazia? Dovevo farmi piu' umile e non ritenermi piu' l'unico disgraziato ad avere un figlio di 3 anni affetto da cancro, dovevo dare una *schiaffo morale* a quel Dio che si voleva riprendere il mio unico figlio maschio! Invece di odiarlo cominciai ad amarlo, invece di bestemmiarlo accettai tutte le prove piu' dure, fino all'ultimo battito di quel cuoricino, fino a quando mi sentii liberato dalle sue sofferenze che ormai erano diventate anche le mie. Non piansi quel giorno, ma caddi in un profondo sonno durante la veglia funebre, stremato da notti e notti di assistenza come medico e come padre. Poi al risveglio tutto il mondo parve cadermi addosso.....domande, domande senza risposta si affollavano durante la cerimonia funebre e nei giorni successivi. Io ero rimasto qui e lui dov'era andato? Non poteva essersi annullato quel dolce bimbo capace di amare persino le formiche,(non calpestatele! I piccoli aspettano i loro genitori che gli portano la pappa!) di piangere perche' avevo ucciso un uccellino venuto ad urtare contro il vetro della macchina in corsa verso nuovi supplizi, durante i quasi tre anni di viaggi dalla Basilicata a Roma.... DOV'ERA ANDATO MIO FIGLIO!!!! Questa domanda mi rimbombava nella mente, non trovando alcuna risposta. I primi strani segnali si erano presentati gia' durante la sua malattia, i primi segni di un mondo soprannaturale che sembrava aver ascoltato le nostre preghiere giunsero a confortarci in quei giorni di dolore.....PROFUMI.... Prima mia suocera, poi mia moglie, poi anch'io....e ci accorgemmo che ogni volta che qualcuno di noi li percepiva, tutto pareva andare bene: Tac negative, globuli rossi in aumento, ecc! Noi tornavamo a casa ed altri bimbi restavano in ospedale per le gravi complicazioni causate dalla chemio..... ci sentivamo protetti e quasi provavamo un senso di colpa per esserlo, ma da chi? I paesani e mia suocera non avevano dubbi: il Venerabile Domenico Lentini, papabile Beato allora, beatificato realmente dal Papa il 12 ottobre97... Io non osavo replicare.... la speranza era grande, tutto pareva andar bene, il bambino, dicevano i Colleghi trionfanti, guarirà, i parrocchiani pure! Poi tutto precipitò di nuovo: dopo un anno di apparente benessere il male riapparve e ci portò via Nicola in poco tempo, a sei anni e due mesi di eta'....doveva andare a scuola.... Mesi e mesi di dolore, ma dovevo lavorare, *vendicarmi* facendo del bene, amando il Prossimo... ed a nemmeno un anno di distanza dal Passaggio di Nicola, un altro bimbo si spense fra le braccia mie e dei suoi genitori, sette giorni prima di Natale94: era un mio piccolo paziente affetto da neoplasia cerebrale, tre anni e si chiamava anch'egli Nicola... Ce ne sarebbe stato abbastanza da bestemmiare per una vita intera, ma non cedetti...qualcosa stava nascendo in me, forse la Fede? I fenomeni ripresero, mia moglie sentì il bambino sul letto, il suo peso ed il suo profumo, lo sentì suonare la pianola elettrica (spenta) in piena notte a rassicurarla che sua sorella non aveva un male incurabile, come infatti fu. Grazie al mio nuovo interesse per Internet, nella primavera del 97 conobbi Judy G.lei e Bill mi parlarono di Natalie, una medium bravissima che poteva tentare una reading via Internet. Lei contattò subito Nicola che ci disse che non dovevamo piangere più, che stava bene, che era felice. Tutte cose non dimostrabili,ovviamente, per uno scettico-curioso..... ma... Ma ci disse pure che avevamo cambiato la carta da parati del soggiorno, citò il nome del suo giocattolo preferito,riferì a Natalie di essere stato colpito da un male incurabile.... Natalie non sapeva nulla della malattia di mio figlio, eppure (Judy Guggenheim ne e' testimone) ci disse che gli impediva di urinare, che la sua era una malattia terminale e che quello era il suo destino, grazie per aver fatto di tutto per aiutarmi. Io e mia moglie scoppiammo in lacrime, come pensare ad un trucco? Stranamente la data della seduta coincideva con uno dei pochi giorni felici che avevamo trascorso al mare tre anni prima, la scadenza del primo anno dalla fine delle terapie. Dovete sapere che, prima della seduta, avevo chiesto mentalmente a Nicola di darmi un segno e lui scelse un giorno che era stato memorabile, veramente speciale, per quel primo contatto. Vi sembra poco? Vi pare normale che un'autoradio si accenda da sola? Mi é successo due o tre volte. O che le luci lampeggino in varie stanze senza che ci siano guasti all'impianto elettrico per poi sapere da Natalie (non informata del fenomeno) che si tratta di un segnale di Nicola? O che un bigliettino si alzi orizzontalmente dal tavolo su cui e' poggiato per poi tornare giu'? O che si perda un mazzo di 5 chiavi, lo si cerchi disperatamente per una giornata intera per poi ritrovarlo sul pavimento, in un posto su cui gli occhi di tre persone si erano posati decine di volte durante l'affannosa ricerca?

