CONGRESSI DI PARAPSICOLOGIA - 2003-2004
Avendo maggiore spazio disponibile, ho ritenuto farvi cosa gradita ripubblicando gli articoli relativi ai Congressi precedenti.

Alcuni articoli sono scaricabili in versione testuale "zip" cliccando qui:

 

10° CONGRESSO INTERNAZIONALE DI PARAPSICOLOGIA

OLTRE 600 SPETTATORI APPLAUDONO IL DR. MORSE 
CHE HA AFFERMATO CON FORZA:"
LA COSCIENZA E' UN QUID ESTERNO AL CERVELLO 
UMANO, ECCO LE PROVE!"

***************************************
  Bellaria, 28-03-04

I congressi organizzati dal Dr. Cutolo sono ormai considerati un punto di riferimento per tutti gli studiosi di Parapsicologia ed anche quest'anno le attese non sono andate deluse: oltre 600 Convegnisti hanno avuto modo di ascoltare i numerosi relatori presenti e di apprezzare le varie tesi da loro sostenute a favore dell'evidenza della realtà trascendentale che normalmente chiamiamo "Aldilà". Da ogni parte del mondo ed in tante lingue diverse, tutti hanno sostenuto e cercato di dimostrare che non siamo solo esseri fatti di materia, ma che in noi - o forse in tutta la Creazione- vi é evidentissima la presenza di un "QUID" che la nostra primordiale conoscenza scientifica non puo' ancora pienamente dimostrare, a meno che non cessi di essere arrogante e diventi più aperta a nuove vie d'indagine. Di certo il Dr. Melvin Morse appartiene a questa nuova schiera di Scienziati del 21° secolo, schiera di cui lui é stato uno dei precursori e che si allarga sempre di più. Da anni stiamo assistendo ad una progressiva "conversione" di menti illuminate che, partendo dal Dr. Moody e proseguendo col succitato Dr.

Morse, fino a toccare strati sempre più profondi della Ricerca, sta coinvolgendo Ingegneri, Architetti, Statistici, Fisici e chi più ne ha ne metta, in quello che sembra essere un nuovo filone di ricerca: la ricerca della Spiritualità che é palese nell'essenza stessa dell'Universo. Categorie di Scienziati come quelle succitate, viste da sempre come scettiche e materialiste, cominciano a balbettare la parola "DIO".....

Il Dr.Melvin Morse non fa eccezione e dalla sua seguitissima relazione sulle NDE dei bambini, é scaturita una grande speranza -per non dire certezza- che presto l'Aldilà sarà riconosciuto come parte integrante dell'Universo. Le prove che ha portato sarebbero "...inoppugnabili persino davanti ad un tribunale" che non potrebbe disconoscere la realtà di fenomeni fino a ieri confinati alla letteratura dell'insolioto, ma che oggi appaiono concrete evidenze di questa tanto ipotizzata realtà trascendentale, che solo le religioni sostenevano esistere.

Egli ci ha mostrato gli ingenui disegni dei bimbi da lui rianimati dopo incidenti, annegamenti, folgorazione,ecc. che non potevano sapere come si pone un rianimatore sul corpo di un paziente in arresto cardiaco, né descrivere come sono stati trasportati ("mio padre mi ha preso in braccio ed é corso in Ospedale"), poiché "clinicamente morti" per periodi anche lunghissimi (20 minuti). Come si puo' dubitare delle parole di un bambino di due o tre anni che non ha mai visto i suoi parenti defunti ma che, dopo una NDE, é in grado di descriverli ai genitori ed alle equipes di medici e psicologi? Come si puo' pensare che un altro bambino di sei anni abbia potuto diagnosticare la malformazione cardiaca gravissima da cui risulterà affetto il fratellino non ancora nato e poi effettivamente riscontrata a mesi di distanza dall'evento di pre-morte, senza ammettere che il cervello "non é tutto"?
Questi e tanti altri episodi hanno indotto il Dr. Morse ad affermare che l'unica ipotesi attualmente sostenibile e capace di spiegare simili fatti incredibii, é che la coscienza umana
NON RISIEDA NEL CERVELLO, ovvero che essa non é il sottoprodotto di un'attività chimica di un insieme di cellule, ma un QUID di esterno, in grado di connettersi con una rete d'informazioni enorme che valica i confini dello spazio e del tempo. Io l'ho definita "un'internet mentale" ed il simpaticissimo Melvin ha preso subito nota di questa mia definizione esclamando "Cool! Cool" (buona!)" condendo il tutto con larghi sorrisi e pacche sulle spalle!
Pur non potendo ammettere esplicitamente -onde non infrangere i canoni di quel mondo scientifico ancora sordo a questi segnali- che con tali studi egli abbia dimostrato l'esistenza dell'anima, Melvin ha strizzato l'occhio alla platea, lasciando a noi questa conclusione. Egli ci ha anche rivelato di un altro studio sui bimbi deceduti per SIDS (la morte nelle culle), dal quale risulta che il 40% delle madri di tali bimbi avevano avuto sogni o segnali premonitori della imminente dipartita dei loro figlioli, ma purtroppo questo lavoro é stato rifiutato per ben tre volte dagli Editori, perché considerato non accettabile dalla Scienza Ufficiale!