Io non ho dubbi su quanto ho visto, voi forse si, allora ecco una prova tangibile: i messaggi sul sapone. Credo sia un ADC se non unico, almeno singolare.... Questi saponi da bagno recano messaggi scritti con i miei capelli o peli corporei.... SALV CRESCI.... La parola LOVE RICHIESTA A NICOLA DAL DR.MARIO SPINACI....

Ancora la foto coi globuli di luce, scattata poche ore dopo aver ricevuto un messaggio da Natalie che mi annunciava un segno da mio figlio e da suo Nonno ....

MA QUESTA E' UN'ALTRA STORIA!!!!

NOTA: POTRETE TROVARE MAGGIORI INFORMAZIONI SUI GLOBULI DI LUCE A QUESTO INDIRIZZO: http://www.orbsite.com/home.html

SE AVETE FOTO CON QUESTO TIPO DI "ANOMALIE" SIETE PREGATI DI COMUNICARMELO E SE POSSIBILE,SPEDIRMELE PER POSTA ELETTRONICA.

GRAZIE

UNA PORTA PER L'ALDILA'
(Relazione al Congresso di Bari organizzato dal Dr. Nicola Cutolo a Marzo 99)


ALDILA'.....
Vi siete mai chiesti il vero significato di questo sostantivo quando parliamo
dell'Altra realta'?
Forse perché la Morte é sempre stata e viene tutt'ora vista come un passaggio da un continente ad un altro, da una casa ad un'altra casa, il che ovviamente implica l'idea di uno spostamento, di un viaggio e quindi di un distacco, di un baratro che ci separa dai nostri cari.
Oggi, grazie alle migliaia di racconti di esperienze di pre-morte (O NDE come
dicono gi Anglosassoni) raccolte in tutto il mondo, dobbiamo un po' cambiare questo concetto.
Quando si muore non si trasloca in un altro mondo, in un altro continente, si
cambia semplicemente piano di esistenza. In pratica é come prendere l'ascensore e salire di alcuni piani piu' su'dato che abitiamo tutti nello stesso palazzo.
Beh, piu' che di palazzo dovrei parlare di grattacielo, dato che secondo Bruce Moen che sta esplorando l'Aldila' grazie alla sua capacita' di viaggiare fuori dal corpo, ci sarebbero piu' di 35 piani o livelli di esistenza!
Naturalmente noi in questo momento ci troviamo al pianoterra.....
La Morte é quindi un semplice cambio di livello, per usare un termine
scientifico potremmo chiamarlo *un salto ENERGETICO*, ne' piu' ne' meno di quel che succede ad un elettrone quando si stacca da un atomo.
Fin dall'antichita' l'uomo sapeva che é possibile dare un'occhiata ai piani
superiori quando si era in imminente pericolo di vita a causa di gravi malattie
o ferite riportate in battaglia. La mitologia Greca e Romana sono piene di
cosìdetti *Viaggi agli Inferi* come quello di Orfeo partito alla ricerca di
Euridìce o di Ercole e tanti altri, fino ad arrivare alla piu' moderna Divina
Commedia.
Meno noto é forse un racconto di Platone, quello del soldato Er,*risvegliatosi* sulla sua pira funeraria TRE GIORNI dopo essere stato apparentemente ucciso in battaglia, racconto che e' perfettamente sovrapponibile ad una esperienza di pre-morte dei giorni nostri.

Non appieno conosciuta é invece la famosa *Illuminazione di Paolo sulla via di Damasco, in quanto i testi scolastici saltano a pie' pari le visioni del *3Ý
Paradiso* ed il colloquio con l'Essere di Luce*, chiare esperienze di OBE o NDE.
Tanto parrebe in contrasto con quanto riportato dalla Bibbia, infatti il
classico versetto citato dai fondamentalisti (che ritengono opera di Satana ogni tentativo di comunicazione con l'Aldilà),dice,

"Nessuno uomo può vedere Dio"
Ad essi rispondo col versetto seguente scritto dall'Apostolo Paolo:
"conosco un uomo in Cristo che quattordici anni fa é
stato portato al terzo cielo. Se era nel corpo o fuori
del corpo non lo so- solo Dio lo sa. E so che questo
uomo- se nel corpo o separatamente dal corpo non
mi é dato sapere, ma Dio solo lo sa- è stato trascinato fino al
paradiso. Ha sentito cose inesprimibili, delle
cose non è permesso dire." (2 Corinthians 12: 2-4).

Questo verso descrive una NDE! Sono chiare l'esperienza fuori dal corpo, il "terzo cielo "l'aver udito cose inesprimibili, inoltre, molti studiosi credono che Paolo parlasse di sè stesso perché, in un altro versetto si dice che Paolo fu lapidato e dato per morto (Atti 14: 19).
In ogni caso potremmo ritenere valido il fatto che *nessuno puo' vedere Dio*,dato che tutti gli NDErs parlano di Gesu', di Buddah ecc e quando si riferiscono a Dio lo descrivono come Luce Infinita che non ha un contorno ben definito.

Non crediate che solo versando in pericolo di vita si possa dare un'occhiata agli altri livelli, I mistici di ogni tempo ci hanno descritto il Paradiso, i Santoni Indiani e quasi tutti coloro che praticano yoga o meditazione trascendentale sono in grado di staccarsi dal corpo. Credetemi, ognuno di noi ha
questa capacità, i sogni lucidi, quei sogni che sembrano troppo reali per essere solo sogni, sono solo una timida sbirciatina agli altri piani di esistenza. Non sto qui a dilungarmi sul come riuscire a staccarsi dal corpo o fare sogni lucidi, esistono molti libri a riguardo, oppure si puo' consultare il :