Io ed il Dr. Marino Parodi, abbiamo avuto il privilegio di intervistare il Dr. Morse prima della sua conferenza ed egli ci ha anticipato questi argomenti, mostrandoci le foto dei disegni in suo possesso e raccontandoci le storie di questi bambini. Uno di loro oggi é diventato un famoso Manager. Ci ha molto commosso il racconto relativo ad un caso di Sindrome della Morte Improvvisa Del Lattante (SIDS) che qui vi riporto. Un giorno una donna si recò in Ospedale, pregando il Dr. Morse di visitare il suo bimbo di pochi mesi, temendo che potesse morire da un momento all'altro. Dalla visita non risultò nulla di preoccupante, il bimbo godeva di ottima salute e non c'era motivo per ricoverarlo, ma la madre insisteva in tal senso. Incuriosito le chiese il perché di tanta preoccupazione ed ella gli raccontò di uno strano sogno fatto la notte precedente: due braccia enormi afferravano il piccolo dalla culla ed una voce stertorea le diceva "Questo bambino non ti appartiene e deve tornare in Cielo!".
Pur incuriosito dal racconto, il Dr. Melvin non pote' accontentare la richiesta, non essendovi nessun presupposto clinico per un supplemento d'indagine, ma..... il giorno dopo la stessa madre correva in Ospedale con in braccio la sua creaturina ormai esanime e per la quale non ci fu nulla da fare. Concludo facendovi sorridere: sapete cosa disse un bambino al nostro amico,dopo un'esperienza di pre-morte, sfoggiando un sorrisetto furbo sul suo faccino?
"Dr. Morse, vedrai che il Paradiso é un posto molto divertente!"

Mentre un altro gli disse in un'orecchio: "Ho un bellissimo segreto da confidarti: lo sai che c'é una scala che porta fino in Paradiso?"

ALTRE NOTIZIE DAL CONGRESSO

Il vostro Webmaster si é limitato a riassumere le notizie più importanti pubblicate recentemente sul sito, a tutto vantaggio di coloro che non usano Internet, in una specie di TG Paranormale con tanto di sigla e proiezione di lucidi. La cosa sarà forse piaciuta alla "Signorina Buonasera "(Virginia Sanjust) che vedete qui sopra ritratta, anch'ella interessata alle tematiche del Convegno. Molto seguita é stata pure la presentazione dell'ultimo libro della Dr.ssa Fulvia Cariglia, Echi d'altrove (Mondadori), la quale ha ringraziato il sottoscritto per aver coniato il termine "Amputati" che, pur nella sua crudezza, descrive bene la triste condizione dei "genitori orbati dei figli" e sostituisce egregiamente questa perifrasi non troppo felice. Anche il nostro carissimo amico e giornalista, Dr. Marino Parodi, ha tenuto una seguitissima e dotta relazione nella quale ha anch'egli affermato che i dati scientifici fin'ora acquisiti dagli studiosi della Medianità, come Schwartz ed altri, portano acqua al mulino della Parapsicologia in maniera abbondante ed inaspettata, sottolineando il fatto che la Fisica Quantistica potrebbe essere una chiave di lettura atta a spiegare ciò che ci ostiniamo a chiamare "paranormale", come tutti i fenomeni fisici poco o affatto conosciuti.