Monroe Institute
nuovo URL: http://www.monroeinstitute.org/

in America per iscriversi ad un Corso dove apprendere la tecnica Hemy-Sync©
Vorrei approfittare dell'occasione per invitare il Dr Cutolo a contattare questo originale studioso Americano onde invitarlo in Italia ad un prossimo convegno, credo che varrebbe proprio la pena conoscere a fondo la sua esperienza.
A questo punto é legittimo chiederci: se noi possiamo viaggiare fra i vari livelli staccandoci dal corpo, per quale motivo chi é già disincarnato non potrebbe *scendere* da noi? Ogni buon Medium vi dira' che la cosa piu' difficile non é tanto contattare i Defunti, ma QUEL PARTICOLARE Spirito del quale gli vengono chieste notizie. Intorno ad un Medium si affollano tantissime Entita' tutte desiderose di comunicare coi loro cari qui sulla Terra onde rassicurarli che sono vivi e stanno bene, sì che é veramente arduo *sintonizzarsi* su una determinata persona! In pratica il microfono é uno solo, ma gli speakers sono tantissimi e i Medium sono proprio quel microfono che permette agli abitanti dei piani superiori, di comunicare con noi.
Comunque non occorre essere medium per ricevere dei semplici messaggi dai nostri cari, noi tutti ne siamo capaci, alzi la mano chi di voi presenti in sala non abbia mai ricevuto un messaggio, un evento paranormale, dopo la perdita di una persona cara!
Tanto per continuare ad usare dei paragoni radiotecnici, noi riceveremmo questi messaggi *in onde medie* (quindi con molti rumori di fondo e solo in alcuni momenti particolari) mentre i Mediums sono in grado di sintonizzarsi in *modulazione di frequenza*,e quindi con maggiore chiarezza,ogni volta che lo vogliano. Soprattutto le appartenenti al gentil sesso sperimentano, almeno una
volta nella loro vita, un qualche tipo di fenomeno extrasensoriale. Quante mamme *sentono* i loro figli lontani quando sono in pericolo o semplicemente quando non stanno bene, quante di voi non hanno mai avuto un contatto telepatico, una sensazione dimostratasi poi vera, nei confronti di una persona amata? La neurofisiologia ci viene incontro,dicendoci che il cervello femminile
utilizza maggiormente l'emisfero destro, deputato alle attività artistiche, intuitive e meno al ragionamento di tipo logico, a conferma che le donne sono più naturalmente portate a sperimentare questo tipo di fenomenologia. Care amiche presenti in sala, fidatevi sempre del vostro intuito femminile: il contatto fra spiriti, su questo o su altri piani di esistenza, funziona anche
qui,anche se non molto potente ed efficace come invece viene riferito essere fra Entità disincarnate.

Credo che molti di voi si siano posti come me, del resto, un interrogativo morale in merito alla liceità di tali contatti post mortem. Anche se sembrerebbe che i Sacri testi li vietino espressamente, l'atteggiamento della chiesa Cattolica sta lentamente mutando, pur con le dovute cautele, in
questi ultimi decenni:a patto che si possano escludere le manifestazioni diaboliche, se tali messaggi sono conformi alla Dottrina Cattolica e inducono i riceventi a praticare il bene, essi sono da considerare un Dono di Dio.
Sappiamo bene che proprio un alto Prelato, Padre Agostino Gemelli, scoprì la possibilita' di usare il registratore per comunicare coi nostri cari Defunti, forse non tutti invece sanno che circa due anni fa' il Vaticano pubblico' questo comunicato sull' Osservatore Romano:

IL PORTAVOCE VATICANO, REV. GINO CONCETTI, DICHIARA CHE IL DIALOGO CON I DEFUNTI E' FATTIBILE

(LINK ALLA PAGINA per una migliore leggibilita')