Durante l'ultima serata si sono esibiti due musiscisti molto particolari: il Maestro Francesco Colella ed un suo allievo che hanno affascinato il pubblico con la campana tibetana e le conchiglie oceaniche, in grado di produrre suoni totalmente diversi da quelli degli strumenti tradizionali e che trasmettevano vibrazioni particolarissime e molto piacevoli, tali da indurre alla meditazione ed al rilassamento. Purtroppo non ho né il tempo né lo spazio sufficienti per raccontarvi tutto il resto e me ne scuso con quanti non ho potuto citare, ma vorrei congedarmi da voi raccontandovi un curioso episodio di cui sono stato testimone durante l'ultima serata. Mentre erano in corso i contatti medianici in sala, ho notato che le Medium Sheila Green e Janette Marshall venivano "misurate" da un distinto signore attraverso uno strano "aggeggio" che sembrava una via di mezzo fra la bacchetta del rabdomante ed un goniometro. Estremamente incuriosito, non ho potuto fare a meno di fermarlo e chiedergli ragguagli ed egli, molto gentilmente, mi ha rivelato di essere un Architetto che s'interessa di energie bioradianti (nodi e frequenze di Hartmann) e che con quello struento era in grado di misurare le energie emesse da ogni essere umano, diverse se si tratta di soggetti "normali" o dotati di capacità medianiche. Egli era anche in grado di stabilire, oltre alla "genuinità dei Mediums", chi fosse il soggetto fra il pubblico che stava per essere contattato ed addirittura discernere da una fotografia, se trattasi del ritratto di un Defunto o di un vivente. Eseguita una rapidissima misurazione sulla foto dei miei figli, é stato in grado non solo di dirmi che Coco' non é più qui e che la sorella é vivente, ma anche che la "lunghezza d'onda" del mio Nicola é estremamente elevata, ovvero che trattasi di uno Spirito molto evoluto, POICHE' EMANEREBBE QUASI LA STESSA "RADIAZIONE" DI PADRE PIO!
Una nostra amica,che ha ricevuto un commovente messaggio dal figlio "passato" circa quindici anni fà, mi ha confermato che le predizioni dell' Architetto L.N. si sono rivelate esatte, avendola avvertita in anticipo che un "canale" si era aperto fra lei, le Medium e Qualcuno dall'Aldilà. Non appena avremo maggiori informazioni su questo eccezionale studioso (é un famoso Professore Universitario, per cui non posso citare il suo nome), pubblicheremo un servizio il più esauriente possibile sui suoi studi ancora in corso.

Webmaster.

 

GRANDE PARTECIPAZIONE DI PUBBLICO A NAPOLI AL 3°Convegno dell'Associazione "I NUOVI ANGELI"

Non c'é due senza tre e la dinamica Famiglia Gatto é riuscita anche quest'anno ad organizzare il Convegno alle Terme di Agnano (Napoli), attirando sempre più pubblico, in maggioranza rappresentato da Genitori Amputati. Notevole lo sforzo organizzativo che il Presidente Saverio, la moglie Imma e la figlia Connie sono stati capaci di produrre, coadiuvati dal carissimo Nicola Cutolo, "maestro" indiscusso da più di un decennio ed i cui preziosi consigli sono stati pienamente messi a frutto dal "trio" Napoletano. A Proposito del Dr. Cutolo, dobbiamo per dovere di cronaca segnalare ai nostri lettori che recentemente é anch'egli -ahimè- entrato nel novero della Famiglia degli Amputati, avendo perso un figlio quarantenne, a causa di un male incurabile, lo scorso autunno. A tale notizia -peraltro già nota alla Redazione, ma non divulgata per motivi di privacy- ci siamo tutti stretti intorno al caro Nicola, confortandolo con parole che, nel nostro caso, non sono stato certo di convenienza. Nonostante tutto, Nicola ha pienamente dimostratro di non aver perso la grinta e di aver reagito nel migliore dei modi possibili, non solo continuando la sua meritoria opera di divulgazione scientifica e di ricerca sul paranormale, ma addirittura profondendovi un impegno ancora maggiore!

Numerosi i Relatori che hanno portato il loro prezioso contributo al Convegno, purtroppo non posso -per motivi di spazio- parlare di tutti i loro validi apporti, per cui mi limitero' a citarne solo alcuni, con cui io e mia moglie abbiamo stabilito un contatto più diretto nelle poche ore in cui ci é stato posssibile esser presenti.

Gabriella Brancaccio.

Sensitiva, Pittrice e Giornalista, ha visualizzato numerosi Defunti nella sala gremita da più di duecento persone, conducendo le mini-sedute singolarmente e non iniziando a parlare di qualcuno "in Spirito" per poi far individuare il contatto da una persona del pubblico. In tal modo nessuno ha potuto tacciarla di effettuare "cold-readings" come si puo' invece malignare per altre sue colleghe molto più famose. In contatto con lo Spirito di Nostradamus. ha raccolto in un libro queste sue esperienze. Gabriella, che vive a Roma, si é detta disposta a collaborare con la PdA per effettuare sedute telefoniche con coloro che avessero urgente necessità di contattare i propri Cari Defunti, ma di questo vi daremo i particolari in seguito.

Claudio e Francesca PisaniIL VOSTRO WEBMASTER

Ha tenuto un dibattito "a ruota libera" col pubblico presente in sala. Molte ed interessanti le domande che hanno spaziato dalla fisica quantistica e le sue implicazioni con l'Aldilà, alla Reincarnazione, gli ADC's, ecc. Naturalmente le discussioni sono proseguite anche al di fuori della sala convegni e tanto interesse verso la mia modesta persona mi ha notevolmente gratificato e reso felice per il lavoro di ricerca fin'ora svolto e divulgato grazie a queste pagine Web

Dello Studioso Francese Jean Prieur mi piace segnalarvi questa considerazione molto profonda sulla vita e la Morte: "Morire significa ESSERE e non più AVERE"

Il Dr. Nicola Cutolo ci ha illustrato gli esiti di un nuovo esperimento condotto con l'energia bio-radiante. Dopo aver dimostrato che i fotoni emessi dalla sua mano destra non solo sono capaci di alleviare i dolori pù disparati, di uccidere i microbi ed i virus coltivati in laboratorio, egli é stato in grado di aumentare la produzione di TRIPSINA, un enzima digestivo prodotto dal pancreas.

La D.ssa Daniela Pollio, ci ha raccontato di come ha ritrovato, grazie allo sviluppo di capacità medianiche, la cara Mamma scomparsa quando era ancora una bambina. La sua storia ed il resoconto dei contatti sono stati raccolti nel libro "Testimone di un miracolo" da lei scritto e di cui ci ha gentilmente fatto dono. Inutile dirvi che la sua storia é talmente affascinante, che il volume merita di essere acquistato.

Mi scuso con tutti gli altri Relatori dei quali non si parla in questo articolo, vuoi per esigenza di spazio, vuoi perché ho potuto seguire il Congresso solo da Sabato pomeriggio, a causa dei miei impegni di lavoro che non mi hanno consentito di allontanarmi da Lauria fin da Venerdì 21.

Webmaster

CONVEGNO DI PESARO 25-27-APRILE 2003

Buona partecipazione di pubblico al Congresso di Pesaro organizzato dall'Associazione Allan Kardec di Bari sotto la supervisione del Dr. Cutolo, nonostante nella vicina Riccione fosse in corso un altro Convegno di Parapsicologia organizzato dalle Ed. Mediterranee. I circa duecento partecipanti non hanno certo fatto sfigurare la nostra manifestazione, a dispetto di chi prevedeva una scarsa affluenza, complici anche il lungo ponte e le belle giornate di sole. Giova ricordare anche che molti iscritti si erano già recati a Bellaria circa venti giorni prima, per confermare quanto sia alto l'interesse del pubblico nei confronti di queste tematiche. Come ha detto il Dr. Parodi, siamo ad un punto di svolta, un'epoca di cambiamenti spirituali che ci condurranno ad un vero e proprio sconvolgimento positivo dell'esistenza umana. La mia relazione ha riscosso un notevole successo, tanto che molte persone mi hanno fermato nella hall dell'albergo, o addirittura per strada, per formulare domande o solo per congratularsi. Da parte mia, ho semplicemente illustrato quanto potete leggere sul Sito in merito a Bruce Moen ed ai miei riusciti contatti con le Entità Disincarnate, oltre a sintetizzare la tecnica usata,

Ci ha anche molto commosso la storia tragica della Signora Rosa Vitiello Langella che ha perso ben due figli ed il marito in un brevissimo volgere di tempo, storia anche questa raccontata su un libro, "I RINATI" (Ed. Hermes), dove ci dimostra come sia possibile "risorgere" da tanta tragedia, trovando in sè stessi la forza non solo di andare avanti, ma anche di aiutare gli altri. I suoi contatti EVP, ovvero col registratore, sono eccezionalmente chiari ed intellegibili, tanto che le abbiamo "commissionato" un contatto con Coco'.
Interessante anche l'intervento del Dott. Nicola Trizio, che ci ha raccontato delle sue esperienze con un medium "ad incorporazione" che era in grado di provocare anche fenomeni fisici. Molto interessato il pubblico in sala che ha mostrato un notevole coinvolgimento dimostrato dalle numerose domande poste agli oratori.
Concludendo, vorrei sottolineare come il momento più importante di questi Convegni, oltre alle interessanti relazioni, é il contatto diretto fra chi ha sofferto la perdita di una persona cara, un momento di intensa comunicazione umana, che ci aiuta a capire che non siamo soli in questo cammino di dolore, un momento per intrecciare nuovi contatti ed amicizie con altri "AMPUTATI", consolandoci ed incoraggiandoci a vicenda.