Una notizia di portata storica come questa, é stata completamente ignorata dai mass media, dimostrando ancora una volta come una vera e propria congiura del silenzio sia in atto a tutti i livelli, indipendentemente dalle idee politiche delle varie testate giornalistiche televisive. Del resto le televisioni ci concedono l'onore di parlare di Spiritualita' non ufficiale al grosso pubblico, ma lo fanno in orari antelucani e col malcelato scopo di ridicolizzarci, chiamando in studio sempre gli stessi *eroici strenui difensori* della cosìdetta Scienza ufficiale, i vari Astrofisici e Astronomi che scrutano il cielo con satelliti e telescopi ma che non sanno vedere ad un palmo dal loro naso!
Costoro non fanno altro che ripetere la vecchia cantilena trita e ritrita della *mancanza di prove* e, quando tali prove ci sono, tirano in ballo la *MANCATA pubblicazione dei risultati sulle riviste scientifiche*, quando non definiscono addirittura *baracconi* le nostre Associazioni!
Io rispondo loro che, volendo applicare questa stessa logica alle grandi scoperte dell'Antichita' dato che Galileo non ha mai fatto una pubblicazione su Scientific American e Colombo non si é portato dietro una troupe del National Geographic, qualsiasi scienziato dovrebbe concludere che le leggi del pendolo e la scoperta dell'America non sono mai state provate!!!
A questo punto i paludati scienziati ricordano al pubblico il famoso premio Randi, un milione di dollari mai ritirato perché nessuno ha mai dimostrato la veridicità dei fenomeni paranormali....
A parte il fatto che i soldi non sono tutto e che dovremmo considerare offensivo ritirare una vile somma di denaro per uno studio di incommensurabile valore per tutta l'Umanità (sarebbe piu' etico proporre un intervento umanitario ad alto livello), posso tranquillamente rispondere loro che almeno una evidenza scientifica della realta' dei fenomeni paranormali ce l'abbiamo da piu' di 50 anni!! Dal Sig Randi dovrebbe presentarsi l'attuale Capo dei servizi segreti di sua Maesta' Britannica, certo, proprio il capo del famoso MI5, perché dagli Archivi del succitato servizio segreto sono emersi dei documenti che provano la veridicità delle comunicazioni post mortem in maniera inconfutabile.
Vi riassumo quanto é stato pubblicato recentemente su Internet, sul sito
dell'
Avvocato Zammit, al cui link vi rimando.
-----------------------------------------------
L' MI5, il potente Servizio Segreto Inglese (quello per cui lavora J. Bond, tanto per capirci) si interesso' ad
Helen Duncan quando si accorsero che si trattava di una vera Medium e non di una frode. Nel 1941 la nave da guerra Barham fu affondata dai nazisti. Un Marinaio morto duranteHelen Duncan l'affondamento, a poche ore da esso, apparve a sua madre a Portsmouth (grazie alla Duncan) e le riferi' che non sarebbe piu' tornato a casa perché la sua nave era stata affondata e che ora viveva in un altro mondo, funzionante su un' altra lunghezza d'onda. La madre chiese notizie all'Ammiragliato Britannico che nego' la storia dell'affondamento e la morte del figlio, in quanto i Militari temevano che una notizia cosi' tragica avrebbe fatto andare a pezzi il morale della popolazione impegnata a combattere il nemico. Ma la nave era stata REALMENTE AFFONDATA! Ovviamente questa storia preoccupo' non poco i Servizi Segreti di Sua Maesta' che, poco prima dello sbarco in Normandia, per paura che la Duncan potesse rivelare a qualcuno il luogo esatto dello sbarco, la arrestarono

CON L'ACCUSA DI STREGONERIA (!!!!) SPOLVERANDO UNA LEGGE DEL 1735

il "Witchcraft Act", Legge abrogata solo nel 1951......
---------------------------------------------------------------------
Il fatto é eclatante e, naturalmente, nessuno ne ha saputo niente, almeno negli studi televisivi dove si aggirano i nostri detrattori, meglio dare in pasto ai teleutenti le sode carni della Ferilli o le ammiccanti scollature delle giornaliste dei TG di Stato, fanno molta piu' audience e sono molto meno pericolose!
Perché dunque si vorrebbe questo silenzio *di Stato* sul Paranormale perché si vorrebbe soffocare la curiosità del pubblico con inconcludenti dibattiti televisivi....???
Credo di avere una risposta plausibile.
L'impatto di una notizia di questo tipo potrebbe,almeno nelle menti di chi ci governa, destabilizzare il mondo intero! Una volta certi della esistenza dell'Aldilà, essi pensano che l'economia mondiale crollerebbe: che bisogno ci sarebbe piu' di affannarsi per fare carriera? Quanti beni di consumo inutili non desidereremmo (e quindi non acquisteremmo) piu' sapendo con certezza che, dopo la morte, potremmo costruirci persino un pianeta personale? Meglio lasciare che il dubbio continui ad albergare nelle menti dei cittadini, esso funziana molto meglio della certezza, é il classico *colpo al cerchio e colpo alla botte*....
Per quanto tale comportamento possa apparire esecrabile a noi che abbiamo diretto il nostro sguardo sulla Spiritualita', devo ammettere che costoro,se é vero che di congiura del silenzio si tratti, poiché ragionano da un punto di vista puramente utilitaristico e materialistico, temono il crollo di un sistema basato sul profitto, sulla prevaricazione e sullo sfruttamento dei deboli...visto con la loro ottica, il crollo dei valori fondamentali del Capitalismo é una catastrofe da evitare. Io ritengo invece che tutta la parte sana dell'umanità si sentirebbe finalmente liberata dall'angoscia, dall'egoismo,
dalla paura del domani e, dopo i primi giorni di piacevole shock, riprenderemmo tutti a lavorare come sempre, ma con una maggiore consapevolezza circa i significati veri e piu' profondi della nostra esistenza: aiutare gli altri, anziché sfruttarli, amando il prossimo come noi stessi. Quanti obiettivi comuni potremo porci, quante opere necessarie a tutti i popoli e non piu' riservate
soltanto ai piu' ricchi potremmo realizzare insieme, liberi dalle guerre, dagli odi razziali e dalle divisioni di ogni tipo.....
*YOU MAY SAY I'M A DREAMER* diceva J. Lennon, ma aggiungeva che non era il solo
e vorrei che stasera fossimo in tanti a pensarla tutti nello stesso modo.
Se nessuno inizia a cambiare il Mondo esso mai cambiera' avrebbe detto Gesù ad un NDER, aggiungendo: "... perché non dovresti essere proprio tu a cominciare?"

Vengo ora ad illustrarvi alcuni dei contatti post mortem avuti con mio figlio Nicola, passato a soli sei anni per un male incurabile.

Ritengo di aver avuto dei messaggi unici e singolari nel campo della pur vasta casistica mondiale. Lo stesso Bill Guggenheim, il primo ricercatore che ha raccolto scientificamente migliaia di casi di ADCs insieme alla moglie Judy pubblicandoli nel libro *Hello from Heaven (Voci dal cielo nell'edizione
italiana), non ne aveva mai incontrato uno simile.
Si tratta di intere parole o lettere singole che si formano occasionalmente sul mio sapone da bagno, con peli corporei o capelli. Purtroppo non ho pensato di fotografarli tutti, per cui qui vedete solo la
parola *LOVE* giunta in quattro giorni (una lettera al giorno) ad Aprile dell'anno scorso.

Cio' che colpisce e' non tanto il fatto che casualmente dei capelli possano
assumere la forma di una lettera dell'alfabeto, quanto il fatto che esse siano giunte in una sequenza logica e SOPRATTUTTO SU ESPRESSA RICHIESTA DI UN MEDIUM!
Allo stesso modo, alcuni giorni prima avevo ricevuto la parola *CIAO* e, nel Luglio del 97, la parola SALVE scritta in un'unica volta, per intero!
Altri fenomeni come la sparizione e successiva ricomparsa di oggetti, la ripresa del funzionamento di un vecchio orologio a cucù, luci lampeggianti o trovate accese durante la notte, sono relativamente comuni e non credo valga la pena soffermarcisi sopra piu' di tanto: sono fenomeni soggettivi, non dimostrabili
coi fatti e che credo siano capitati un po' a chiunque abbia sofferto la perdita
di un familiare.
Posso solo aggiungere che tali fenomeni si sono sempre verificati per un motivo
ben preciso, come quando mio figlio fece sparire le chiavi dell'auto della mamma
un giorno che aveva assunto un forte tranquillante: riapparvero sul pavimento in
un posto assolutamente sotto gli occhi di tutti solo quando non aveva piu'
necessità di usare l'auto!
I contatti tramite medium, utilizzando Internet, mi sembrano anch'essi una prova
concreta della bonta' di molti Medium che non devono assolutamente essere
scambiati coi volgari ciarlatani. Natalie Blakeslee, Sunni Welles e Ocallah,
sono state in grado di riferirmi particolari sulla vita di mio figlio troppo
esatti per essere solo frutto dell'imaginazione. L'obiezione che il CICAP pone
contro questo tipo di fenomenologia, é che il Medium possa influenzare le
risposte del *malcapitato* ponendo una serie di domande e studiando le reazioni
del cliente alle sue affermazioni. Ovviamente questo non é possibile quando la
distanza che separa i due sia quella dell' Oceano Atlantico, come é avvenuto nel
mio caso, o quando addirittura la seduta sia avvenuta senza un contatto in
diretta, ovvero in orari totalmente diversi a causa della differenza del fuso.
Dopo la prima seduta che ebbi con il bravissimo Sig.Sante Cazzorla nel 97,(al
quale inviai una foto del Bambino con le sole date di nascita e dipartita), posi
al Cicap la seguente domanda:
***********************
>Le domando come fanno i medium che usano comunicare con presunti defunti
>a dare,spesso, informazioni coincidenti in molti punti con il carattere,
>le abitudini e le parole gergali usate dall'Estinto:effetto BARNUM?

>>>Ricevendo immediatamente la seguente risposta:

Difficile rispondere brevemente; ci sono tanti fattori che entrano in gioco
in questi casi: primo fra tutti il desiderio di credere di chi partecipa
alle sedute spiritiche. IN genere, infatti, chi va ad una seduta spiritica
non e' un superscettico, pronto a cogliere eventuali trucchi, ma una
persona emotivamente fragile, che ha perso qualcuno di caro e farebbe di
tutto per parlargli ancora: questo desiderio, spesso induce a credere di
vedere o sentire veramente la persona estinta. Nel mio Viaggio tra gli
spiriti, ho parlato spesso del fenomeno. Non e' necessario che il medium
sia in malafede; talvolta, pero', capita che il meidum in qualche modo
acquisisca delle informazioni specifiche sul carattere e la personalita'
del defunto e cerchi di imitarlo per convincere i suoi clienti.
Spero di essere stato esauriente (per quanto limitatamente).
A presto,
Massimo Polidoro
-------------------------------------------------------------
quando riscrissi al Sig. Polidoro dicendo che non vi era stato nessun contatto
fisico fra me ed il Medium.............
AVRETE CAPITO CHE STO ANCORA ASPETTANDO UNA SUA RIGOROSA RISPOSTA SCIENTIFICA!!!

-****************************************
A conclusione di questa mia lunga chiacchierata, vorrei aggiungere che, alla
luce della mia esperienza, ho imparato che non dobbiamo rinchiudere la nostra
mente entro schemi fissi ed immutabili, lasciandola libera di indagare ogni
aspetto di questa nostra esistenza, senza pregiudizi scientifici o religiosi,che
dobbiamo essere curiosi come bambini,*CHIEDETE E VI SARA' DATO, BUSSATE E VI
SARA' APERTO, disse Gesù.
Ho imparato che quanto e' successo a me ed alla mia famiglia, ovvero la perdita
di un bambino, debba essere visto come un grande insegnamento, un Dono di Dio e
non come una disgrazia, una punizione.
Certo, finché io e la sua mamma non saremo dall'altra parte del velo, ci
mancherà la sua fisicita' il suo essere visibile su questo piano di esistenza,
ma so per certo che Egli é vicino a noi molto piu' di quanto non lo fosse
durante i suoi pochi anni di permanenza su questo livello e cio', se non
cancella il nostro dolore, lo lenisce moltissimo.